enero 24, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La NASA condivide come guardare le «migliori» piogge di meteoriti a New York

Gli astronomi dovrebbero indicare sui loro calendari le «migliori» piogge di meteoriti di quest’anno, secondo la NASA: le Geminidi, che possono essere viste presto.

Le piogge sono iniziate sabato, ma raggiungeranno il picco la sera e l’alba del 13-14 dicembre, Secondo Earthsky.org. Si è conclusa il 17 dicembre.

Se è buio, puoi vedere fino a 50 meteore in fiamme che attraversano il cielo all’ora, con più di due al mattino che passano.

Gemelli è «la meteora più potente dell’anno» Secondo il blog di Stargazers della NASA.

Sono «attivi… quando la Terra attraversa un enorme percorso di detriti polverosi attraverso uno strano corpo roccioso chiamato 3200 Phaethon. Secondo l’agenzia, polvere e ciottoli bruciano quando si scontrano con l’atmosfera terrestre in un’ondata di «stelle cadenti».

Una pioggia di meteoriti di Geminidi entra nell’atmosfera terrestre sopra Southwold, New York.
AFP tramite Getty Images/Stan Honda
Meteora Geminide nel cielo notturno nel lago.
La NASA dice che dovresti trovare il «luogo più oscuro possibile» lontano da New York City.
Getty Images / istockphoto
Geminid Meteor Shower 2020 su uno stagno e un vialetto diretto nell'area di gestione della fauna selvatica di Fred C. Babcock/Cecil M. Webb vicino a Punta Gorda, in Florida.
Geminidi cadono su uno stagno a Punta Gorda, in Florida.
Getty Images

La NASA consiglia di trovare il «luogo più oscuro possibile» lontano dalla città e di consentire ai tuoi occhi di adattarsi per mezz’ora. «Evita di guardare il tuo cellulare, poiché rovinerebbe la tua visione notturna», aggiunge l’agenzia. «Sdraiati sulla schiena e guarda dritto, godendoti il ​​più possibile il cielo. Presto inizierai a vedere le meteore Geminidi».

Per coloro che non possono fuggire dalla città, la NASA trasmetterà un picco di pioggia su di essa Pagina Facebook «Meteor Watch».

READ  La Cina conferma il primo caso umano di virus dell'influenza aviaria H10N3