enero 21, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Gli scienziati chiamano Omicron «il virus più mutato che abbiamo mai visto». Perché questo è importante?

La variante omicron per COVID-19 è l’ultima «variabile preoccupante» identificata dall’Organizzazione mondiale della sanità. (Oli Scarfe/AFP via Getty Images)

C’è ancora molto che non sappiamo sulla variante omicron di COVID-19, che ha iniziato a diffondersi in tutto il mondo ed è stata rilevata più volte qui negli Stati Uniti. Può causare sintomi diversi Ma è troppo presto per trarre conclusioni generali. Inoltre, non è ancora chiaro se l’evasione della protezione vaccinale sia migliore rispetto alle varianti precedenti.

Ma c’è una cosa che stiamo ancora ascoltando dagli scienziati che hanno esaminato più da vicino la versione Omicron del virus: è davvero mutato.

«Questo è probabilmente il virus più mutato che abbiamo mai visto», ha detto Alex Segal. Notizie CBS. Sigal sta guidando un team di ricercatori che lavorano per saperne di più su omicron.

Lawrence Young, un virologo dell’Università di Warwick, ha descritto Omicron come «la versione più mutata del virus che abbiamo visto», inclusi cambiamenti potenzialmente preoccupanti che non abbiamo mai visto prima nello stesso virus.

Neanche più mutazioni rendono il virus più pericoloso. «In linea di principio, Le mutazioni possono anche funzionare l’una contro l’altraJesse Bloom, un biologo evoluzionista di Seattle, ha dichiarato al New York Times.

Ma i virus, come altri organismi, si evolvono nel tempo per aumentare le loro possibilità di sopravvivenza. Un virus più forte, ovviamente, è generalmente una cattiva notizia per noi umani. Ecco perché gli scienziati sono inizialmente preoccupati quando vedono un virus altamente mutato.

READ  Gli astronauti di SpaceX Crew-2 lasciano la stazione spaziale domenica: guardalo in diretta

Delle molte mutazioni degli omicroni, circa 30 si trovano in una parte del virus chiamata proteina spike. Questo preoccupa gli scienziati perché può influenzare la trasmissibilità di una variabile.

Sharon Peacock, che ha guidato il sequenziamento genetico del COVID-19 in Gran Bretagna presso l’Università di Cambridge, ha affermato che i dati finora suggeriscono che la nuova variante contenesse mutazioni «coerenti con una migliore trasmissibilità», ma ha affermato che «il significato di molte delle mutazioni è ancora no «un favore».

Ma gli scienziati che hanno esaminato più da vicino notano anche che all’omicron mancano alcune delle mutazioni indotte dal delta che lo rendono altamente contagioso. C’è la possibilità che la variante delta, il ceppo dominante negli Stati Uniti al momento, sia più trasmissibile dell’omicron, quindi l’omicron potrebbe non decollare mai.

«Questa è la vera grande domanda. Sai, quando si tratta di una popolazione che ha i delta, saranno in competizione o no?» ha detto Robert Gary, un virologo della Tulane University. CNN.

Oltre alle mutazioni che rendono l’omicron più contagioso, gli scienziati stanno anche esaminando eventuali mutazioni che potrebbero causare malattie più gravi o evitare i vaccini più facilmente.

«Attualmente non ci sono informazioni che suggeriscano che i sintomi associati all’omicron siano diversi da quelli di altre varianti», ha affermato l’OMS. Ha detto che non ci sono ancora prove che i vaccini, i test e i trattamenti COVID siano meno efficaci contro l’omicron.

Alcuni esperti affermano che tutte le mutazioni di Omicron potrebbero significare che i produttori di vaccini potrebbero dover adattare i loro prodotti ad un certo punto. Resta anche da vedere.

READ  Il premio Nobel per Stephen Hawking potrebbe essere

L’Associated Press ha contribuito a questo rapporto.