agosto 4, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

I ricercatori affermano che l’osso intagliato di 51.000 anni è una delle opere d’arte più antiche del mondo

Uno studio pubblicato lunedì mostra che un osso di un cervo preistorico, scolpito con strisce da un Neanderthal 51.000 anni fa, è una delle opere d’arte più antiche mai trovate.

Questa scoperta è un’ulteriore prova che i Neanderthal – uomo di Neanderthal – sono stati in grado di esprimere il simbolismo attraverso l’arte – qualcosa che solo una volta è stato attribuito alla nostra specie, uomo saggio.

Un osso di cervo gigante scavato da Einhornhöhle.Minkus / Ufficio del patrimonio in Bassa Sassonia

“Questa non è chiaramente una collana o qualcosa del genere”, ha detto Thomas Terberger, professore e archeologo preistorico presso l’Università di Göttingen, coautore di uno studio sull’oggetto pubblicato sulla rivista. Ambiente e sviluppo della natura. “È chiaramente un ornamento che ha una sorta di carattere simbolico … Puoi anche chiamarlo l’inizio iniziale dell’arte, qualcosa che non è stato fatto per caso, ma con un piano chiaro in mente”.

L’osso è stato trovato in una grotta nelle montagne Harz nella Germania centrale, 150 miglia a sud-ovest di Berlino. La sua faccia è scolpita con emblemi intrecciati – linee a forma di V rovesciata – che sembrano puntare verso l’alto, e gli archeologi hanno anche scoperto una linea di fessure più piccole sul bordo inferiore, che sembra essere servita come base.

Ha detto l’archeologo Dirk Leder dell’Ufficio dei beni culturali dello Stato della Bassa Sassonia, che ha guidato gli scavi che hanno scoperto l’osso. “Forse è stata lasciata in piedi in un angolo della grotta.”

L’osso scolpito, ha detto, è stato scoperto insieme alle ossa della spalla del cervo e al cranio intatto di un orso delle caverne: oggetti rari che potrebbero indicare che la collezione avesse un significato rituale.

READ  Il dispositivo magnetico per la perdita di peso impedisce alla bocca di aprirsi più di 2 cm, irritante
Scansione microTC dell’osso inciso e interpretazione delle sei linee rosse che compongono il simbolo chevron. Evidenziate in blu sono una serie di linee subparallele. Ufficio del patrimonio in Bassa Sassonia

La datazione al radiocarbonio ha stabilito che l’osso ha 51.000 anni, più antico di qualsiasi opera d’arte simile attribuita ai Neanderthal.

Gli archeologi hanno anche trovato Antichi artigli d’aquila sono usati come ciondoli di Neanderthal, e Pitture rupestri in Spagna Questo potrebbe essere più vecchio, ma la loro data è controversa: “In questo caso, per la prima volta, abbiamo un pezzo datato in modo affidabile”, ha detto Terberger.

Einhornhöhle – o “Grotta dell’unicorno” – è famosa dove è stato scoperto l’osso scolpito, almeno dal XVI secolo ed è ora un’attrazione turistica. Prende il nome dalle ossa fossilizzate trovate lì, presumibilmente da unicorni, che un tempo venivano macinate per fare medicine.

Scavi a partire dagli anni ’80 hanno stabilito che la grotta fosse abitata da successive generazioni di Neanderthal, da almeno 130.000 anni fa fino a circa 47.000 anni fa.

Gruppi successivi di مجموعات uomo sano di mente Era anche una caverna, ma molto più tardi, circa 12.000 anni dopo, ha detto Leder. La prova più vicina di uomo sano di mente Erano nell’Europa sud-orientale circa 45.000 anni fa e si pensa che non abbiano raggiunto l’Europa centrale fino ad almeno 10.000 anni dopo, ha detto.

L’ingresso dell’ex grotta dove è stato trovato il pezzo scavato. L’oggetto è stato trovato a circa un metro dalla persona che impugnava il bastone.Lehmann / Ufficio del patrimonio in Bassa Sassonia

Gli archeologi possono solo indovinare i significati delle incisioni e se hanno un significato. “Questo è unico”, ha detto Lieder. “Non lo vediamo da nessuna parte nella letteratura paleolitica”.

READ  Questo mini acceleratore di particelle offre piccoli laser con grandi promesse

“Stavamo discutendo di diverse interpretazioni”, ha detto. “La forma potrebbe essere come una statua femminile con una testa e una parte del torace, ma poi il motivo a chevron sembrava ad alcuni di noi come tre montagne di fila, un paesaggio”.

L’analisi microscopica delle ossa mostra che le incisioni sono molto profonde, indicando che sono state bollite per ammorbidirle prima di scolpirle. Ha detto che anche le specie di cervo preistorico a cui apparteneva l’osso erano rare nella zona all’epoca e sono piuttosto grandi, il che potrebbe indicare che l’opera d’arte era di particolare importanza.

Questa scoperta è un’ulteriore prova che i Neanderthal non erano solo stupidi uomini delle caverne, come credevano una volta gli scienziati, ma erano capaci di espressioni artistiche o simboliche – qualcosa che in precedenza si pensava fosse unico. uomo sano di menteha detto Bruce Hardy, professore di antropologia alla Kenyon University in Ohio, che non è stato coinvolto nell’ultimo studio.

Ma ha detto che è possibile che molti oggetti d’arte di Neanderthal siano stati scolpiti nel legno – un modo molto più semplice per lavorare rispetto alla pietra o all’osso – e che ora siano periti dopo diverse migliaia di anni.

Il fatto che ci siano prove crescenti di espressioni artistiche simboliche da parte dei Neanderthal, così come in seguito uomo saggio. Ha notato che i tipi di ominidi che erano gli antenati di entrambi erano anche artistici.

“Se questi due diversi gruppi condividono anche un antenato comune, è probabile che anche l’antenato comune possieda un certo grado di abilità simbolica, il che significa che risale a molto più indietro”, ha affermato.

READ  Quattro casi del ceppo di coronavirus "Delta Plus" sono stati trovati in Israele'

La ricerca di Hardy includeva la scoperta dell’aspetto Pezzo di filo di Neanderthal Tecnologia senza precedenti dell’età della pietra.

L’analisi dei segni sull’osso mostra che non può essere il risultato di rosicchiamenti casuali da parte di carnivori, ha affermato l’archeologo Andrew Sorensen dell’Università di Leiden nei Paesi Bassi.

“Gli angoli relativamente regolari delle linee che si intersecano sono particolarmente convincenti che questi segni siano stati creati intenzionalmente dai Neanderthal”, ha scritto in una e-mail.

Particolarmente interessante è la possibilità di bollire l’osso per renderlo più maneggevole, ha detto. La sua ricerca si concentra su L’uso del fuoco da parte dei Neanderthal, che è anche vista come prova della sua capacità di utilizzare tecnologie relativamente avanzate