julio 31, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Cosa devi sapere sul gelato Lokavoor in Italia

L’attenzione alla cucina locale ha a lungo classificato la cucina italiana in ciascuna delle 20 regioni del paese Offre il proprio vasto assortimento di piatti, vini, formaggi, pane e dolci. Sembra esserci un consenso nazionale sui gusti gerato, amaranto (ciliegia), pistacchio, caffè e Fior di latte Anche questo semifreddo che torna nelle gelaterie e pasticcerie di tutta la penisola ha un suo dialetto unico.

Secondo Luciano Ferrari, Direttore della Tecnologia Carbigiani Gelato University Vicino a Bologna, “Il gelato varia da regione a regione, con percentuali diverse al nord e al sud. Nella zona di Gador per esempio [in the Veneto] Il gelato è uno dei luoghi nati da una prospettiva storica, i gelati gelato [have] Alta percentuale di crema. Il gelato nasce a Firenze e qui a Bologna la concentrazione di uova negli ingredienti è alta. Dice che nel sud Italia, dove è nato il gelato dalla Granita, si può trovare un alto uso dello zucchero per le sue “proprietà protettive”. Oltre alle differenze di composizione, Ferrari sottolinea che ci sono molti sapori che sono determinati dagli ingredienti caratteristici di una città o di una regione o influenzati dai suoi dolci e pasticcini locali.

Se vuoi assaggiare il gelato locale, ecco i consigli degli esperti di cucina e di viaggio su alcuni gusti da provare nelle sei regioni dall’Emilia-Romagna alla Sicilia.

Emilia Romagna: In questa regione ricca di proposte culinarie, sono tante le gelaterie d’eccellenza e artigianali tra cui scegliere. Per un gusto classico da provare, Ferrari consiglia cremoso alla bolognese con una miscela di tuorli d’uovo, panna, latte, zucchero, vaniglia e spesso esperienza di limone (o arancia). “È riconoscibile perché è così giallo [from the egg yolks] Divenne il colore delle prime macchine carbigani [Carpigiani is famous for producing gelato and frozen-dessert equipment]Fu realizzato nel 1946 a Bologna. Secondo Ferrari, a Modena troverai il gelato fortificato con il famoso aceto balsamico della città, e in Birmania una varietà chiamata Strachino della Ducesa, ispirata all’omonimo semifredo, viene trasformata in mascarpone, cioccolato e caffè.

Toscana – Firenze: Florence Ferrari afferma che inizierà con Griama Fiorentina, uno dei primi gusti di gelato mai realizzati. Come la crema bolognese, la sua ricetta è inclusa Tuorli d’uovo, panna, latte e zucchero, ma l’impasto contiene miele di castagno e il gelato a volte si guarnisce con amaretti sbriciolati. Mentre gli ingredienti per le due creme sono identici, Ferrari dice che il colore e il gusto della Fiorentina sono molto delicati. Un altro assaggio di Toscana che consiglia Fenolta, Fatto con i pinoli.

Baglia: Nell’antica città di Ruo de Puglia, a mezz’ora di macchina da Bari, troverete Gelatiria Mochambo, Famoso per il suo cremoso del Rey [the king’s cream] Il gelato nasce da una ricetta realizzata dal 1840. Vincenzo Paparella, che si occupa di marketing per Mogambo, è un membro della famiglia da quarta generazione, racconta Luigi Marceglia, pasticcere del Gran Caffè Comprensione di Napoli. Conosciuto come luogo di ritrovo d’élite fin dal 1800 ed ex fornitore ufficiale della corte reale, iniziò a costruire il gelato Crema del Re a Ruo all’inizio del XX secolo. Papparella descrive gli ingredienti dello storico gelato come un “bouquet di aromi naturali” composto da ingredienti molto semplici – uova, latte, zucchero e vaniglia fresca – ma la ricetta rimane segreta. Mokambo produce solo nove tipi di gelato, tra cui Mondorla, che è fatto con pasta di mandorle ricavata dalle noci trovate nelle campagne di Ruo; Realizzato con Toron Croconde de Montorla, Almond Nug Cut realizzato da Mokambo; E il gelato di gelso, un gelato alla frutta che va consumato entro quattro ore dalla preparazione per assaporarne la freschezza.

Campania – Spiaggia di Sorrento e Amalfi: Cassandra Santoro, Fondatrice Viaggia in stile italiano, Un’azienda specializzata in piani di viaggio personalizzati, trascorre sei mesi all’anno in Italia, che è un buon affare tra la spiaggia di Amalfi e Sorrento. Tra i gusti locali che ha modellato c’erano cremoso al limon, un gelato al limone e varietà aromatizzate con la famosa pasticceria locale chiamata sphogliadella (pasta con un sottile strato di farina sopra) e babe al rum (noto anche come torta al rum babe nebolottano ). “Puoi trovare molte versioni di queste gelatine [in the area]”, dice Santoro. “Alcuni hanno pezzetti di sphogliadella o papa; altri sono fatti con sapori dolci. Sono deliziosi.” Primavera Gelateria Sorrento, di proprietà di Antonio Capiro, è una delle regioni che serve sia il gelato al gusto pasticceria che la crema al limon.

Noci di Sorrento dice Santoro [Sorrento walnuts] E doron di produzione locale [a nougat-style candy with nuts, egg whites and honey] Altri gusti di gelato che troverai sulla spiaggia di Amalfi.

Poiché la regione è ricca di pregiati limoni sfusato di Amalfi e di Sorrento, non sorprende che si trasformino in tanti gelati e sorbetti agli agrumi. Nel David Sorrento Gelateria, Mario Corciulo, gelatiere di terza generazione, produce molte varietà tradizionali come il sorbetto Probium de Sorrento a base di limoni IGP locali e arance locali. Il gusto Probium è stato introdotto da suo nonno Auguste David nel 1965 ed è ancora popolare oggi, dice Carciolo, “perché è nuovo e reale”. La sua prelibatezza al gelato al limon è fatta con la scorza di limone. Corcio afferma di aver sperimentato con la sua gelatinosa Sorrento Moon per molti anni nuovi gusti chiamati mix di mandorle e infuso di esperienza di limone; Un’opzione Limoncello Spirits; E una versione fatta con crema al limone e pan di spagna imbevuto di limoncello”Torna a Sorrento. “

Un gelato che si trova solo in spiaggia, Curciulo dice di essersi ispirato alla famosa torta di ricotta e pere realizzata dal pasticcere di Minori di fama internazionale Salvador de Rizzo. È realizzato con un impasto di ricotta di bufala e pecora, pere Bennetta caramellate e un biscotto alla nocciola coltivato nella zona.

Calabria: Secondo Francesca Mandillo, istruttrice culinaria, scrittrice e tour planner Avventure culinarie italiane pigre, Sono tanti i gusti difficili da trovare fuori regione, tra cui bergamotto, liquirizia, Crema Regina e Anona. “Anche in Calabria non sono gusti che si trovano facilmente in ogni gelatina”, sottolinea. Se ti piace il sorbetto agli agrumi, Mandillo dice che adorerai il gelato fatto con l’onnipresente frutta regionale al bergamotto. La Calabria è nota anche per la sua liquirizia, “quindi non è una sorpresa vedere il gelato alla liquirizia in alcuni negozi. Ha il sapore dell’anice. “La Crema Regina, un gelato a base di crema rosa, è un altro gusto locale, racconta Mandilo, con canditi, cioccolato e mandorle tritate della zona. L’anona, prodotta con frutti coltivati ​​nella regione, è descritta in uno stile tropicale con una polpa morbida e cremosa, che “somiglia un po’ al gelato quando viene refrigerato, rendendolo un ingrediente eccellente”.

Tra le gelatirie, la gelatiria cesareo di Reggio Calabria propone il suo “il miglior gelato all’anona, una delle loro migliori proposte”. La Cremeria in Regio comprende anche Chotosero e Amedeo nella sua città natale di Cadenzaro, nota per la sua vasta scelta di gusti, tra cui il gelato a base di crema infuso al bergamotto. ”

Sicilia: Quando gli è stato chiesto quali sono i suoi gusti in Sicilia, Giuseppe Lenzo, responsabile turistico dell’isola, si è affrettato a consigliare un tipo di gelato alla carruba relativamente raro e locale. Dice che si trova solo a Ragusa, una delle famose città barocche del Val di Noto.Questa zona è nota per la sua fertile area di alberi di carrubo Il suo frutto è utilizzato in vari prodottits nocciola-cacao flavor. Molte gelaterie della città lo fanno; lui consiglia Gelati divini A Ragusa Ibla [the historic center]. “Personalmente consiglio il mix di gelato alla carruba e ricotta perché rappresentano il miglior mix di sapori locali”, dice.

Gelati Divini, specializzata in gelateria artigianale, realizza gelatine con ingredienti siciliani come il pregiato pistacchio dell’isola; pero spinoso siciliano; E l’antico vino Pacito di Noto.

Lenzo dice che un altro prodotto noto nel ragusano è l’olio d’oliva, che anche qui trasforma il gelato in buonissimo, che definisce “molto tenero”.

I migliori gelatieri e chef hanno nelle loro offerte consigli di cucina locale di lunga data e anche loro sono fermamente impegnati nell’innovazione. Cori Ido, direttore dell’Università di Corbyciani Gelato, ha affermato che nell’ultimo anno accademico la scuola “ha lanciato molti nuovi corsi di specialità online e il feedback mostra che i gelatieri italiani stanno sperimentando sempre più ingredienti. [among them] Tè Matsa, sesamo nero, anche curcuma. “Un altro corso molto apprezzato incentrato sulla creazione del gelato” dai gusti infusi con fiori ed erbe aromatiche. Ad esempio, i fiori di sambuco, comuni alla cucina nordica, sono stati trasformati in un profumato e profumato sorbetto”, racconta Ito.

READ  L'italiano Leonardo Spinoza prolunga la vittoria dell'Italia sul Belgio