Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Se la stagione continuasse così, nelle città d’arte, con l’afflusso di turisti che hanno invaso musei e piazze nei giorni di Pasqua e Pasquetta, anche ristoratori e albergatori tirerebbero un sospiro di sollievo.
rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/rvm_tg_pasqua_20140422.mp4
Mete predilette nelle giornate pasquali sono state la capitale che, con il solo Colosseo, ha raggiunto le 23.500 presenze, Pompei, Venezia e Firenze. Complice il tempo incerto, anche le città dell’Emilia-Romagna hanno visto molti turisti, in particolare Ravenna e Ferrara, ma anche Bologna e la Romagna in generale.
Il pranzo di Pasqua si è consumato per lo più in casa con parenti e amici, spendendo per la tavola circa un miliardo di euro, un dato che in base ai calcoli di Federconsumatori segna un calo del 13,8% rispetto allo scorso anno. Quasi 14 milioni e mezzo di persone, secondo le stime di Federalberghi, si sarebbero messe in viaggio nel week-end appena trascorso, approfittando anche della concomitanza dei ponti del 25 aprile e del primo maggio. Quattro italiani su dieci, secondo Coldiretti, hanno scelto la gita fuoriporta, anche se la pioggia non ha risparmiato le regioni settentrionali costringendo a un turismo mordi e fuggi. Solo il 5% degli italiani ha optato per una Pasquetta al ristorante ed il 3% negli agriturismi. Secondo i calcoli di Coldiretti il 18% degli italiani ha colto l’occasione per riposare in casa mentre il 10% ha scelto di fare una vera e propria vacanza, per il 9% Pasqua è un giorno come gli altri e per il 7% è una opportunità per partecipare a manifestazioni ed eventi. Insieme a salumi, formaggi, uova sode e le tradizionali grigliate sul posto, tra i piatti più gettonati del Lunedì dell’Angelo polpette, frittate, pizze farcite, ratatouille e macedonia.
Intanto fervono i preparativi per i ponte del 25 aprile e del primo maggio. Per gli amanti delle escursioni: “L’Appennino a passo lento. Alla scoperta del fascino antico e misterioso dell’Appennino Tosco-emiliano”, un lungo week end per riscoprire i sentieri di crinale fra Vidiciatico, Lizzano in Belvedere, Porretta terme e Granaglione.

Categoria: Attualità
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.