noviembre 27, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Un nuovo approccio promettente per il trattamento del morbo di Alzheimer, oltre alla vaccinazione contro di esso

Un nuovo approccio promettente al potenziale trattamento Il morbo di Alzheimer La malattia, così come la vaccinazione contro di essa, è stata sviluppata da un team di scienziati britannici e tedeschi.

Sia il trattamento a base di anticorpi che il vaccino a base di proteine, il team ha sviluppato una riduzione dei sintomi dell’Alzheimer in modelli murini della malattia. La ricerca è stata pubblicata oggi (15 novembre 2021) in Psichiatria Molecolare.

Il lavoro è una collaborazione tra i ricercatori dell’Università di Leicester, l’University Medical Center Göttingen e l’ente benefico per la ricerca medica LifeArc.

Invece di concentrarsi sulla proteina beta-amiloide nelle placche nel cervello, che è comunemente associata al MA, sia l’anticorpo che il vaccino prendono di mira una forma diversa e solubile della proteina, che si pensa sia altamente tossica.

La proteina beta-amiloide è naturalmente presente come particelle a catena altamente flessibili in soluzione, che possono fondersi insieme per formare fibre e placche. Nella malattia di Alzheimer, un’alta percentuale di queste molecole simili a filamenti viene accorciata o «accorciata», e alcuni scienziati ora credono che queste forme siano la chiave per lo sviluppo e la progressione della malattia.

Il prof. Thomas Beyer, del Centro medico universitario di Göttingen, ha dichiarato: «Negli studi clinici, nessuno dei potenziali trattamenti che dissolvono le placche amiloidi nel cervello ha dimostrato di avere molto successo in termini di riduzione dei sintomi del morbo di Alzheimer. Alcuni hanno persino mostrato effetti collaterali negativi. Quindi abbiamo deciso di adottare un approccio diverso. Abbiamo identificato un anticorpo nei topi che neutralizzava le forme troncate di beta-amiloide solubile, ma non si legava alle forme normali della proteina o alle placche».

READ  Potrebbe esserci un lato oscuro nell'obbligo di vaccinazione, secondo i risultati del sondaggio نتائج

Il Dr. Preti Bakranya e i colleghi di LifeArc hanno adattato questo anticorpo in modo che il sistema immunitario umano non lo riconosca come estraneo e lo accetti. Quando il gruppo di ricerca di Lister ha esaminato come e dove questo anticorpo «umanizzato», chiamato TAP01_04, si lega alla forma troncata di beta-amiloide, il team ha avuto una sorpresa. Hanno visto che la proteina beta-amiloide era piegata su se stessa, in una struttura a forma di forcina.

Il professor Mark Carr, dell’Istituto di biologia strutturale e chimica dell’Università di Leicester, ha spiegato: «Questa struttura non era mai stata vista prima nell’amiloide-beta. Tuttavia, la scoperta di una struttura così specifica ha permesso al team di ingegnerizzare questa regione della proteina per stabilizzarsi. la forma della forcina e si legano all’anticorpo allo stesso modo. Metodo. La nostra idea era che questa forma ingegneristica di beta-amiloide potesse essere utilizzata come vaccino, per stimolare il sistema immunitario di qualcuno a produrre anticorpi TAP01_04. «

Quando il team ha testato la proteina beta-amiloide ingegnerizzata nei topi, ha scoperto che i topi che avevano ricevuto questo «vaccino» in realtà producevano anticorpi di tipo TAP01.

Il gruppo di Göttingen ha quindi testato sia l’anticorpo «umanizzato» che un vaccino contro l’amiloide-beta, chiamato TAPAS, in due diversi modelli murini della malattia di Alzheimer. Basandosi su tecniche di imaging simili a quelle utilizzate per diagnosticare l’Alzheimer negli esseri umani, hanno scoperto che sia l’anticorpo che il vaccino hanno contribuito a ripristinare la funzione neuronale, aumentare il metabolismo del glucosio nel cervello, ripristinare la perdita di memoria e, sebbene non siano direttamente mirati, a ridurre la formazione della placca. beta-amiloide;

READ  La creatività vola di nuovo mentre il Perseverance Rover inizia la ricerca della vita su Marte

Il Dr. Bakrania di LifeArc ha detto: “L’anticorpo umano TAP01_04 e il vaccino TAPAS sono molto diversi dai precedenti anticorpi o vaccini di Alzheimer testati negli studi clinici, perché mirano a una forma diversa della proteina. Questo lo rende davvero promettente come potenziale trattamento per la malattia sia come anticorpo terapeutico che come vaccino. I risultati finora sono molto entusiasmanti e una testimonianza dell’esperienza scientifica del team. Se il trattamento avrà successo, potrebbe cambiare la vita di molti pazienti».

Il professor Mark Carr ha aggiunto: «Mentre la scienza è attualmente ancora in una fase iniziale, se questi risultati vengono replicati negli studi clinici sull’uomo, potrebbero essere trasformativi. Apre la possibilità non solo di curare l’Alzheimer una volta rilevati i sintomi, ma anche di potenziali vaccinazione contro la malattia prima che si manifesti. «sintomi».

I ricercatori stanno ora cercando un partner commerciale per portare l’anticorpo terapeutico e il vaccino attraverso studi clinici.

Riferimento: «Scoperta di una nuova pseudo-struttura di forcine troncate di amiloide-N per l’uso come vaccino contro l’Alzheimer» di Priti Pecrania, Gareth Hall, Yvonne Potter, Caroline Potter, Nicola Bendorf, Richard Cowan, Sarah Davis, Gemma Price, Chido Mbamanga, Elizabeth Love, David Matthews, Mark D. Carr e Thomas A. Baer, ​​15 novembre 2021, disponibile qui. Psichiatria Molecolare.
DOI: 10.1038 / s41380-021-01385-7