enero 26, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Evacuazioni di massa mentre il raggio del tifone colpisce le Filippine | notizie sull’ambiente

storia di sviluppo

Il Met Office ha riferito di «venti devastanti da uragano» mentre la Croce Rossa Internazionale ha avvertito i residenti di prepararsi per una delle tempeste più forti dell’anno.

Decine di migliaia di persone sono state evacuate dalle loro case nelle Filippine centrali e meridionali, dove il potente tifone ha rapidamente raccolto le forze prima di atterrare.

L’ultimo rapporto dell’Ufficio meteorologico filippino, PAGASA, afferma che il tifone Ray sta vivendo una «rapida intensificazione» mentre si dirige verso la provincia dell’isola di Dynagat e le province di Surigao nella parte centro-orientale del paese.

Secondo l’Hurricane Tracker di PAGASA, l’uragano Ray ha fatto il suo primo approdo sull’isola di Siargao a Surigao del Norte alle 05:30 GMT.

In precedenza, Bagassa ha affermato che i venti hanno accelerato a 185 chilometri (115 miglia) all’ora vicino al centro con una raffica fino a 230 chilometri (143 miglia) all’ora, spostandosi da ovest a nord-ovest alle 0200 GMT.

Ha avvertito di «venti di uragano estremamente dannosi» in alcune parti del paese nelle prossime 12 ore. Sono previste anche onde alte e tempeste nelle sezioni costiere, nonché inondazioni e smottamenti nelle aree montuose lungo il percorso del ciclone.

PAGASA ha anche consigliato ai marittimi di rimanere in porto o mettersi al riparo perché le condizioni del mare sono «pericolose per tutti i tipi di navi marittime».

Il Joint Typhoon Warning Center (JTWC) della US Navy ha dichiarato Ray un super tifone.

L’uragano è il quindicesimo a colpire il paese quest’anno.

READ  Macron incontrerà Biden al G20, spera di andare avanti dopo la disputa su AUKUS

In una breve dichiarazione pubblicata sui social media, la Federazione internazionale delle società della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa ha affermato che la sua filiale nelle Filippine «aiuta urgentemente le persone a rimanere al sicuro in molte città mentre si preparano per una delle tempeste più forti dell’anno».

Il lavoro e la scuola sono chiusi

Secondo l’Agenzia nazionale per la riduzione dei disastri, NDRRMC, otto regioni del paese sono state collocate al livello più alto nel protocollo di preparazione e risposta alle emergenze.

Le otto regioni situate nel gruppo di isole centrale e meridionale nelle regioni di Visayas e Mindanao hanno una popolazione di oltre 30 milioni.

A molte di queste aree è stato consigliato di condurre un’evacuazione proattiva. Il lavoro e le lezioni online sono stati sospesi in alcune aree tra cui la provincia centrale di Cebu, che ha una popolazione di otto milioni.

Anche la campagna nazionale di vaccinazione contro il COVID-19 è stata sospesa in alcune parti del Paese a causa del tifone. Le evacuazioni possono complicare ulteriormente la risposta del Paese al coronavirus, poiché migliaia di residenti sfollati mobilitano rifugi di emergenza, dove le linee guida sul distanziamento sociale sono difficili da mantenere.

Nella provincia orientale di Samar, nelle Visayas, il governatore Ben Evardoni avrebbe riferito alla stazione radio DZMM che quasi 30.000 residenti erano stati evacuati giovedì mattina. Le province orientali di Samar e Leyte sono state tra le aree più colpite dal super tifone Haiyan nel 2013, che ha causato la morte di migliaia di persone.

Secondo le notizie, in altre parti delle Visayas orientali, più di 17.000 persone sono state evacuate.

READ  Si dice che Internet si sia spento mentre i leader del G7 litigano con Biden sulla Cina

Nella provincia di Surigao del Norte, a Mindanao, l’agenzia regionale per la mitigazione dei disastri ha dichiarato che finora 51.000 residenti sono stati evacuati.

A Dynagat, i notiziari citavano il governatore Arleen Page o affermavano che quasi 2.000 famiglie si erano rifugiate nei centri di evacuazione.

I soccorritori a Tandaj, la città portuale meridionale di oltre 62.000 abitanti, hanno evacuato 3.668 famiglie nel primo pomeriggio di mercoledì, ha detto il governo locale, aggiungendo che gli sfollati erano ospitati in 18 rifugi temporanei.

Anche a Cagayan de Oro, a Mindanao, i post sui social media hanno mostrato piogge torrenziali e inondazioni in alcune zone della città, che ha una popolazione di oltre 675.000 abitanti.

Secondo NDRRMC, il governo nazionale ha stanziato cibo pronto e forniture non alimentari per un valore di 6,6 milioni di dollari.

Le Filippine sono regolarmente colpite da più di dieci tifoni assassini ogni anno.

A ottobre, almeno 11 persone sono state uccise e altre sette sono scomparse quando il ciclone Compasso ha colpito la parte settentrionale e occidentale del paese.

I residenti dormono all’interno di un complesso sportivo che è stato trasformato in un centro di evacuazione nella città di Daba sull’isola di Siargao prima che il ciclone Ray atterrasse nella provincia. [Roel Catoto/AFP]
Un turista locale arriva per mettersi al riparo in un complesso sportivo di un centro di evacuazione nella città di Daba, nell’isola di Siargao, nella provincia di Surigao del Norte, mentre l’uragano Ray ara l’isola giovedì. [Roel Catoto/AFP]