septiembre 28, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Aggiornamenti in tempo reale: Olimpiadi di Tokyo: NPR

Dopo aver fatto la storia lunedì, la sollevatrice di pesi Laurel Hubbard ha ringraziato il CIO “per il suo impegno nei confronti dei valori olimpici e per aver dimostrato che lo sport è per tutti e che il sollevamento pesi può essere praticato da tutte le persone”.

Swen Pförtner Alliance / dpa / foto via Getty Images


Nascondi didascalia

Cambio didascalia

Swen Pförtner Alliance / dpa / foto via Getty Images

Dopo aver fatto la storia lunedì, la sollevatrice di pesi Laurel Hubbard ha ringraziato il CIO “per il suo impegno nei confronti dei valori olimpici e per aver dimostrato che lo sport è per tutti e che il sollevamento pesi può essere praticato da tutte le persone”.

Swen Pförtner Alliance / dpa / foto via Getty Images

Laurel Hubbard ha fatto la storia per essere stata la prima atleta transgender a gareggiare in un evento singolo alle Olimpiadi estive. Il sollevatore di pesi neozelandese non è salito sul podio, non essendo riuscito a qualificarsi per la finale.

Lunedì Hubbard ha gareggiato nella classe 87 kg, lottando per sollevare 125 kg (275 libbre), che l’hanno messa fuori gioco. Il suo punteggio ufficiale non era “finito”, poiché si ritirò dopo non essere riuscita a segnare un passaggio pulito nella sezione snatch della competizione in due parti.

Hubbard sembrava essere riuscito a sollevare il peso nel secondo dei suoi tre tentativi, ma in una decisione divisa, i giudici hanno stabilito che non reggeva saldamente il bilanciere sopra la testa.

Nonostante non fosse riuscito a raggiungere l’ultimo round, Hubbard sorrise e giunse le mani in un gesto cordiale prima di scendere dal podio al Tokyo International Forum.

READ  L'uscita dell'Australia dalla pandemia di Covid-19 ti farà urlare di rabbia o di gioia?

“La mia esibizione non è stata quella che avrei voluto, ma sono onorato del supporto che ho ricevuto da così tante persone in tutta la Nuova Zelanda”, Lei disse“Mi rendo conto che la mia partecipazione è stata controversa”, ha aggiunto.

“Grazie al CIO per essersi attenuto ai valori olimpici e aver dimostrato che lo sport è per tutti e che il sollevamento pesi può essere praticato da tutte le persone”, ha detto Hubbard.

Nel suo commosso addio, Hubbard ha anche ringraziato il Giappone per aver ospitato i Giochi, secondo il Comitato Olimpico del suo paese.

I transatleti raggiungono nuove vette a Tokyo

Hubbard si unisce al canadese Quinn, centrocampista della nazionale di calcio transgender e non binario, per raggiungere nuovi traguardi per gli atleti transgender ai Giochi di Tokyo. Quinn, una veterana della squadra femminile uscita l’anno scorso, è diventata di recente La prima persona ad attraversare pubblicamente Per competere ai Giochi Olimpici.

Hubbard fece notizia quando il Comitato Olimpico Internazionale le permise di gareggiare, una decisione che attirò consensi e critiche. Da parte sua, Hubbard ha accolto con favore l’opportunità di competere sulla scena mondiale mostrando anche il suo vero sé.

“Lodo il CIO per il suo impegno nel rendere lo sport inclusivo e accessibile a tutti”, ha detto Ha detto venerdì. Dopo la sconfitta di lunedì, Hubbard ha anche ringraziato l’International Weightlifting Federation, o IWF.

“Sono stati straordinariamente di supporto”, ha detto. “Penso che abbiano anche dimostrato che il sollevamento pesi è un’attività aperta a tutte le persone nel mondo”.

Ci sono voluti 15 anni di sollevamento

Quando aveva vent’anni, Hubbard era una stella nascente nel sollevamento pesi maschile, ma lasciò lo sport, ha detto di recente, dopo aver affrontato “le pressioni di cercare di inserirsi in un mondo che potrebbe non essere davvero preparato per persone come me”.

READ  L'ex membro della Knesset Yehuda Glick è stato arrestato con l'accusa di aver tentato di contrabbandare palestinesi

Ha iniziato a girare nel 2012 e, dopo una pausa di oltre 15 anni, sta iniziando a lavorare per tornare al sollevamento pesi competitivo.

Hubbard, 43 anni, ha 10 anni più di qualsiasi altro atleta nel suo gruppo A Lunedì calore in gara.

Il cinese Li Wenwen, detentore del record mondiale, ha vinto l’oro nell’evento. Sarah Robles del Team USA ha vinto il bronzo. È il secondo bronzo per Robles, che nel 2016 ha rotto una prolungata siccità olimpica a causa del sollevamento pesi negli Stati Uniti.