julio 31, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Dopo il momento in cui l’Italia è diventata la potenza congressuale mondiale del Regno Unito

Boris Johnson, presidente britannico del gruppo G7 delle principali economie e presidente della conferenza sul clima COP26 delle Nazioni Unite, quest’anno non ha colto un’opportunità dalla coalizione globale. Lo stesso vale per l’Italia.

Roma detiene la presidenza annuale del G20, che unisce i maggiori paesi ad alto reddito con le maggiori potenze economiche emergenti come Cina, India e Brasile. È anche il co-presidente della COP26 con il Regno Unito, sebbene questa sia una faccenda di secondo piano. Tuttavia, il G20, che dovrebbe essere a Venezia il prossimo mese, sta ora spostando la palla dal G7.

La maggior parte delle questioni nell’agenda globale – tassazione internazionale, movimento globale di vaccinazione, ripresa economica e cambiamento climatico – è difficile da superare senza la cooperazione tra paesi ad alto reddito e paesi in via di sviluppo.

Si comincia a vedere per la prima volta una linea che si estende dal G7 al G20 fino a una più ampia diplomazia multilaterale istituzionalizzata, come l’OCSE per le tasse o l’Organizzazione mondiale del commercio per i brevetti sui vaccini, afferma il direttore Natalie Toki dell’Agenzia italiana per gli affari internazionali .

Se le principali nazioni ricche si accordano prima tra loro, è probabile che tutte le grandi sfide del mondo vengano risolte prima di raggiungere un’intesa con le potenze emergenti. Toki afferma che questo rende il G20 un collegamento chiave in questo “pluralismo a strati”.

Cosa farà l’Italia con questa opportunità? Gli osservatori della politica estera italiana sono uniti sul fatto che lo status del presidente del Consiglio Mario Draghi faccia una grande differenza. “Tracy ha una posizione così personale che, a livello internazionale, la sua voce è più rilevante della sua voce”, ha affermato Marta Doss, ex viceministro degli Esteri italiano.

READ  Andrew Mangiaben, Adam Henrik continuano la rinascita del Canada, vincono l'Italia ai Mondiali

Sotto Tracy, dice Toss, la posizione di politica estera dell’Italia è “tornata a una chiara posizione pro-europea e pro-atlantica”.

In termini di stile e retorica, c’è una lacuna. “Aspettate la classica strategia italiana, la tendenza a non prendere parte al conflitto”, dice Arturo Verwell, capo dell’ufficio di Roma del Consiglio europeo. “Al giorno d’oggi, Tracy capisce che se non fai parte del gioco, sarai completamente escluso dal programma di negoziazione”.

L’Italia, sotto Troia, ha preso le distanze da paesi come la Turchia (che lui chiamava il suo “dittatore”), la Russia e la Cina. Toss sottolinea che l’Italia sta ora usando attivamente i suoi poteri di “stock aureo” per fermare le acquisizioni cinesi in settori chiave.

Integra Troy con il tentativo del presidente degli Stati Uniti Joe Biden di “riprendere le relazioni tra Stati Uniti ed Europa”, dove gli Stati Uniti continueranno a garantire la sicurezza dell’Europa, mentre l’Europa sosterrà i suoi sforzi contro la politica estera e le aspirazioni economiche della Cina. , dice Verwell.

Ma questo significa che Tracy può “creare un nuovo consenso occidentale” [it] Potrebbe non essere sufficiente per ottenere il resto. . . Tracy non è il miglior quadro tra paesi ricchi e poveri “, ha detto Das.

Tuttavia, rispetto ad altri paesi occidentali, l’Italia potrebbe essere in una posizione migliore per creare consenso, consiglia Toki. Dice che la diplomazia italiana è stata tradizionalmente “non collegata al (paese) per quanto riguarda la capacità di portare il paese”, ma “siamo tutti ricercati”. Nonostante il suo passato coloniale in Africa, il paese non provoca militanze come la Francia o l’Inghilterra. L’Italia potrebbe essere il “paese giusto al momento giusto”.

READ  Lascia che AMAN inizi il tuo viaggio da sogno italiano a Venezia

Il ruolo internazionale dell’Italia può essere importante anche a livello nazionale. Un altro allineamento con Python è la volontà di Drake di spendere molto per sostenere una ripresa economica sostenibile dopo lo shock dell’epidemia. “La scelta di aiutare la ripresa globale sarà un precedente comune in futuro”, afferma Worveli. In un Paese messo a dura prova dal populismo nazionalista, la rivalità tra interessi nazionali e collettivi dimostra che metterà Tracy “in una posizione forte per riconquistare il sostegno italiano al multilateralismo”.