junio 23, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Tesla sta cercando di stare al passo con la Model S Plaid

Illustrazione per un articolo intitolato Tesla che cerca di stare un passo avanti con il Model S Plaid

immagine: Tesla

La Tesla Model S Plaid farà il suo debutto all’evento di giovedì sera e Volkswagen pensa che la carenza globale di chip potrebbe presto alleviarsi, Jim Farley. Tutto questo e molto altro in turno del mattino Il 10 giugno 2021.

Prima marcia: Tesla e la Model S Blade

Martedì sera sono andato a un evento Volvo a Manhattan e a un certo punto la conversazione è passata alla teoria secondo cui gli acquirenti di Tesla riducono le vendite di Tesla, ovvero la Model Y sta vendendo bene perché i primi ad adottare la Model 3 stanno vendendo e scambiando le loro auto. , proprio come quello che si potrebbe fare quando lasciano cadere il loro nuovo iPhone.

Ho già sentito questa teoria, Ma invece dei proprietari di Model 3 che acquistano un Model Y, i proprietari di Model S probabilmente acquistano un Model 3. Non sono sicuro di quanto – l’obiettivo di Tesla è vendere quante più auto possibili, indipendentemente da chi acquista – ma conosco la concorrenza per Tesla è nel regno delle auto elettriche in rapida crescita.

Ci sono la Ford Mustang Mach-E, la Volkswagen ID.4 e l’Audi E-Tron, tra le altre, e arrivano auto come la Volvo C40 Recharge e la Cadillac Lyriq. Nella parte superiore dello spazio di lusso ci sono la Mercedes EQS e la Porsche Taycan, a cui Tesla risponderà all’evento di stasera con una Model S Plaid, che parte da $ 129.990.

Il Model S Plaid è essenzialmente la seconda generazione del Model S, anche se Tesla non lo chiamerebbe mai così, dal momento che non crede nel concetto di anni modello. Versione a lungo raggio chiamata Model S Plaid + sono stati cancellatiNel frattempo, mentre Tesla inizia a navigare in un nuovo panorama di veicoli elettrici.

Gli analisti dicono che Tesla ha bisogno del plaid Model S per essere un altro successo, per Reuters:

“La Model S non è cambiata molto in termini di aspetto negli ultimi dieci anni o giù di lì. Penso che Tesla dovrebbe offrire ai consumatori qualcosa di più”, ha affermato Jessica Caldwell, CEO del fornitore di informazioni automobilistiche Edmunds.

[…]

“Il Model S Plaid ha sicuramente lo scopo di aiutare a ridurre la migrazione degli attuali proprietari di Tesla da Tesla”, ha affermato Ed Kim, Vice President di AutoPacific Consulting. “Penso che quello che stiamo vedendo ora è che Tesla non può più operare nel vuoto”.

Ha detto che il Model S Plaid è un modello di alone a basso profilo pensato per mostrare la casa automobilistica e creare entusiasmo per la berlina, poiché Tesla ha bisogno di lanciare con successo nuovi modelli come Cybertruck e Semi Trucks per espandere la sua base di clienti.

I cortometraggi di Tesla potrebbero non essere sbagliati su Tesla a lungo termine, anche se nel breve termine non è stato detto abbastanza sulla mancanza di resistenza che Tesla ha dovuto affrontare dalle vecchie case automobilistiche. Tutto sta cambiando e sarebbe bello vedere come va.

Seconda marcia: la lotta per il petrolio in Norvegia si fa brutta

La Norvegia è uno dei mercati automobilistici più saturi al mondo per i veicoli elettrici, ma la Norvegia raccoglie anche molto petrolio, una contraddizione al centro del dibattito. sulle sue politiche climatiche. questa discussione, Rapporti BloombergÈ diventato anche molto brutto.

Lan Marie Nguyen Berg, politico del Partito dei Verdi e vicesindaco della capitale norvegese Oslo e una voce forte sulla politica climatica, ha ricevuto una serie di messaggi di odio, minacce e commenti razzisti sui social media.

[…]

Il settore del petrolio e del gas impiega circa 200.000 persone e riempie le casse del fondo sovrano di 1,4 trilioni di dollari, che miglioreranno il benessere delle generazioni future. Forzare un declino dell’industria potrebbe avere un impatto più ampio e duraturo sulla vita dei norvegesi rispetto a qualsiasi politica climatica fino ad oggi, e sembra che questo problema fornirà alcuni dei momenti più caldi della campagna elettorale.

Tuttavia, uno degli strenui sostenitori di Berg contro gli abusi online sembra essere il suo principale rivale politico, il ministro del petrolio e dell’energia Tina Brough del partito conservatore amico del petrolio. Bru ha postato su Facebook a maggio, con gli screenshot dei messaggi offensivi inviati a Berg: “Non ce la faccio più”. “Sta ‘zitto!” Pochi giorni dopo, la polizia ha deciso di indagare sulla questione.

C’è una ragione per cui gli attacchi colpiscono il nervo. Bru è stata anche abusata online per il suo sostegno all’energia eolica onshore, sottolineando quanto sia sacra l’industria petrolifera per gli elettori norvegesi. Le due donne provengono da diverse estremità dello spettro politico, ma sono alleate nella spinta per maggiori investimenti in energia pulita, ma differiscono nettamente sulla velocità con cui deve avvenire la transizione.

È un po’ confortante sapere che anche nei paesi progressisti a volte tutti si scaldano un po’.

Terza marcia: tocca a Peugeot esaminare le potenziali frodi sulle emissioni

Peugeot in ritardo per dieselgate party, ma sembra essere finalmente apparso, Secondo il Wall Street Journal,.

Stellantis STLA -0,38% NV, il colosso automobilistico proprietario del marchio francese, ha dichiarato mercoledì sera che il tribunale di Parigi ha disposto una cauzione di 10 milioni di euro, equivalenti a 12 milioni di dollari, e una garanzia bancaria di 1 euro. 30 milioni di euro a copertura di eventuali danni. L’inchiesta riguarda la vendita di auto diesel in Francia tra il 2009 e il 2015.

La società ha affermato che altre due società Stellantis, Fiat Chrysler e Citroën, sono state convocate a comparire in un tribunale di Parigi nelle prossime settimane nell’ambito della stessa indagine.

Stellantis ha affermato che tutte e tre le filiali “credono fermamente che i loro sistemi di controllo delle emissioni soddisfino tutti i requisiti applicabili nei momenti pertinenti e continuino a farlo”.

Un funzionario giudiziario francese ha confermato la presentazione delle prime accuse, sostenendo che Peugeot era coinvolta in pratiche fraudolente che rendevano i suoi veicoli diesel pericolosi per la salute umana e animale.

Quarta marcia: Jim Farley

Era davvero il CEO di Ford Jim Farley Facendo un tiro alla vittoria ultimamenteAlcuni sono meritati. Ford era in soggezione con l’F-150 Lightning, Mustang Mach-E, Bronco e dissidente. Tuttavia, la maggior parte (tutte?) di queste decisioni sono state prese prima che entrasse in carica lo scorso ottobre. Farley è il primo a sottolinearlo mentre si è seduto di recente per interviste in quello che sembra essere un tentativo di far salire il prezzo delle azioni Ford.

La sua ultima intervista è con il New York Times, anche se Farley non rivela molto oltre che pensa che il disertore starà bene e che potrebbero esserci altri Maverick in futuro.

Il signor Farley ha espresso fiducia che il Maverick sarebbe stato un successo, dicendo che poteva immaginare che Ford producesse una famiglia di varianti Maverick, incluso un modello elettrico.

“L’elettrificazione del settore è un grande cambiamento e penso che non fosse chiaro fino a quando non abbiamo lanciato Lightning e Mach E che Ford sarebbe stata la vincitrice in questa nuova realtà elettrica”, ha detto Farley. “Ora gli investitori stanno scommettendo su Ford, e quello che mi stanno dicendo è: ‘La strategia è attraente, quindi vai avanti ed eseguila, Farley. “

Fai un normale taxi elettrico Maverick, Ford, la gente ne ha bisogno.

Quinta marcia: Volkswagen afferma che la carenza di chip potrebbe aver toccato il fondo

VW sarà felice quando la carenza di chip finirà, anche se dice anche che la carenza di chip potrebbe non finire mai e che il vero regalo potrebbero essere gli amici che abbiamo fatto lungo la strada.

a partire dal Reuters:

Il gruppo Volkswagen prevede che la carenza di forniture di semiconduttori si allenterà nel terzo trimestre, ma vede continuare i colli di bottiglia a lungo termine, ha detto un membro del consiglio a Handelsblatt.

“Al momento siamo al punto più basso. Stiamo affrontando le sei settimane più difficili”, ha detto al quotidiano in un’intervista Murat Axel, responsabile degli acquisti di Volkswagen.

Ha detto che si aspetta un deficit di circa il 10% in chip a lungo termine perché ci vogliono fino a due anni per costruire la capacità di produzione.

Reverse: battute spunto su poliziotti e panini

READ  Southwest Airlines regala 50.000 punti a tutti i dipendenti