diciembre 1, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Gigante dei media tedeschi: se sei anti-Israele, non lavorare con noi

I lavoratori che si sono lamentati della pubblicazione di una bandiera israeliana al di fuori della più grande casa editrice digitale europea devono cercare nuovi posti di lavoro, ha detto giovedì scorso Matthias Dubfner, CEO di Axel Springer SE, ai 16.000 dipendenti della società.

«Immagino, e sono molto franco con te, qualcuno che ha un problema con meAlzando la bandiera israeliana Per una settimana qui, dopo le manifestazioni antisemite, si dovrebbe cercare un nuovo lavoro», ha detto in una videoconferenza con i dipendenti di tutto il mondo.

Axel Springer, con sede a Berlino, fondata nella Germania occidentale nel 1946, è il più grande editore digitale d’Europa. Possiede Bild, Die Welt, Business Insider, Politico Europe e molti altri marchi di notizie, nonché il più grande sito di annunci in Israele, Yad2.

La frase «Sosteniamo il popolo ebraico e il diritto all’esistenza dello Stato di Israele» è elencata come uno dei cinque valori fondamentali di Axel Springer sul suo sito web.

Durante la riunione del personale di giovedì, Dobfner ha affrontato le lamentele sull’alzabandiera della bandiera israeliana fuori dalla sede della compagnia a Berlino.

“Dopo queste settimane di terribili manifestazioni antisemite, abbiamo detto nei locali dell’edificio accanto alla bandiera europea e a quella tedesca, [and] Bandiera di Berlino, issiamo la bandiera israeliana per una settimana come gesto di solidarietà.» «Non accettiamo questo tipo di movimenti antisemiti aggressivi».

Dobfner ha detto che alcune persone hanno affermato di non voler lavorare per un’azienda che ha fatto una cosa del genere.

READ  Ha battuto il record del mondo in pista mentre il CIO stava ispezionando la Bielorussia per lo sprint

«Quindi, penso che sia anche un buon punto… questo ragazzo semplicemente non si adatta all’azienda e ai suoi valori», ha detto. «È molto semplice.»

Döpfner ha detto che accoglie con favore le «domande critiche» e che alcuni dei denuncianti hanno buoni punti, a cui ha risposto.

Ma questa opposizione di base lascia uno spettro di risposte accettabili, ha detto Dobfner.

Axel Springer ha issato la bandiera israeliana di fronte al suo quartier generale a maggio, dopo manifestazioni antisemite durante manifestazioni pro-palestinesi in tutta la Germania, tra cui marce alle sinagoghe, canti di slogan antiebraici, attacchi alle istituzioni ebraiche e incendi di bandiere israeliane.

Il ministro dell’Interno tedesco Horst Seehofer ha aggiunto: «Chiunque diffonda odio antisemita sentirà tutta la forza della legge».