Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

La partita dei sogni. Sì, proprio così, perché la Carisbo Bologna United spezza finalmente la serie nera con Conversano e batte con pieno merito i campioni d’Italia. La squadra delle stelle nelle cui fila troviamo alcuni ex rossoblù. Però, nonostante questo, il Bologna dimostra di avere una marcia in più. Almeno per un pomeriggio, almeno per un’ora che deve rappresentare non un punto d’arrivo ma di partenza per il club di Gianni Salvatori che vorrebbe andare lontano, con i suoi italiani, i suoi giovani. Marcello Montalto non può ancora giocare, ma basta la sua presenza per dare carica e fiducia al gruppo. Incurante delle assenze e con due portieri da applausi, il Bologna gioca da par suo, con grinta e determinazione. Resta davanti nel primo tempo, 8 a 7, viene raggiunto sull’8 pari ma prova subito a dare una spallata all’incontro, prima 10 a 8 poi 13 a 9 all’intervallo. Un blackout a inizio ripresa consente agli ospiti di ritrovare la parità a quota 14, ma la Carisbo Bologna United non solo non si spaventa, ma continua a giocare con ancora maggiore foga. Ma quando la partita imbocca le ultime curve e l’equilibrio regna sovrano, 22 a 21 con qualsiasi epilogo nel mirino, ecco i 207 centimetri e l’incoscienza di Francesco. Due fucilate e partita chiusa. Presto per dire se il campionato di pallamano élite, almeno per quel che concerne la regular season, sia riaperto o meno. Ma al PalaSavena intanto è grande festa anche perché questo successo dà morale e coraggio a un gruppo giovanissimo

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.