agosto 8, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Jamal Khashoggi: le autorità saudite affermano che l’uomo detenuto a Parigi non ha nulla a che fare con l’omicidio di Jamal Khashoggi

Un portavoce della polizia nazionale francese ha detto alla CNN che il 33enne è stato detenuto all’aeroporto Charles de Gaulle prima del suo volo alle 9:30 ora locale e viaggiava con un vero passaporto. Il portavoce ha aggiunto che è stato posto sotto detenzione giudiziaria.

La radio RTL, citando fonti della polizia e della magistratura francesi, ha riferito che il sospetto è stato identificato come Khaled Ayed Al-Otaibi. La polizia francese non ha confermato alla Cnn l’identità dell’uomo.

Tuttavia, un alto funzionario saudita ha detto alla CNN che l’arresto era «ritenuto un caso di errata identificazione».

Martedì, l’ambasciata saudita in Francia ha rilasciato una dichiarazione in cui affermava che i resoconti dei media erano «errati» e che «la persona arrestata non ha nulla a che fare con il caso in questione».

L’ambasciata ha dichiarato di aspettarsi il «rilascio immediato» del cittadino saudita. E ha aggiunto: «La magistratura saudita ha emesso sentenze contro tutti coloro che hanno partecipato all’odioso omicidio di Jamal Khashoggi, e tutti stanno attualmente scontando le loro condanne», in una dichiarazione pubblicata su Twitter.

Khashoggi, giornalista saudita ed editorialista del Washington Post, ha criticato l’Arabia Saudita e le politiche del principe ereditario Mohammed bin Salman. È stato assassinato e smembrato il 2 ottobre 2018 nel consolato saudita a Istanbul da uomini con stretti legami con i più alti livelli del governo saudita e con bin Salman.

Al-Otaibi è stata una delle 16 persone a cui è stato negato l’ingresso negli Stati Uniti dal Dipartimento di Stato nell’aprile 2019 a causa del «loro ruolo nell’omicidio di Jamal Khashoggi».

Allo stesso modo, il governo britannico ha imposto sanzioni ad Al-Otaibi nel luglio 2020. Il governo del Regno Unito ha dichiarato: «È stato coinvolto nell’uccisione illegale di Jamal Khashoggi a Istanbul… come parte della squadra di 15 uomini inviata dalle autorità saudite a Turchia, è stato coinvolto nell’occultamento di prove presso la sede del console generale saudita dopo l’omicidio.

Se l’identità del sospettato sarà confermata come Al-Otaibi, mercoledì dovrà affrontare l’arresto e un’udienza preliminare, ha detto alla CNN un portavoce della Corte d’Appello di Parigi, potenziali primi passi verso l’estradizione. Il tribunale non ha confermato l’identità dell’uomo.

READ  Enormi mosaici svelati nel castello del deserto di Gerico | Territori palestinesi

L’ex fidanzata di Khashoggi, Hatice Cengiz, ha dichiarato alla CNN che l’arresto potrebbe essere un «primo passo molto importante verso la giustizia per Jamal» e ha esortato a «lasciare che la giustizia faccia il suo corso».

«Coloro che hanno eseguito il piano non dovrebbero essere utilizzati per proteggere coloro che erano in un rango molto più alto di quelli che hanno ordinato l’uccisione di Jamal al-Wahshi», ha aggiunto Cengiz.

un Rapporto dell’intelligence statunitense Quello pubblicato a febbraio ha scoperto che il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman aveva approvato la cattura o l’uccisione di Khashoggi. Il rapporto si riferiva anche al «controllo assoluto» di bin Salman delle operazioni di intelligence e sicurezza saudite.

Il ministero degli Esteri saudita «respinse categoricamente» il rapporto.

Nessuna reazione ufficiale da parte delle autorità turche in merito alla detenzione del cittadino saudita da parte della polizia francese.

da Joseph Ataman e Pierre Perrin della CNN a Parigi; Gul Tosuz a Istanbul. Nick Robertson e Hamdi Khashali hanno contribuito a questo rapporto