septiembre 21, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

I sali organici potrebbero essere su Marte. Questo è ciò che significa

No, questo non è per la cucina dalla fattoria alla tavola. Il sale organico è un componente chiave nella ricerca di prove di vita sui pianeti extraterrestri.

Il rover ha esplorato il cratere Gale, probabilmente il sito di un antico lago, dal 2012. Ha iniziato a scalare il Monte Sharp alto 3 miglia, situato al centro del cratere, nel 2014.

La missione è iniziata con l’obiettivo di determinare se le condizioni sulla superficie di Marte supportassero la vita, nonché le caratteristiche del clima e della geologia marziana. La curiosità ha realizzato la maggior parte di ciò per cui è stata progettata, ma ora Entrando in una nuova fase interessante: indagare sulla trasformazione avvenuta su Marte miliardi di anni fa.

Le prove osservate dalle missioni robotiche su Marte, così come dagli orbiter attorno al Pianeta Rosso, hanno aiutato gli scienziati a determinare che era probabilmente un luogo più caldo e umido circa 4 miliardi di anni fa. Questo fino a quando un catalizzatore non ha fatto perdere a Marte gran parte della sua atmosfera e si è trasformato in un deserto ghiacciato circa 3 miliardi di anni fa.

Curiosity ha trascorso la maggior parte del tempo negli ultimi anni a studiare gli strati ricchi di fango del Monte Sharp. Ora, si sta spostando in un’area in cui cresce la roccia salata ed è piena di minerali solfati, secondo Abigail Freeman, vice scienziata del progetto Curiosity presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA. La missione di Curiosity è gestita dal personale di un laboratorio situato a Pasadena, in California.

La presenza di rocce fangose ​​indica che si sono formate quando l’acqua era presente sul pianeta. I minerali di solfato indicano che quest’acqua stava evaporando o stava diventando più acida.

Ciò significa che Curiosity sta essenzialmente transitando in un luogo in cui si è verificata questa transizione da umido a secco su Marte, quindi può monitorare direttamente gli effetti di questo antico cambiamento climatico.

READ  Ecco come appare Falcon 9 dopo 8 voli nello spazio in un anno

guida principale

I sali organici lasciati su Marte possono non solo fornire prove della presenza e scomparsa dell’acqua, ma anche agire come tracce chimiche di antichi composti organici. È molto più probabile che vivano su Marte rispetto alle molecole antiche, che sarebbero state molto più fragili.

La curiosità è già stata trovata Prove per la presenza di composti organici sulla superficie di Marte. Queste potrebbero essere indicazioni dell’esistenza di un’antica vita microbica, o potrebbe essersi formata attraverso processi geologici naturali.

I sali organici possono aggiungere più peso all’idea che la materia organica fosse una volta su Marte, ma aggiungono anche all’idea che Marte possa rimanere abitabile oggi. Sulla Terra, i sali organici possono essere utilizzati in alcune forme di vita per produrre energia.

James MT Lewis, un geochimico organico della NASA, ha dichiarato: “Se determiniamo che ci sono sali organici concentrati ovunque su Marte, vorremmo indagare ulteriormente in quelle aree, idealmente scavando più in profondità sotto la superficie dove il materiale potrebbe essere preservato. Meglio appartenenza. Goddard Space Flight Center a Greenbelt, Maryland, in una dichiarazione.

Nuova ricerca pubblicata da Lewis e dal suo team sulla rivista Journal of Geophysical Research: Planets In Mars fa notare che questi sali organici sono presenti su Marte – Curiosity deve solo trovarli. E non è così facile come sembra.

Anche se questi sali si trovano direttamente sulla superficie di Marte, esistono da miliardi di anni. La sottile atmosfera su Marte significa che i sali sono stati esposti a forti radiazioni nel tempo, che possono abbattere la materia organica.

La sonda spaziale Curiosity ha trovato molecole organiche sulla superficie di Marte.  Ecco perché sono sexy

I ricercatori hanno analizzato i dati di uno degli strumenti Curiosity a bordo della nave chiamata SAM, o Analisi del campione su Marte. Un laboratorio chimico simile a un forno situato all’interno della pancia del rover indica indirettamente la presenza di sali organici su Marte.

READ  Covid: ciò che sappiamo sul nuovo ceppo Delta potrebbe bloccare Israele

Ciò che SAM non può fornire è una prova diretta. Quando lo strumento riscalda campioni di suolo e roccia marziani raccolti dal rover, rilascia gas che possono essere utilizzati per determinare la composizione dei campioni.

Quando i sali organici vengono riscaldati, rilasciano solo gas semplici. Potrebbe essere correlato ad altri componenti nel suolo marziano.

Gli scienziati possono utilizzare i dati che Curiosity invia sulla Terra per mettere insieme i componenti rocciosi e i frammenti del suolo su Marte, creando un quadro più ampio di come era il pianeta miliardi di anni fa.

“Stiamo cercando di svelare miliardi di anni di chimica organica, e in questo record organico potrebbe esserci il premio finale: la prova che la vita esisteva sul Pianeta Rosso”, ha detto Lewis.

Ad esempio, SAM ha aiutato i ricercatori a confermare la presenza su Marte di molecole organiche che contengono carbonio, essenziale per la vita come la intendiamo noi.

“Il fatto che ci sia materia organica conservata in rocce di 3 miliardi di anni, e la troviamo in superficie, è un segno molto promettente che potremmo essere in grado di attingere a maggiori informazioni da campioni meglio conservati sotto la superficie, ” Egli ha detto. Jennifer L. Eigenbrod, un’astrobiologa di Goddard della NASA che ha lavorato sia allo studio del carbonio che alle ultime ricerche con Lewis, ha dichiarato in una nota.

Alla ricerca del sale

Curiosity ha un sacco di strumenti nascosti a bordo e ora i ricercatori ne stanno cercando un altro come strumento utile nella loro caccia al sale.

Il Chemistry and Mineralogy Tool, o CheMin, non ha ancora rilevato sali organici, ma gli scienziati della NASA ritengono che potrebbero essere presenti se ce ne fossero a sufficienza. SAM e CheMin inizieranno a giocare non appena Curiosity entrerà in una nuova area.

Il forno SAM funziona riscaldando i campioni a 1800°F (1000°C) o superiore. Queste temperature torride possono abbattere le molecole e rilasciare gas.

I rover su Marte in passato hanno spianato la strada al nuovo perseverante esploratore della NASA

Lewis e il suo team volevano modellare il tipo di gas che avrebbe emesso sali organici se fossero entrati in una fornace SAM, quindi hanno condotto un esperimento sulla Terra che replicava le rocce marziane. Gli scienziati hanno anche simulato campioni inclusi i perclorati. Questi sali, comuni su Marte, includono cloro e ossigeno. Ma gli scienziati temono che se il perclorato è incluso nei campioni, potrebbe interferire con la ricerca di materia organica, data la sua composizione.

READ  Una madre texana muore di Covid-19 pochi giorni dopo aver dato alla luce la sua seconda figlia

“Quando i campioni marziani vengono riscaldati, possono verificarsi molte interazioni tra minerali e materia organica che possono rendere difficile trarre conclusioni dai nostri esperimenti, quindi il lavoro che facciamo è cercare di individuare quelle interazioni in modo che gli scienziati effettuino le analisi. Questa informazione”, ha detto Lewis.

Il team è stato in grado di dimostrare che CheMin può essere utilizzato per rilevare i sali organici. Lo strumento mira a prendere i raggi X di campioni da Marte per determinarne la composizione.

La lunga strada per restituire per la prima volta campioni da Marte

Sebbene il Perseverance Wagon, situato a circa 2.300 miglia (3.701 chilometri) di distanza, non disponga di strumenti in grado di rilevare i sali organici, l’aiuto sarà in arrivo il prossimo anno.

La sonda ExoMars dell’Agenzia spaziale europea, che sarà lanciata nel 2022, sarà in grado di cercare campioni sotto la superficie di Marte perché può perforare fino a 2 metri di profondità nel suolo. Trasporterà uno strumento sviluppato in Goddard in grado di analizzare la chimica del suolo.

E la persistenza è solo il primo passo di un processo che alla fine invierà campioni marziani originali sulla Terra negli anni 2030, che potrebbero includere non solo prove di sali organici, ma fossili appartenenti all’antica vita microbica se esistessero su Marte.