septiembre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

I lavoratori di Starbucks a Buffalo chiedono il voto sindacale

Per anni, i lavoratori di Starbucks si sono lamentati delle pratiche lavorative dell’azienda, affermando che la carenza cronica di personale ha portato a un ambiente di lavoro caotico, orari irregolari e difficoltà ad ammalarsi.

Sebbene rotante Impegni Starbucks rivede le sue politiche, i reclami rimanente Sembrava che si stesse stringendo Durante epidemico, quando i lavoratori esausti hanno dovuto fare i conti con nuovi problemi di salute e protocolli di sicurezza.

Ora, le frustrazioni di lunga data stanno alimentando una delle campagne sindacali più pericolose mai affrontate dall’azienda, che ha più di 8.000 sedi di proprietà dell’azienda negli Stati Uniti non sindacali.

La scorsa settimana, i lavoratori di Starbucks nell’area di Buffalo Hanno annunciato che stanno formando un sindacato Hanno chiamato Starbucks Workers United e hanno detto lunedì di aver presentato petizioni dai dipendenti di tre negozi della zona chiedendo al National Labor Relations Board di tenere un’elezione sulla rappresentanza sindacale. Hanno suggerito di votare entro due settimane.

“Possono risolvere questo o quel problema, ma ci sono sempre nuove cose in arrivo”, ha detto Brian Murray, un barista di Starbucks a Buffalo. “L’unico modo per risolvere questi problemi in futuro è avere un sindacato, avere la democrazia sul posto di lavoro”.

Dopo che i lavoratori hanno annunciato la formazione del sindacato la scorsa settimana, Starbucks ha dichiarato in una dichiarazione: “Rispettiamo il diritto dei nostri partner di organizzarsi, ma crediamo che non lo troveranno necessario nel nostro ambiente favorevole ai partner”.

I lavoratori stanno cercando di tenere le elezioni in serbo per negozio, ciascuno con circa 20-30 lavoratori qualificati, anche se l’azienda può spingere il Consiglio del lavoro a tenere un voto per la città o il distretto.

al massimo 30% di lavoratori qualificati Le tessere sindacali sul posto di lavoro devono essere firmate per poter votare. Il sindacato ha affermato che una “maggioranza forte” ha firmato i biglietti in ciascuno dei negozi in cui i lavoratori hanno chiesto di votare.

Alexis Rizzo, capoturno di un negozio, ha affermato di aver tenuto colloqui regolari per diversi anni con gli organizzatori della United Labour Organization, il sindacato a cui i lavoratori di Starbucks speravano di aderire, ma fino a poco tempo fa i tempi della campagna sindacale erano imbarazzanti. Non mi sento bene.

“Con la pandemia e la carenza di manodopera – il fatto che per una volta non possono essere completamente eliminati, hanno bisogno di noi – era il momento perfetto”, ha detto la signora Rizzo.

READ  Prime offerte Amazon Prime Day per il 2021: Cricut, Roku e AirPods

Lei e molti altri lavoratori hanno affermato che la pandemia ha esacerbato problemi di vecchia data, come lo stress da carenza di personale, che è diventato più acuto con l’aumento del turnover e dell’assenteismo, e poiché ai lavoratori sono state date ulteriori responsabilità come la disinfezione delle superfici.

“La formazione è diventata inesistente”, ha affermato Roisin Doherty, un barista nell’area di Buffalo. “Siamo sopraffatti dagli affari. Siamo costantemente a corto di personale”.

I lavoratori hanno detto che si sentivano sotto pressione per entrare quando erano malati a meno che non potessero trovare un collega che li sostituisse.

I lavoratori di Starbucks riscuotono permessi retribuiti perché lavorano più ore, in conformità con la legge statale. L’azienda concede ai lavoratori un congedo retribuito per un massimo di due settimane di turni persi se risultano positivi al Covid-19 o sono stati a stretto contatto con qualcuno che è risultato positivo al virus. Dice che si aspetta che i lavoratori restino a casa se sviluppano sintomi di Covid e possono ricevere un’indennità di malattia durante questo periodo.

La signora Rizzo ha raccontato di essersi addormentata circa un mese fa per lavoro perché la notte scorsa aveva vomitato. Dopo che il suo manager ha chiamato per chiedere dove fosse, ricorda, lo ha avvertito della sua malattia e gli ha chiesto quanto velocemente avrebbe potuto raggiungere il negozio.

“Vado a lavorare per un’ora e mi mandano a casa perché vomito costantemente”, ha detto. “Ero tipo, ‘Mi hai detto di entrare. “

Molti lavoratori si sono lamentati della difficoltà a soddisfare le loro metriche sulle prestazioni, che valutano la velocità con cui servono i clienti e la loro capacità di formare una “connessione con i clienti”. Hanno detto che questo era particolarmente vero nell’era TikTok, quando i clienti ordinano bevande elaborate Ispirato dagli appuntamenti sulla piattaforma social.

“Ho bevuto bevande che richiedevano due miscelatori: un frappuccino con schiuma”, ha detto Gianna Reeve, supervisore della rosacea nella zona di Buffalo. “Voglio farlo. Ma poi ho sentito che i tempi di guida non sono abbastanza veloci. È difficile sapere cosa vogliono da noi”.

Hanno espresso frustrazione per il fatto che Starbucks non sembrava rendere la sicurezza dei lavoratori una priorità, lasciando inizialmente ai baristi e ai supervisori in movimento l’applicazione delle politiche di mascheramento, e poi, con i tassi di infezione in aumento alla fine dell’anno scorso, hanno detto loro che non avrebbero dovuto preoccuparsi di richiedere maschere. Assolutamente.

READ  Quattro ospedali di Long Island sono classificati tra i 50 migliori ospedali della nazione per le specialità mediche

Il cambiamento è stato il risultato dell’ascolto dei dipendenti, che si sono lamentati del fatto che Starbucks li stesse mettendo in una posizione difficile, ha affermato Reggie Burgess, portavoce dell’azienda.

La campagna sindacale arriva in un momento in cui gli attivisti sindacali hanno riscosso notevoli successi a Buffalo, dove a Il candidato socialista è sconvolto L’attuale sindaco della città nelle ultime primarie democratiche. La United Labour Organization ha recentemente contribuito a unire diverse sedi nell’area di Buffalo in SPoT Coffee.

A livello nazionale, sembra che ci sia stato un recente aumento anche dell’attività lavorativa, comprese personalità di rilievo elezioni sindacali al magazzino Amazon in Alabama; Formazione del cosiddetto sindacato di minoranza prima Dipendenti di Google; un colpire in diversi stati dai lavoratori di Mondelez International, produttore di Oreos e Chips Ahoy! e mesi colpire dai minatori di carbone in Alabama.

Starbucks ha sempre sviluppato un’immagine progressista. Il Dipartimento per l’impatto sociale Dal suo sito web afferma che l’azienda “crede sempre di poter bilanciare la redditività con la coscienza sociale”. Nel 2018 ha chiuso i suoi negozi negli Stati Uniti per Sessione di formazione anti-bias di quattro ore Dopo un impiegato a Filadelfia Chiama la polizia Per segnalare che due uomini di colore si sono rifiutati di andarsene.

società Relazione annuale Cita la sua generosità nei confronti dei dipendenti regolari, riferendosi a loro come “Partner”, definendoli “importanti contributori al nostro successo come marchio globale che guida con intento”.

Molti lavoratori hanno affermato che mentre apprezzavano i benefici relativamente generosi di Starbucks – i lavoratori part-time si qualificano per i benefici di Medicare e Starbucks paga le tasse scolastiche per i lavoratori accettati per conseguire una laurea online presso l’ASU – erano frustrati dalla relativa carenza. Paga in base all’anzianità. I lavoratori hanno affermato che un barista o un capoturno che ha lavorato nell’azienda per cinque anni di solito guadagna poco più di uno che è stato in quella posizione per un mese o due.

Sembra che a volte i funzionari di Starbucks abbiano fatto di tutto per scoraggiare i sindacati. A giugno, un giudice di diritto amministrativo presso il Consiglio nazionale per le relazioni con il lavoro Regola Che l’azienda ha licenziato illegalmente due lavoratori per contrastare gli sforzi di organizzazione sindacale a Filadelfia e che ha spiato le conversazioni che uno dei lavoratori ha avuto con i suoi colleghi. Starbucks ha impugnato la sentenza.

READ  I grandi negozi di bricolage aggiornano le politiche sulle maschere COVID

Sebbene non vi sia alcun sindacato in nessun negozio di proprietà di Starbucks negli Stati Uniti, alcuni negozi che sono di proprietà e gestiti da altre società in base ad accordi di licenza sono sindacati.

Dopo che i lavoratori di Buffalo hanno annunciato il loro sindacato la scorsa settimana, hanno ricevuto un messaggio di testo da un manager che li invitava a una delle numerose udienze aziendali per “discutere la loro esperienza con l’azienda in generale”. Il signor Borges, un portavoce di Starbucks, ha affermato che le udienze sono state registrate nei negozi statunitensi dell’azienda.

“Siamo orgogliosi di creare lo spazio e i forum per conversazioni aperte e oneste sulla creazione e il mantenimento di un ottimo ambiente di lavoro”, ha affermato.

Ma molti lavoratori hanno affermato che anche l’azienda ha suscitato paura.

Kayla Sterner, una barista nell’area di Buffalo, ha detto che i supervisori del turno del suo negozio che in precedenza avevano discusso pubblicamente dei problemi del negozio sono diventati nervosi e disconnessi dopo essere stati chiamati a un incontro con un manager la scorsa settimana. Il signor Murray ha detto che lui e altri lavoratori che indossavano spille sindacali sono stati accolti con un’aria sporca dal loro manager durante i loro turni.

Il signor Murray ha detto che da allora il manager si è rilassato, ma i lavoratori rimangono preoccupati per la risposta che la sede aziendale potrebbe dettare. “I lavoratori hanno paura”, ha detto. “Non si sentivano a loro agio o al sicuro nel firmare la tessera della gilda a terra”.

Per ridurre il potenziale di intimidazione, il Comitato Organizzatore dei Lavoratori ha scritto al CEO di Starbucks Kevin Johnson, chiedendogli di accettare un elenco di otto “principi elettorali equi”. Includono l’astensione da minacce esplicite e implicite contro i lavoratori mentre stanno prendendo in considerazione la sindacalizzazione e consentono al sindacato di tenere riunioni con i lavoratori in orario aziendale se la direzione tiene riunioni simili.

Nella loro lettera, i membri del comitato hanno scritto che stavano sindacalizzando non in risposta a particolari politiche ma per raggiungere una “vera partnership” con Starbucks. “Vogliamo che l’azienda abbia successo e vogliamo che la nostra vita lavorativa sia al meglio”, si legge nella lettera.