enero 24, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Google ha copiato la tecnologia degli altoparlanti multizona di Sonos e le regole del regolatore di importazione negli Stati Uniti

La US International Trade Commission ha stabilito che Google sta violando cinque brevetti Sonos relativi agli altoparlanti intelligenti (attraverso New York Times). la decisione La sentenza del giudice confermata ad agostoe potrebbe costringere Google a interrompere l’importazione di prodotti utilizzando la tecnologia incriminata.

Non è ancora chiaro se uno qualsiasi dei prodotti Google specifici scomparirà necessariamente dagli scaffali: infatti, il portavoce di Google José Castaneda osserva che i clienti dell’azienda non subiranno «nessuna interruzione» a seguito della decisione. Bloomberg segnalato a settembre Che Google potrebbe avere soluzioni software per i brevetti Sonos e Sonos stesso riconosce che Google potrebbe «degradare o eliminare le funzionalità del prodotto in modo da aggirare il divieto di importazione ITC».

Ci sono segni che questo è già iniziato – 9to5Google segnalato a novembre Che Android 12 ha rimosso la possibilità di controllare il volume di Chromecast, con un dipendente di Google che si ritiene abbia citato un «problema legale» come motivo per rimuovere la funzione. (Uno dei cinque brevetti in violazione Specificamente correlato al ridimensionamento dei dispositivi su una rete locale.) Secondo Mishaal RahmanLa funzione di controllo del volume sta già iniziando a tornare su alcuni telefoni Pixel come parte dell’aggiornamento di gennaio 2022.

Altri due brevetti riguardano la sincronizzazione di più dispositivi su una rete; Uno Si tratta di configurare un dispositivo di riproduzione (come un altoparlante Wi-Fi) per la connessione alla rete per cominciare.

READ  Il Ford Ranger Splash e il #VeryGayRaptor sono due camion colorati

Inizialmente, Sonos ha chiesto a ITC di agire su tutti i tipi di dispositivi Google, inclusi non solo gli smart speaker Google Home dell’azienda, ma anche i telefoni Pixel, secondo proprio adesso. Abbiamo chiesto sia a Google che a Sonos se è effettivamente possibile vietare l’importazione (e quindi la vendita) di particolari dispositivi a causa della sentenza, e vi diremo cosa sentiremo.

Ad ogni modo, è un duro colpo generale per il business dell’hardware di Google, che è cresciuto sempre di più nello spazio della casa intelligente, inclusi altoparlanti e fotocamere intelligenti e, in particolare, nei router Wi-Fi, come ha affermato la società Google WiFi/Nest WiFi. . È stato il router più venduto in tutto il mercato nel 2019.

Puoi leggere la decisione completa del comitato di seguito:

Ecco la dichiarazione completa del direttore legale di Sonos, Eddie Lazarus:

Apprezziamo che ITC abbia definitivamente verificato la validità dei cinque brevetti Sonos coinvolti in questo caso e abbia categoricamente escluso che Google stia violando tutti e cinque i brevetti. Questa è una vittoria complessiva rara nei casi di brevetto e sottolinea la forza dell’ampio portafoglio di brevetti di Sonos e scuote la negazione della copia da parte di Google. Questi brevetti Sonos coprono l’innovativa invenzione di Sonos di funzionalità audio domestiche molto popolari, tra cui la configurazione per controllare i sistemi audio domestici, la sincronizzazione di più altoparlanti, il controllo del volume indipendente per diversi altoparlanti e l’abbinamento di altoparlanti stereo.

È possibile che Google possa indebolire o rimuovere le funzionalità del prodotto in modo da eludere il divieto di importazione imposto da ITC. Ma mentre Google può sacrificare l’esperienza del consumatore nel tentativo di aggirare questo divieto di importazione, i suoi prodotti continueranno a violare dozzine di brevetti Sonos, le loro violazioni continueranno e i danni dovuti a Sonos continueranno. Invece, Google – come hanno già fatto altre società – potrebbe pagare una tariffa equa per le tecnologie di cui ha sottratto.

Google e Sonos sono bloccati anche in altre battaglie legali – Google Ho presentato una domanda riconvenzionale contro Sonos A giugno 2020, il Sonos Ho presentato un’altra causa Nel settembre 2020, ha affermato che Google ha violato più dei suoi brevetti. «Pensiamo che sia importante mostrare la profondità e l’ampiezza della portata di Google», ha detto all’epoca Lazarus di Sonos.

READ  La pressione di Google e Facebook si allenta man mano che le misure antitrust avanzano in commissione

Sonos anche affermato Che Google gli impedisca di includere molti assistenti vocali sugli altoparlanti intelligenti, un’affermazione che Google non ha negato.