enero 22, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Possiedi tutto tranne la tecnologia Bubble Asset e la criptovaluta: l’investitore Rich Bernstein

Institutional Investor Hall of Commons Rich Bernstein è un toro di mercato il cui playbook esclude alcuni dei gruppi più popolari di Wall Street.

Incolpa le dinamiche rischiose in gioco nel mercato.

“Da un lato, abbiamo tutte quelle che definirei origini delle bolle: La tecnologia rivoluziona l’innovazioneCriptovaluta», ha dichiarato alla CNBC il CEO Richard Bernstein Advisors e CIO.Nazione commerciale«Venerdì.» Dall’altra parte di questa altalena, hai letteralmente tutto il resto del mondo. Penso che se non vedi l’ora che arrivi il 2022 e il 2023, vuoi essere in tutto il resto dal lato globale di questa sega».

Bernstein ritiene che la scarsità di capitale offrirà opportunità.

«Qui è dove i tuoi guadagni sono più alti», ha detto.

La sua scelta numero uno è Energy, un gruppo che ha elencato come il miglior gioco in arrivo del 2021. All’inizio di quest’anno, Bernstein ha invitato olio Il mercato rialzista più trascurato. E ora pensa che potrebbe essere il kit di crescita per il 2022.

il Fondo di selezione del settore energetico SPDR, che segue il gruppo, è già cresciuto del 51% quest’anno.

In una nota speciale alla CNBC, Bernstein ha scritto: «L’ultima volta che FCF [free cash flow] Il rendimento del settore energetico è stato elevato rispetto al mercato o il settore tecnologico era intorno alla bolla tecnologica e l’energia ha sovraperformato nel corso di un decennio. Il rendimento da dividendi del settore è più di 3 volte il rendimento da dividendi dell’S&P 500».

Bernstein, che gestiva la strategia alla Merrill Lynch, Avverte oggi sulle «origini delle bolle» Potrebbe danneggiare investitori grandi come i primi anni 2000.

READ  Futures Dow: Apple guida il rally di mercato dopo i minuti della Fed; Meme stock Newegg Rocket; Tesla, Nuovo Autunno

«Le valutazioni sono molto alte e quello che devi ricordare è che la valutazione è più importante della storia», ha detto.

Riconosce che le storie raccontate su Internet e sulle comunicazioni cellulari durante la bolla tecnologica del 2000 sono diventate una realtà nel decennio successivo. Ma ci sono voluti anni per raccogliere i profitti.

“Se investi in Nasdaq 100, che erano le vere aziende all’epoca, ci sono voluti 14 anni per raggiungere il pareggio. ha detto Bernstein. Qualcosa mi dice che alla gente oggi non interessano gli ascolti, ma non pensano nemmeno che ci vorranno 14 anni per rompere il pareggio».

La crittografia è una bolla ‘mostro’

Bernstein vede anche la criptovaluta come un enorme problema. Lo scorso giugno su «Trading Nation» Ha avvertito che la corsa al possesso di bitcoin e altre criptovalute sta diventando pericolosamente parabolica.

«La criptovaluta è la più grande bolla finanziaria della storia», ha affermato Bernstein. «Questo è solo un mostro.»

A partire dalla chiusura del mercato di venerdì, Bitcoin È di circa il 30% nell’ultimo mese. È ancora in crescita del 63% quest’anno finora.

Bernstein prevede che Bitcoin diminuirà fino al 90%, proprio come hanno fatto alcuni titoli tecnologici durante la bolla del 2000.

«Penso che si voglia aspettare per guardare i veri fondamenti e guardare le valutazioni prima di decidere che è finita», ha detto Bernstein.

disclaimer