septiembre 21, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Come la diplomazia cinese sui vaccini ha avvicinato la Cambogia

Quasi un cambogiano su cinque ha ricevuto una dose del vaccino contro il coronavirus, spingendo il paese oltre i suoi vicini più ricchi e più grandi nel sud-est asiatico. Come le pozioni, la storia di successo si intitola “Made in China”.

Già stretto alleato della Cina, la Cambogia ha avviato le vaccinazioni con una donazione di vaccini dalla Cina più ampia rispetto a qualsiasi altro paese della regione, oltre ai vaccini cinesi che si è già procurata.

I primi progressi della Cambogia riflettono la diplomazia vaccinale di Pechino in una regione in cui la concorrenza per l’influenza degli Stati Uniti è feroce, ma ha sollevato preoccupazioni in alcuni cambogiani sulla convergenza di queste relazioni. La scorsa settimana gli Stati Uniti hanno annunciato la loro prima importante donazione all’Asia.

“La domanda è se la Cambogia sia troppo dipendente dalla Cina”, ha detto il primo ministro autocratico Hun Sen in un recente discorso. “Se non mi fossi affidato alla Cina, su chi avrei dovuto fare affidamento? Se non per le donazioni e la vendita di vaccini dalla Cina, non avremmo vaccinato il popolo cambogiano”.

Solo la ricca città di Singapore è progredita più velocemente nel sud-est asiatico in termini di popolazione.

Secondo i dati ufficiali, circa il 16% dei 16 milioni di cambogiani ha ricevuto almeno una dose del vaccino. Sul retro ci sono il piccolo Brunei e poi il Laos, un altro stato con legami molto stretti con Pechino.

Secondo gli ultimi dati ufficiali, Malesia e Indonesia, le più grandi, hanno gestito rispettivamente il 7,6% e il 6,6%, con Thailandia 4,6% e Filippine 4,2%.

READ  Le ricadute in Afghanistan colpiscono il primo giorno del viaggio di Harris nel sud-est asiatico

In Vietnam, dove prevale fortemente il sentimento anti-cinese, era coperto poco più dell’1% della popolazione. Hanoi ha approvato un vaccino cinese per uso di emergenza solo il 4 giugno.

“La campagna di vaccinazione cambogiana si basa sull’uso di vaccini cinesi, che è il percorso che Hanoi non è disposta a seguire”, ha affermato Nguyen Khak Jiang, studente di dottorato presso la Victoria University di Wellington.

“Tenersi per mano”

Mentre la Cambogia ha affrontato la peggiore ondata del virus il mese scorso, la Cina ha promesso pieno sostegno “che incarna non solo la speciale amicizia tra le due parti, ma la responsabilità della Cina nei confronti della comunità cinese e della Cambogia per un futuro comune”, è stato citato un portavoce del ministero degli Esteri cinese. dal Global Times come dicendo Chow. detto legiano.

Oltre il 90% dei vaccini che la Cambogia ha utilizzato finora sono cinesi, dalle donazioni per un totale di 1,7 milioni di dosi a fine aprile e dall’acquisto di 4 milioni di dosi dalla società farmaceutica cinese Sinovac. Gli unici altri vaccini utilizzati provenivano dal programma globale COVAX, istituito per aiutare la vaccinazione nei paesi meno ricchi.

“La Cina è il primo paese a fornire aiuti alla Cambogia, ha permesso ai cambogiani di essere vaccinati e la qualità è buona”, ha affermato Song Suk Putira, un cameriere di 19 anni che è stato vaccinato presso Sinopharm.

Ma ha aggiunto: “Ci aiutano così tanto e così spesso, è come se si prendessero per mano e non ci lasciassero andare”.

Tuttavia, le relazioni della Cina con la Cambogia soddisfano entrambi i governi.

READ  Ecco cosa devi sapere su una variabile lambda

La Cina ha aumentato i suoi aiuti e investimenti anche se i paesi occidentali hanno condannato Hun Sen per le sue presunte violazioni dei diritti umani e hanno schiacciato la sua opposizione politica.

Nel frattempo, la Cambogia ha sostenuto la posizione della Cina sulle sue vaste rivendicazioni nel Mar Cinese Meridionale contro i suoi rivali del sud-est asiatico. Ha anche crescenti legami di difesa, mentre nega le accuse degli Stati Uniti di essere diventata una base avanzata per l’Esercito Popolare di Liberazione Cinese.

“I vaccini sono diventati un atto di diplomazia politica per determinare e aumentare l’influenza cinese nella regione, nel mondo e in Cambogia”, ha affermato Ba Chanroyun, presidente dell’Istituto cambogiano per la democrazia.

“sviluppare fiducia”

Altrove nel sud-est asiatico, le donazioni di vaccini cinesi non sono state così generose come in Cambogia, ma l’approvvigionamento di vaccini cinesi è stato vitale in Indonesia, Thailandia e Filippine.

La maggior parte delle decine di milioni di dosi del vaccino in Indonesia sono state prodotte da aziende cinesi.

Il fatto che la Cina abbia reso i suoi vaccini ampiamente disponibili ha creato molta buona volontà, ha affermato Dewi Fortuna Anwar, esperto di politica estera presso l’Istituto indonesiano di scienze.

Ha detto che anche se non eliminerebbe ceppi come quelli sul Mar Cinese Meridionale, farebbe la differenza.

“Se si sviluppa la cooperazione in aree di scarsa sensibilità alla sicurezza e quindi si sviluppa la fiducia, si prevengono i conflitti. Penso che questo sia il caso anche di Cina e Indonesia”, ha affermato.

Nel frattempo, il vaccino del programma statunitense viene ora donato all’Asia.

Ad oggi, saranno condivisi un totale di 7 milioni di istantanee in una regione di oltre 2,5 miliardi di persone. L’Indonesia sarà tra i beneficiari. La Cambogia non lo farà.

READ  Taiwan minaccia l'ingresso della Cina nell'Organizzazione mondiale del commercio in una nuova polemica sulla frutta

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.