enero 18, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Francia e Germania cercano nuovi colloqui di pace con la Russia

  • Macron, Schulz e Zelensky si incontrano a Bruxelles
  • I leader mirano a rilanciare i negoziati a quattro con la Russia
  • I leader di cinque paesi ex-sovietici si uniscono all’Unione europea per il vertice
  • Georgia, Ucraina e Moldova alla fine vogliono entrare nell’Unione Europea

BRUXELLES (Reuters) – I leader di Francia e Germania hanno cercato mercoledì di rilanciare i colloqui con la Russia, mantenendo pressioni su Mosca per scoraggiare quelli che secondo l’Occidente potrebbero essere i preparativi per una nuova offensiva sul suolo ucraino.

L’ufficio di Macron ha affermato che il presidente francese Emmanuel Macron, il cancelliere tedesco Olaf Scholz e il presidente ucraino Volodymyr Zelensky si sono incontrati a margine di un vertice Ue a Bruxelles per trovare il modo di riavviare i negoziati sul «formato Normandia» che includono anche la Russia.

«I tre leader hanno affermato il loro impegno in questa forma di negoziati al fine di trovare una soluzione duratura al conflitto e preservare la sovranità e l’integrità territoriale dell’Ucraina», ha aggiunto il suo ufficio.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

Zelensky ha affermato che l’Ucraina è pronta per qualsiasi forma di dialogo con la Russia, ma vorrebbe vedere una forte politica occidentale di sanzioni contro Mosca per evitare un’ulteriore escalation.

Ha detto che alcuni paesi e leader stavano proponendo sanzioni dure dopo qualsiasi escalation da parte della Russia, aggiungendo che agli occhi dell’Ucraina è arrivato troppo tardi.

«Siamo stati in grado di spiegare ai nostri colleghi europei che la politica delle sanzioni dopo (l’escalation) non interessa più a nessuno: il nostro Paese è interessato a una forte politica delle sanzioni prima di una possibile escalation, e quindi potrebbe non esserci una possibile escalation».

READ  Sono state pubblicate le immagini vincitrici del concorso fotografico 2021 della British Environmental Society

L’Ucraina è attualmente il principale focolaio di tensione tra Russia e Occidente. Gli Stati Uniti affermano che la Russia ha ammassato più di 100.000 soldati al confine con l’Ucraina, forse in preparazione di un’invasione. Mosca afferma che le sue azioni sono puramente difensive.

«Il messaggio è molto chiaro: se la Russia adotta misure più aggressive contro l’Ucraina, i costi saranno alti e le conseguenze disastrose», ha affermato il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.

Su Twitter, il ministero degli Esteri russo ha esortato l’Occidente e l’Ucraina ad attuare gli accordi di pace del 2014 e del 2015 che includono scambi di prigionieri, aiuti e ritiro delle armi.

Le relazioni tra Mosca e Berlino hanno raggiunto un nuovo minimo mercoledì quando un tribunale tedesco ha scoperto che la Russia aveva ordinato l’uccisione di un ex militante ceceno in un parco di Berlino e ha condannato all’ergastolo l’agente che ha effettuato l’operazione «terrore di stato» del 2019 . Per saperne di più

Il ministro degli Esteri tedesco Annalena Barbock ha affermato che la Germania ha convocato l’ambasciatore russo dopo la sentenza e lo ha informato che due membri del personale diplomatico della sua ambasciata sarebbero stati espulsi.

Zelensky ha dichiarato su Twitter che spera di ottenere il sostegno della Francia nel contrastare l'»aggressione ibrida» della Russia in Europa, mentre Parigi assumerà la presidenza semestrale dell’UE a gennaio.

Schulz ha anche invitato l’Ucraina e ha espresso il desiderio di approfondire la cooperazione con Berlino nei settori dell’energia, della sicurezza e della difesa – critiche mascherate al gasdotto Nord Stream 2 dalla Russia alla Germania e l’opposizione di Berlino alle consegne di armi all’Ucraina.

READ  Depressione tropicale unica che si avvicina alla Florida, portando forti piogge

Obiettivo di adesione a pieno titolo

Dopo l’incontro, l’Ucraina si è unita alla Georgia e alla Moldova al vertice per fare pressione sull’Unione europea per consentire loro di avviare i negoziati per l’adesione al blocco. Ma per ora otterranno solo assicurazioni di sostegno contro una possibile aggressione russa.

Il vertice di un giorno del partenariato orientale a Bruxelles mette in evidenza lo scarso successo dell’approccio dell’UE alle sei ex repubbliche sovietiche che ospita, tutte situate in quello che la Russia vede come il suo cortile di casa dove ha interessi di sicurezza.

Tra i sei paesi, Georgia, Moldova e Ucraina hanno avviato dispute territoriali con Mosca. I leader di Armenia e Azerbaigian partecipano al vertice ma non cercano l’adesione all’UE. Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko, che è stato sanzionato dall’Occidente per i suoi diritti umani, è rimasto alla larga.

«Il nostro obiettivo è la piena adesione all’Unione europea», ha detto Zelensky dopo aver incontrato il presidente del vertice UE Charles Michel.

La dichiarazione finale del vertice ha indicato che l’Unione europea «riconoscerà le aspirazioni europee e l’opzione europea» per i cinque paesi interessati. Per saperne di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

(Segnalazione di Robin Emmott e Pavel Politiuk) Ulteriori relazioni di Philip Blinkensop, Johnny Cotton e Sabine Siebold a Bruxelles e Michelle Rose a Parigi. Montaggio di Giles Elgood, Philippa Fletcher e Margarita Choi

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.