junio 25, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Blinken e Lavrov si calpestarono con cautela faccia a faccia sotto Biden

Il segretario di Stato americano Anthony Blinkin e il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov salutano mentre arrivano per un incontro presso la sala concerti Harpa, a margine del vertice ministeriale del Consiglio artico, a Reykjavik, Islanda, 19 maggio 2021.

Saul Loeb | Reuters

Il ministro degli Esteri Anthony Blinkin e il suo omologo russo Sergey Lavrov hanno sottolineato le aree in cui Washington e Mosca potrebbero lavorare insieme, nonostante le loro palesi divergenze, nel primo cauto incontro faccia a faccia dopo il presidente. Joe Biden Entrato in carica.

L’incontro di mercoledì sera, che ha fatto seguito ai colloqui ministeriali del Consiglio artico in Islanda, è durato circa 90 minuti ed è stato descritto da un alto funzionario del ministero degli Esteri come una “discussione pratica e fruttuosa”.

Blinken ha ringraziato Lavrov per aver assunto l’incontro e ha sottolineato le aree in cui i due paesi potrebbero cooperare.

“Ci sono molte aree in cui i nostri interessi si intersecano e si sovrappongono, e crediamo di poter lavorare insieme e, di fatto, costruire su questi interessi”, ha detto Blinken. La pandemia COVID-19 E il cambiamento climatico. Lavrov ha fatto eco alle osservazioni di Blinkin sulla ricerca di sforzi congiunti per frenare i programmi nucleari in Iran e Corea del Nord.

Dopo l’incontro, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto per telefono ai giornalisti che i colloqui sono stati “costruttivi” ma ha aggiunto che “si sono accumulati molti problemi” tra Washington e Mosca.

Peskov ha detto che il Cremlino deve ancora decidere su un possibile vertice entro la fine dell’anno tra Biden e il presidente russo Vladimir Putin. Biden ha suggerito di tenere una riunione al di fuori degli Stati Uniti e della Russia, Durante una telefonata con Putin ad aprile.

READ  Lo Stato australiano di Victoria entra in blocco su COVID-19 dopo ...

Il dibattito tra Blinkin e Lavrov, i più alti colloqui di persona tra Washington e Mosca sotto l’amministrazione Biden, arriva mentre gli Stati Uniti esercitano pressioni sulla Russia su diversi fronti.

Il ministro degli esteri russo Sergei Lavrov.

Costas Paltas, Reuters

All’inizio di questo mese, il Colonial Pipeline è stato vittima di un radicale attacco ransomware che ha costretto la compagnia statunitense a chiudere quasi 5.500 miglia del gasdotto, tagliando quasi la metà della fornitura di carburante della costa orientale e causando carenza di benzina nel sud-est.

Gli attacchi ransomware includono malware che crittografa i file su un dispositivo o una rete causando l’arresto anomalo del sistema. I criminali dietro questi tipi di attacchi informatici di solito chiedono un riscatto in cambio dei dati rilasciati

Assalto effettuato Cyber ​​gruppo criminale russo noto come DarkSide È l’ultimo attacco informatico rivolto alle infrastrutture critiche degli Stati Uniti. Dopo l’attacco, Biden ha detto ai giornalisti della Casa Bianca che gli Stati Uniti al momento non avevano servizi di intelligence che colleghino l’attacco ransomware Darkside al governo russo.

“Finora, non ci sono prove dalla nostra intelligence sul coinvolgimento della Russia. Sebbene ci siano prove che il ransomware sia in Russia, hanno una certa responsabilità nell’affrontare la questione”. Biden ha detto il 10 maggio. Ha aggiunto che avrebbe discusso della situazione con Putin.

Il Cremlino ha già negato le accuse di aver lanciato attacchi informatici contro gli Stati Uniti.

nel mese di marzo , Gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni a sette membri del governo russo Con l’accusa di avvelenamento e la successiva detenzione di Alexei Navalny, il più grande critico di Putin in Russia. Le sanzioni sono state le prime a colpire Mosca, guidata da Biden. L’amministrazione Trump non ha intrapreso alcuna azione contro la Russia per lo status di Navalny.

READ  L'attivista bielorusso Stefan Latypov si accoltella durante un'udienza a Minsk

Nel corso del mese, Biden ha definito Putin un “assassino”. Ha promesso che il presidente russo “pagherà il prezzo” per la sua interferenza nelle elezioni americane del 2020 e cercando di aumentare le possibilità di rielezione di Trump.

Ad aprile, Washington ha imposto un altro round di sanzioni statunitensi alla Russia per violazioni dei diritti umani, lanciando attacchi informatici diffusi e tentativi di influenzare le elezioni statunitensi. L’amministrazione Biden ha anche espulso 10 funzionari della missione diplomatica russa negli Stati Uniti.

Mosca ha precedentemente negato le accuse e le accuse degli Stati Uniti. La Russia ha descritto le recenti mosse della Casa Bianca come un colpo ai legami bilaterali e ha promesso di imporre rapide misure di ritorsione.

In risposta all’azione degli Stati Uniti, la Russia ha espulso 10 diplomatici statunitensi dall’ambasciata statunitense a Mosca e ha imposto sanzioni a otto alti funzionari dell’amministrazione statunitense, tra cui il direttore dell’FBI Christopher Ray e il direttore dell’intelligence nazionale Avril Haines.

Nell’ultimo mese, le tensioni tra Washington e Mosca sono aumentate mentre la Russia aumenta la sua presenza militare lungo il confine ucraino, sollevando timori in Occidente di una possibile guerra tra i due paesi vicini. Russia Il mese scorso ha ordinato alle sue forze di ritirarsi dal confine.

I soldati ucraini lavorano sui loro carri armati vicino alla linea del fronte con i separatisti sostenuti dalla Russia vicino a Leschansk, nella regione di Lugansk, il 7 aprile 2021.

Foto di STR / AFP tramite Getty Images

Prima di ritirarsi, il ministero della Difesa russo ha detto che lo era Ha condotto più di 4.000 esercitazioni militari Per verificare la prontezza delle sue forze.

READ  I brasiliani sono scesi in piazza chiedendo il licenziamento di Bolsonaro e un vaccino migliore

Il governo ucraino ha detto che quattro dei suoi soldati sono stati uccisi in un bombardamento russo nel Donbas, mentre i separatisti sostenuti dalla Russia si oppongono al governo centrale di Kiev.

A quel tempo, il Cremlino ha negato le accuse secondo cui le sue forze erano nell’Ucraina orientale e ha confermato che Mosca avrebbe continuato a spostare le sue forze attraverso il territorio russo a sua discrezione, descrivendo l’escalation delle tensioni come “senza precedenti”.