agosto 14, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il regolatore statunitense regola che Google ha violato i brevetti delle cuffie Sonos

La Commissione per il commercio internazionale degli Stati Uniti ha concordato con Sonos Affermazioni Che Google ha violato il suo oratore e ha depositato brevetti. Ha emesso la sua sentenza iniziale ad agosto, ponendo così fine alla sua sentenza, che vieta a Google di importare prodotti che violano i diritti di proprietà intellettuale di Sonos. Poiché Google produce i suoi prodotti in Cina, ciò significa che non sarà in grado di spedirli negli Stati Uniti quando il divieto di importazione entrerà in vigore entro 60 giorni.

Sonos ha fatto causa a Google nel 2020 per cinque brevetti, che includono una tecnologia di dettaglio che consente agli altoparlanti wireless di sincronizzarsi tra loro. come New York Times Note, i prodotti interessati includono altoparlanti intelligenti per la casa, telefoni e computer Pixel, nonché dispositivi Chromecast. Mentre Google deve affrontare un divieto di importazione, un portavoce della società ha affermato che il gigante della tecnologia non si aspetta che la sentenza interrompa la sua capacità di importare e vendere dispositivi.

«Anche se non siamo d’accordo con la decisione odierna, apprezziamo che la Commissione per il commercio internazionale abbia approvato i nostri progetti rivisti», ha affermato il portavoce. protocollo. «Cercheremo un’ulteriore revisione e continueremo a difenderci dalle frivole accuse di Sonos in merito alla nostra partnership e alla proprietà intellettuale». Il comitato non ha contestato quei progetti alternativi nella sua decisione finale, il che significa che Google potrebbe implementarli.

In effetti, il team di Nest lo ha fatto di recente annunciare Alcune modifiche ai gruppi di altoparlanti, che si dice sono «dovute a una recente disposizione legale». Il cambiamento più notevole è che, d’ora in poi, gli utenti non saranno in grado di regolare il volume di tutti gli altoparlanti in un gruppo contemporaneamente. Dovranno invece regolare ciascun amplificatore individualmente.

READ  Wall Street cierra con fuertes ganancias tras subida de tipos de la Fed

In una dichiarazione, il chief legal officer di Sonos, Eddie Lazarus, ha riconosciuto che esiste la possibilità che «Google possa indebolire o rimuovere le funzionalità del prodotto in modo da aggirare il divieto di importazione ITC». Tuttavia, ha affermato che i prodotti del gigante tecnologico continueranno a «violare diversi brevetti Sonos», a meno che Google non paghi Sonos per le sue tecnologie.

Nella sua dichiarazione integrale:

«Apprezziamo che ITC abbia definitivamente convalidato i cinque brevetti Sonos coinvolti in questo caso e abbia emesso una sentenza categorica secondo cui Google li ha violati tutti e cinque. Si tratta di una vittoria complessiva estremamente rara nei casi di brevetto e sottolinea la forza dell’ampio portafoglio di brevetti di Sonos e il vuoto della smentita di Google Questi brevetti Sonos coprono l’invenzione pionieristica di Sonos di funzionalità audio domestiche estremamente popolari, inclusa la configurazione per controllare i sistemi audio domestici, la sincronizzazione di più altoparlanti, il controllo del volume indipendente per diversi altoparlanti e l’accoppiamento stereo per gli altoparlanti.

Esiste la possibilità che Google possa indebolire o rimuovere le funzionalità del prodotto in modo da eludere il divieto di importazione imposto da ITC. Ma mentre Google può sacrificare l’esperienza del consumatore nel tentativo di aggirare questo divieto di importazione, i suoi prodotti continueranno a violare dozzine di brevetti Sonos, le loro violazioni continueranno e i danni dovuti a Sonos continueranno. Invece, Google, come hanno già fatto altre società, potrebbe pagare una tariffa equa per le tecnologie di cui si è sottratto».

Tutti i prodotti consigliati da Engadget sono selezionati personalmente dalla nostra redazione, indipendentemente dalla casa madre. Alcune delle nostre storie includono link di affiliazione. Se acquisti qualcosa tramite uno di questi link, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione.