diciembre 2, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

I livelli di inquinamento sono aumentati a Delhi dopo che i residenti hanno sfidato il divieto di fuochi d’artificio a Diwali

Secondo l’Air Quality Index (AQI), la maggior parte delle località di Delhi ha registrato un indice di qualità dell’aria superiore a 500 venerdì mattina, con l’indice che ha superato il massimo a 999 in alcune località.

L’indice di qualità dell’aria misura la concentrazione di particelle PM2,5 per metro cubo di aria, che in grandi quantità possono causare malattie cardiovascolari e respiratorie.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità considera non sicuro qualsiasi valore superiore alla media annuale di 5 microgrammi: la lettura media a Delhi venerdì era di 706 microgrammi, Secondo Reuters.

Il mese scorso il primo ministro di Delhi, Arvind Kejriwal, ha vietato i fuochi d’artificio nel tentativo di controllare i livelli di inquinamento in città, ma le celebrazioni dei fuochi d’artificio di Diwali di giovedì sono proseguite per lo più come al solito e lo smog è destinato a peggiorare.

All’ambasciata degli Stati Uniti a Nuova Delhi, mercoledì mattina il numero di agenti di al-Qaeda in Iraq ha raggiunto 197. Entro venerdì, l’AQI è stato registrato a 492 e valutato come «grave».

In un bollettino serale emesso venerdì, il sistema di qualità dell’aria, le previsioni meteorologiche e la ricerca (SAFAR) gestito dal governo indiano ha affermato che i livelli di inquinamento a Delhi erano «estremi» e peggiori rispetto ai livelli registrati nel 2020.

«(Nelle ultime 24 ore), il livello di PM2,5 era più alto rispetto al 2020 ma molto più basso di quanto non fosse nel 2018», ha detto Saffar nel suo post.

Saffar ha attribuito direttamente il calo della qualità dell’aria ai festeggiamenti di giovedì sera. «Le emissioni di fuochi d’artificio nella notte di Diwali hanno deteriorato la qualità dell’aria da molto scarsa a grave», ha detto Saffar.

READ  Graffiti antisemiti sono stati trovati nel campo di sterminio nazista di Auschwitz-Birkenau

Secondo SAFAR, anche la combustione dei residui dei terreni agricoli ha contribuito in modo significativo ai livelli di PM 2,5, con un picco del 36%.

Delhi sta combattendo da anni con la scarsa qualità dell’aria, un problema esacerbato dalla combustione degli avanzi di paglia da parte degli agricoltori nelle aree vicine durante la stagione del raccolto e la celebrazione del Diwali con petardi.

Un rapporto pubblicato a settembre dal gruppo di ricerca dell’Energy Policy Institute (EPIC) con sede negli Stati Uniti presso l’Università di Chicago ha scoperto che la scarsa qualità dell’aria in India potrebbe ridurre l’aspettativa di vita di centinaia di milioni di persone di ben nove anni.

Nonostante il divieto di fuochi d’artificio a Delhi, il ministro dell’ambiente della città Gopal Rai ha detto venerdì alla CNN-News18, affiliata della CNN, che il Bharatiya Janata Party (BJP) al governo in India ha incoraggiato le persone a far scoppiare i fuochi d’artificio.

Saffar ha affermato che è probabile che l’inquinamento scomparirà durante il fine settimana a condizione che non vengano avviati più fuochi d’artificio, nonostante il fatto che si prevede che la combustione della paglia continui.

Segnalazioni aggiuntive di Reuters.