julio 31, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il nightclub miliardario della Sardegna incolpa il governo per l’esplosione Italia

Il Covit-19 è stato accusato di “negligenza epidemica” dopo un’esplosione in una discoteca in Sardegna di proprietà dell’ex capo del team di Formula 1 Flavio Priador, dove ha bruscamente interrotto la stagione turistica 2020 dell’isola la scorsa estate, legata a cluster di infezioni in tutta Italia.

Gli altri due locali – Phi Beach e Country Club – sono stati accusati di negligenza mentre gli avvocati sardi hanno completato un’indagine sull’infezione del locale notturno.

Si dice che la dirigenza del ricco e famoso miliardario di Porto Servo, in Costa Smeralda, non abbia adottato misure adeguate per garantire che i dipendenti siano ben protetti dal virus, ovvero per fornire loro un numero adeguato di mascherine. Cinquantotto membri del personale sono risultati positivi per l’epidemia a metà agosto e ci sono stati focolai tra calciatori, celebrità e altri giocatori di club.

Come l’ex primo ministro italiano Silvio Berlusconi, Priator è stato ricoverato in ospedale a Milano alla fine di agosto. Poco dopo essere tornato dalla sua villa in Costa Smeralda, all’inizio di settembre è stato confermato che Berlusconi aveva il virus corona. L’83enne è stato filmato senza maschera con Priador fuori dalla sua casa di vacanza in Sardegna.

Il milionario è stato costretto ad aprire a luglio dopo il lock-up primaverile ed esplodere con migliaia di ospiti, in qualche modo accusati dell’aumento delle cause legali in altre regioni italiane, tra cui Lazio, Campania e Toscana, mentre i vacanzieri tornavano a casa dalla Costa Smeralda.

All’epoca, Priodor disse che il suo nightclub “rispetta sempre le regole”. Ma se le persone sono tutte bloccate insieme, non c’è niente che tu possa fare al riguardo. “

READ  Euro 2020: Italia a tutto campo per l'annuncio della squadra

Gli avvocati della città di Tempio Paus Sania hanno aperto la loro inchiesta a seguito delle denunce dei sindacati dei lavoratori dei locali notturni sulle condizioni di lavoro. Il personale miliardario sospettato di possedere il Covid-19 avrebbe continuato a lavorare o a non fornire test sui tessuti, mentre i casi positivi sono stati segnalati all’azienda sanitaria locale con o senza indugio.

Si dice che i gestori del Fi Beach e del Country Club non siano riusciti a dotare adeguatamente il personale di dispositivi di sicurezza, comprese le maschere.

Antonella Cucuredu, l’avvocato della gestione del miliardario, ha negato le accuse. “In Billionaire, quando le autorità hanno permesso la riapertura dei locali notturni, l’anti-governo. “Avremo l’opportunità di fornire agli avvocati la nostra conoscenza degli atti per dimostrare che ciò che è realmente accaduto non è stato la causa di alcun crimine”.

Gli avvocati si incontreranno ora con la direzione del locale notturno e gli avvocati prima di presentare le loro prove a un giudice alla fine di luglio. Il giudice valuterà quindi se ci sono prove sufficienti per procedere con il caso.

Priodor affronta anche accuse di diffamazione dopo essere stato in linea con un sindaco sardo che ha limitato le ore notturne con la Costa Smeralda.