agosto 15, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

I numeri di COVID in Australia raggiungono il picco mentre l’epidemia di Omicron mette a dura prova la politica locale

SYDNEY (Reuters) – Martedì l’Australia ha raggiunto un altro record di infezioni da COVID-19 quando un’epidemia dell’Omicron altamente patogeno ha interrotto la riapertura dell’economia mentre i leader statali discutevano sui controlli alle frontiere locali.

Il paese ha riportato 11.264 nuovi casi di coronavirus il giorno prima, secondo un resoconto Reuters sui numeri statali, superando ancora una volta il picco del giorno prima, mentre lotta con una riapertura pianificata mentre infuria la nuova alternativa.

Sono stati segnalati cinque decessi per COVID-19, portando il totale dei decessi a poco più di 2.200 dall’inizio della pandemia. Le autorità non hanno determinato se qualcuno dei nuovi decessi sia collegato alla variante Omicron.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a Reuters.com

La variante di Omicron, che secondo gli esperti medici è più trasmissibile ma meno virulenta dei ceppi precedenti, sta iniziando a diffondersi in Australia proprio mentre il paese inizia a pianificare la riapertura permanente dopo quasi due anni di blocco intermittente.

Con la ripresa del numero di casi in aumento, nonostante un tasso di vaccinazione superiore al 90% per gli australiani di età superiore ai 16 anni, i leader di stato hanno ripristinato alcune misure di contenimento come l’uso obbligatorio di maschere e il check-in in pubblico.

L’impennata del numero dei casi ha anche portato all’isolamento di migliaia di lavoratori nei settori dell’ospitalità, del tempo libero e dell’aviazione – i settori più colpiti dai blocchi – portando alla cancellazione degli spettacoli teatrali, alla chiusura dei ristoranti e al posticipo dei voli.

L’epidemia ha anche portato a una ripresa delle politiche interne sgangherate che hanno definito gran parte della pandemia poiché alcuni paesi resistono alle chiamate per rimuovere i controlli alle frontiere interne.

READ  L'OMS mette in guardia sui richiami di COVID-19 prima dei primi vaccini

Il Nuovo Galles del Sud, sede di Sydney e di un terzo dei 25 milioni di abitanti dell’Australia, ha invitato il vicino Queensland a passare dai test clinici obbligatori nel punto di origine ai test rapidi dell’antigene in loco per le persone che vi si recano.

Il ministro della Sanità del New South Wales Brad Hazzard ha affermato che un quarto dei test clinici nel suo stato erano «test turistici» su persone asintomatiche, causando enormi tensioni sul sistema sanitario, lunghe code per i test e tempi di attesa di diversi giorni per i risultati.

In un caso, una clinica di test a Sydney ha inviato risultati di test negativi errati a 400 persone con COVID e poi ha inviato prematuramente 950 persone con risultato negativo quando 486 erano già positivi. Hazard ha affermato che l’errore è stato il risultato di «errore umano e quando le persone sono sotto pressione, gli errori umani sono più frequenti».

Ha chiesto al Queensland di annullare immediatamente i test clinici obbligatori e non dopo il 1 gennaio come previsto, ma le autorità del Queensland hanno affermato che la politica stava funzionando.

Invece, il ministro della Sanità del Queensland Yvette Dath ha affermato che lo stato eliminerà un’altra regola di test per gli arrivi tra stati: le persone che arrivano nello stato non dovranno più fare un test del virus cinque giorni dopo il loro arrivo.

I confini internazionali dell’Australia rimangono effettivamente chiusi, ma i cittadini australiani potrebbero tornare senza la quarantena obbligatoria in hotel e il Paese ha affermato che consentirà l’ingresso ad alcuni lavoratori qualificati e studenti stranieri.

(Byron Kay Reporting) Montaggio di Michael Perry e Raju Gopalakrishnan

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.