junio 22, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Zara, Anthropology e Patol hanno accusato il Messico di “appropriazione culturale”

scritto da Megan C Hills, CNN

Il Messico ha accusato i marchi di moda Zara, Anthropologist e Patol di appropriarsi della cultura, sostenendo di aver “usato” i modelli creati dagli indigeni del paese.

Il Ministero della Cultura messicano ha richiesto in una serie di lettere ai marchi una “spiegazione generale”. Chiedeva anche il “rimborso dei benefici” alle comunità creative che credevano di aver inventato tecniche per il ricamo e motivi di disegno.

Le lettere firmate sono state del 13 maggio dal Ministro della Cultura Alejandra Frausto Guerrero Prodotto generico di venerdì. Hanno identificato vari articoli di abbigliamento dei tre marchi insieme a corrispondenti esempi di abbigliamento realizzati da artigiani indigeni della regione di Oaxaca.

Il governo del Messico ha detto che le icone esposte sui pantaloncini antropologici ricamati ci ricordano quelli usati dalla comunità Mixe nel paese. Attribuisci a lui: antropologo

In un comunicato stampa, il Ministero della Cultura si è opposto al vestito midi blu ricamato di Zara. Ha affermato che il marchio spagnolo era basato su codici ancestrali e abiti tradizionali “huipil” prodotti dal popolo Mixteco di San Juan Colorado, in Messico, aggiungendo che gli abiti di solito richiedono agli artigiani almeno un mese per essere completati. L’articolo in questione non è più disponibile per la vendita sul sito Zara.

Un paio di Shorts ricamati Da Anthropologie è stato anche evidenziato come un presunto esempio di appropriazione culturale. Il governo messicano ha affermato che l’oggetto, che costa circa $ 70, presenta icone che ricordano quelle usate dalla comunità Mixe, a Santa Maria Telahuitoltepeq. I cortometraggi erano ancora in vendita su Anthropologie lunedì.
Fiori non ufficiali di Batul Camicie Intanto si dice che si ispiri alle tecniche di ricamo della comunità zapoteca di San Antonino Castillo Velasco. Il governo ha affermato che il ricamo a mano di fiori sulle camicie Batul era un’imitazione di una tecnica complessa nota come “Hazmi cpedis” (“Fammi se puoi”), e include motivi floreali della comunità, tra le altre cose.
Il Messico crede che Batul "Fiori ordinari" T-shirt ispirate alle tecniche di ricamo della comunità zapoteca del paese.

Il Messico crede che le camicie Batul “casual” siano ispirate alle tecniche di ricamo della comunità zapoteca del paese. Attribuisci a lui: Patol

READ  Riepilogo delle voci: l'imminente partita di The Rock, il ritorno di Lesnar, Doddrop e altro!

In una dichiarazione inviata per e-mail alla CNN, la società madre di Zara, Inditex, ha affermato di avere “grande rispetto” per “il (Ministero della Cultura) e le comunità in Messico”, ma ha aggiunto che “il progetto in questione non era affatto intenzionale. Il Mixtec persone del Messico o colpite da esso. “

Né Patowl né la società madre URBN hanno risposto alla richiesta di commento della CNN.

Il Ministero della Cultura ha affermato in un comunicato stampa che la “proprietà collettiva” delle comunità indigene è stata “privatizzata” dai marchi, e ha invitato queste ultime a creare un “quadro etico” per lavorare direttamente con gli artigiani.

Il Ministero della Cultura ha paragonato il vestito di Zara (nella foto) ai vestiti "Hubbell" Abiti prodotti dal popolo Mixteco di San Juan Colorado, Messico.

Il Ministero della Cultura ha paragonato l’abito di Zara (nella foto) agli abiti “huipil” prodotti dal popolo Mixteco di San Juan Colorado, in Messico. Attribuisci a lui: Zara

Ha detto che funziona per “prevenire il plagio … da parte di corporazioni nazionali e transnazionali”, aggiungendo che “protegge i diritti delle popolazioni indigene che sono state storicamente trascurate”.

Non è la prima volta che il Messico accusa i marchi di proprietà. Lo scorso novembre, la designer francese Isabel Maran si è scusata dopo il ministero della cultura del paese ha sostenuto La sua etichetta utilizzava un motivo creato dalla comunità Purepecha. Marant le ha offerto le sue “scuse più sincere”. Secondo la BBC, Dicendo che “si complimenterà con le nostre ispirazioni” in futuro.
Nel 2019 anche il ministero Accusato Il marchio di abbigliamento femminile americano Carolina Herrera utilizza stili messicani “senza permesso, senza rispetto, senza considerazioni economiche”. Sebbene il poster non abbia risposto alla richiesta di commento della CNN in quel momento, il direttore creativo Wes Gordon ha detto in una dichiarazione a Watchman Che il marchio abbia cercato di “mostrare l’importanza di questo meraviglioso patrimonio culturale” ed è stato “un apprezzamento per la ricchezza della cultura messicana”.
READ  Riunione di "Friends" censurata dalla Cina, Cutting Lady Gaga, Justin Bieber, BTS - Deadline