junio 22, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Disaccordo tra Stati Uniti e Russia nell’Artico con il cambiamento climatico come sfondo

Tra i tanti conflitti della guerra fredda che hanno messo a dura prova i rapporti dell’amministrazione Biden con la Russia, uno si sta dissolvendo. Letteralmente.

Lo scioglimento del ghiaccio artico a causa dei gravi cambiamenti climatici ha permesso alla Russia di spingere i suoi dispositivi militari, dotati di bombardieri, radar e batterie missilistiche, in profondità nell’hotspot geopolitico desiderato, approfittando gradualmente delle rotte di navigazione appena liberate e ottenendo l’accesso a vaste risorse minerarie. La Russia questa settimana ha dichiarato che gran parte dell’Artico è territorio russo.

Questo è stato lo sfondo del primo contatto personale bilaterale tra l’amministrazione Biden e la Russia mercoledì, quando il Segretario di Stato americano Anthony J. Blinken ha incontrato la sua controparte, Sergey Lavrov, a margine di una sessione del Consiglio artico a Reykjavik, in Islanda. Il consiglio, composto da otto paesi con interessi regionali nel circolo polare artico, si è formato un quarto di secolo fa e dovrebbe anche rappresentare le popolazioni indigene della regione; L’Islanda è l’attuale presidente, seguita dalla Russia.

Blinken e Lavrov, mentre si dirigevano a un incontro tra loro dopo il saluto di gomito, hanno parlato brevemente ai giornalisti e hanno sottolineato le loro differenze, ciascuno dicendo che il loro governo avrebbe difeso vigorosamente i propri interessi.

“Ma detto questo, ci sono molte aree in cui i nostri interessi si intersecano e si sovrappongono e pensiamo di poter lavorare insieme e costruire davvero su quegli interessi”, tra cui la pandemia e il cambiamento climatico, ha aggiunto Blinken. “Cerchiamo una relazione stabile e prevedibile con la Russia”.

Dopo l’incontro di un’ora e 45 minuti, il Dipartimento di Stato ha dichiarato in una dichiarazione che Blinken ha fatto pressioni a Lavrov sulla detenzione di due cittadini statunitensi, Paul Whelan e Trevor Reid, nelle carceri russe e ha chiesto il loro rilascio. La dichiarazione citava un lungo elenco di denunce statunitensi con Mosca e diceva che Blinken sottolineava l’importanza della cooperazione nell’Artico “data la nostra quota comune nella regione”.

READ  Il ciclone tropicale Yas ha colpito l'India orientale questa settimana

Separatamente, Blinken ha annunciato che l’amministrazione aveva deciso di rinunciare alle sanzioni imposte alla società che costruisce il gasdotto russo, Nord Stream 2, dall’Artico alla Germania. Gli Stati Uniti imporranno sanzioni ad alcune delle entità coinvolte nella costruzione, ma in un rapporto al Congresso, Blinken ha concluso che sebbene la società e il suo CEO, Matthias Warnig, possano aver violato le regole rimproverate, ciò è nell’interesse nazionale di Stati Uniti “. Rinunciare alle sanzioni loro inflitte per il momento.

La mossa ha fatto arrabbiare i repubblicani e alcuni democratici, che hanno detto che era un regalo al presidente russo Vladimir Putin. Blinken e il presidente Biden hanno ripetutamente affermato che l’oleodotto da 11 miliardi di dollari è stato un “cattivo affare” perché ha aumentato la dipendenza europea dall’energia russa. Ma alcuni nell’amministrazione si sono opposti alla punizione che potrebbe danneggiare la Germania e altri alleati chiave, poiché il team di Biden cerca di ricucire le relazioni tese sotto l’ex presidente Trump.

In vista del tanto atteso incontro di Blinken Lavrov, il capo diplomatico statunitense ha criticato l’avanzata russa nell’Artico.

Ha detto che Mosca aveva violato il diritto marittimo internazionale cercando di limitare il transito delle navi da trasporto di altri paesi e ha rifiutato di presentare i suoi schemi normativi all’organizzazione internazionale che disciplina tali questioni, l’Organizzazione marittima internazionale.

In una settimana di consultazioni con altri membri del Consiglio artico, Blinken ha ripetutamente attaccato la “militarizzazione” russa della calotta glaciale artica.

“È nostra speranza”, ha detto Blinken, “l’Artico rimane una regione di cooperazione pacifica e cooperazione pacifica”.

Ma ha aggiunto: “Quello che dobbiamo evitare è la militarizzazione della regione”. Ha detto che l’attività militare russa minaccia “incidenti e calcoli errati, e mina l’obiettivo comune di un futuro pacifico e sostenibile per la regione”.

READ  Singapore approva il vaccino Covid per bambini, delinea il piano di vaccinazione

L’Artico si sta riscaldando a una temperatura tre volte superiore alla media globale del pianeta, il permafrost si sta sciogliendo e la Terra che è stata congelata per secoli sta danneggiando gravemente le specie marine e altri animali e il sostentamento di orde di gruppi indigeni.

“Quello che stiamo vedendo è l’apertura di un nuovo oceano: l’Oceano Artico”, ha detto Marisol Maddox, analista artico presso il Wilson Center Polar Institute. “Le calotte polari in cima al mondo stanno diventando sempre più piccole e sottili”.

Biden ha anche sostenuto con forza mercoledì basi navali eque e una presenza americana tra ghiacciai in via di estinzione e orsi polari.

“Noi, gli Stati Uniti, siamo una nazione polare”, ha dichiarato nel suo discorso di diploma all’Accademia della Guardia Costiera. “Gli Stati Uniti dovrebbero mostrare la nostra leadership e la nostra partecipazione”.

Biden ha sostenuto la costruzione della flotta di rompighiaccio della US Navy, navi che potrebbero navigare o penetrare in acque ghiacciate. La forza rompighiaccio della Russia superava di gran lunga gli Stati Uniti. Ha criticato Putin e il presidente cinese La violazione “sovversiva” delle regole navali da parte di Xi Jinping.

Biden ha detto: “Quando gli stati cercano di manipolare il sistema o di ribaltare le regole a loro favore, ciò porta a uno squilibrio in tutto”. Questo è il motivo per cui insistiamo così tanto che queste aree del mondo che sono le arterie del commercio e della navigazione rimangano pacifiche, sia nel Mar Cinese Meridionale, nel Golfo Persico e, sempre più, nell’Artico. “

I commenti del presidente e del ministro degli esteri sono arrivati ​​dopo che Lavrov sembrava respingere le accuse della Russia.

Lavrov ha detto di essere a conoscenza di “lamenti” per l’intensificazione dell’attività militare russa nell’Artico.

“Ma tutti sanno molto bene da molto tempo che questa è la nostra terra, questa è la nostra terra”, ha detto il ministro degli esteri russo in una conferenza stampa lunedì a Mosca prima di recarsi a Reykjavik. “Tutto ciò che fa il nostro paese è assolutamente legale e legittimo”.

READ  L'attivista bielorusso Stefan Latypov si accoltella durante un'udienza a Minsk

Ha anche accusato la vicina scandinava Norvegia di aver tentato di portare la NATO, l’alleanza militare e politica transatlantica guidata dagli Stati Uniti che è stata costruita come contrappeso a Mosca, nell’Artico.

Nonostante il battibecco, Blinken e Lavrov hanno discusso di un possibile vertice tra Biden e Putin già il mese prossimo, ma lasceranno che il Cremlino e la Casa Bianca elaborino i dettagli.

A differenza di Trump L’ammirazione di Putin, Biden era più critico. A marzo, in risposta alla domanda di un giornalista, Biden ha affermato di ritenere che un ex agente del KGB russo avesse combattuto. Nel frattempo, come con il suo approccio alla Cina, Biden dice che vuole essere in grado di criticare leader come Putin o le azioni della Russia quando appropriato, e di cooperare con loro quando possibile.

Le relazioni USA-Russia sono scese ai minimi storici dopo la comunità dell’intelligence a Washington Mosca accusata A partire dal Interferenza nelle elezioni presidenziali statunitensi E il lancio di attacchi informatici alle società americane e alle reti di telecomunicazioni. Inoltre, lo erano anche Putin e i suoi collaboratori È stato approvato dall’amministrazione BidenE il governo di Trump da lei per invadere parti dell’Ucraina e uccidere o avvelenare i dissidenti e sopprimere la stampa ei gruppi religiosi.

Nonostante queste differenze profonde, Blinken e Lavrov continueranno probabilmente a cercare un terreno comune, dicono gli esperti.

“Il cambiamento climatico, all’ordine del giorno ministeriale, è una delle poche aree di potenziale impegno”, ha affermato Donald Jensen, direttore del Russia and Strategic Stability Program presso l’US Institute of Peace, un think tank di Washington.

Lo scrittore del Times Chris Migrian ha contribuito a questo rapporto.