septiembre 28, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

“Genetic Fossil”: il ritrovamento del DNA intatto di una donna vissuta 7.200 anni fa in Indonesia | archeologia

Gli archeologi hanno scoperto un antico DNA nei resti di una donna morta 7.200 anni fa Indonesia, una scoperta che sfida ciò che si sapeva in precedenza sulla migrazione dei primi esseri umani.

I resti, appartenenti a un adolescente di nome Bessi, sono stati scoperti nella grotta di Leang Panninge sull’isola indonesiana di Sulawesi. I primi scavi sono stati effettuati nel 2015.

La scoperta pubblicata sulla rivista temperamento naturaSi crede che sia la prima volta che l’antico DNA umano è stato scoperto in Asia, la vasta catena di isole e atolli nell’oceano tra l’Asia continentale e l’Australia.

Il DNA è stato estratto dalla porzione petrosa del sacco osseo temporale, che ospita l’orecchio interno.

Il professore della Griffith University Adam Broome, che ha co-diretto la ricerca, ha affermato che il DNA intatto è una scoperta rara.

“I tropici umidi non perdonano assolutamente la conservazione del DNA nelle ossa e nei denti umani antichi”, ha detto Broome.

“Ci sono solo uno o due scheletri pre-neolitici che hanno prodotto DNA antico in tutto il sud-est asiatico continentale.

Altrove nel mondo – alle latitudini settentrionali dell’Europa, in America – Analisi del DNA antico Rivoluziona completamente la nostra comprensione della prima storia umana: la diversità genetica degli antichi umani, i movimenti di popolazione e la storia demografica. “

Gli scavi iniziali sono iniziati nel 2015 nella grotta di Leang Panninge sull’isola di Sulawesi. Fotografia: Università Hassan El Din

I ricercatori descrivono Bisset come un “fossile genetico”. Broome ha detto che il sequenziamento genetico ha mostrato che aveva una storia ancestrale unica condivisa da nessuno che vive oggi, né da nessun essere umano conosciuto dell’antico passato.

Circa la metà del corredo genetico dei Bessé è simile agli attuali aborigeni australiani e alle persone della Nuova Guinea e delle isole del Pacifico occidentale.

“I suoi antenati facevano parte della prima ondata di movimento dei primi esseri umani dall’Asia continentale attraverso queste isole della Valasia verso quella che oggi chiamiamo Sahul, che era la massa terrestre combinata dell’era glaciale in Australia e Nuova Guinea”, ha detto Broome.

Punte di freccia in pietra di Toaleo
Punte di freccia in pietra di Toaleo. I resti di Bessette sono stati trovati insieme a strumenti preistorici e ocra rossa. Fotografia: Shahna Britton e Andrew Thompson

Sorprendentemente, il DNA di Bessie ha anche mostrato un’antica connessione con l’Asia orientale, sfidando ciò che si sapeva in precedenza sulla cronologia della migrazione verso Wallacea.

“Si ritiene che la prima volta che persone di origine prevalentemente asiatica siano entrate nella regione di Wallacene sia stata circa tre o quattromila anni fa, quando i primi agricoltori neolitici preistorici sono entrati nella regione da Taiwan”, ha detto Broome.

“Se troviamo questa origine asiatica in una persona di cacciatori-raccoglitori vissuta migliaia di anni prima dell’arrivo di queste popolazioni neolitiche da Taiwan, suggeriamo … una trasmissione precoce di alcune popolazioni dall’Asia a questa regione”.

Bessé è anche il primo scheletro conosciuto appartenente alla cultura toalea, un gruppo di cacciatori e raccoglitori che visse nel Sud Sulawesi tra 1.500 e 8.000 anni fa.

Aveva 17-18 anni al momento della sua sepoltura. Accanto ai loro resti sono stati trovati utensili preistorici in pietra e ocra rossa. La sua tomba conteneva anche le ossa di animali selvatici cacciati.

READ  La corsa alle elezioni in Germania è troppo vicina mentre il vantaggio dell'SPD si riduce