septiembre 21, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Studio: Pfizer produce una protezione molto più forte se le dosi sono a distanza di mesi

un uno studio Nel unito regno Guidato dall’Università di Birmingham in associazione con Public Salute L’Inghilterra ha riferito che attendere mesi tra le dosi del vaccino Pfizer / BioNTech produce una protezione molto più forte contro Covid-19.

Meghan Markle, la faccia del principe Harry che chiede l’abdicazione dei titoli reali dopo l’apparizione del podcast: Rapporto

Dr Helen Barry, autrice principale di Study in Birmingham, Egli ha detto: “Abbiamo dimostrato che la risposta anticorpale massima dopo la seconda vaccinazione di Pfizer è fortemente aumentata negli anziani quando viene ritardata da 11 a 12 settimane. C’è una differenza significativa tra questi due programmi in termini di risposte anticorpali che vediamo . “

La Gran Bretagna ha una politica di ritardare la seconda dose fino a 12 settimane per rendere disponibili i vaccini a più persone. La Gran Bretagna ha annunciato domenica che più di 20 milioni di persone hanno ricevuto finora le due dosi. Si supponeva che due iniezioni di vaccino Pfizer dovessero essere somministrate per un periodo da tre a quattro settimane.

Lo studio ha rilevato che gli anticorpi erano tre volte e mezzo più alti se somministrati dopo 12 settimane.

“Questo studio supporta anche il crescente corpo di prove che l’approccio del Regno Unito per ritardare quella seconda dose ha davvero dato i suoi frutti”. Egli ha detto Dott. Gayatri Amerthalingam, Consultant Epidemiologist in Public Health England. “Gli individui hanno davvero bisogno di completare la loro seconda dose quando viene offerta loro in quanto non solo fornisce una protezione aggiuntiva, ma può fornire una protezione di lunga durata contro COVID-19”.

READ  Perché Venere diventerà presto il luogo più eccitante del sistema solare

Pfizer non era affiliata allo studio.

La portavoce della Pfizer, Jerica Bates, ha dichiarato a Fox News: “Pfizer può solo commentare il regime di dosaggio e i risultati descritti nel nostro studio clinico di fase 3, che ha mostrato che due dosi somministrate dopo 21 giorni hanno prodotto un’efficacia del 95% del vaccino”. “Tuttavia, siamo incoraggiati dalla crescente ricchezza di prove provenienti da studi indipendenti e dati del mondo reale che migliorano l’efficacia del vaccino Pfizer / BioNTech in contesti reali. Insieme ai governi e alle agenzie di sanità pubblica di tutto il mondo, siamo uniti nel i nostri sforzi per controllare l’epidemia e il supporto per la condivisione continua di dati che consente agli operatori sanitari e alle organizzazioni di prendere decisioni informate sulla salute pubblica per la loro popolazione locale.

Coronavirus: cosa devi sapere

Quasi il 70% Britannico Gli adulti hanno ricevuto almeno una dose di vaccino.

I nuovi casi di virus confermati sono saliti alle stelle nell’ultima settimana, sebbene siano ancora ben al di sotto del picco dell’inverno. Ci sono state una media di circa 2.200 nuove infezioni al giorno negli ultimi sette giorni rispetto ai quasi 70.000 al giorno al picco di gennaio. I decessi recenti sono stati in media poco più di 10 casi al giorno, in calo rispetto ai 1.820 del 20 gennaio.

La Gran Bretagna ha registrato quasi 128.000 morti a causa del Coronavirus, il numero più alto in Europa.

“Nel complesso, questi dati aggiungono un supporto significativo alla politica di ritardare la seconda dose del vaccino COVID-19 quando la disponibilità del vaccino è limitata e la popolazione è a rischio”. Egli ha detto Eleanor Riley è Professore di Immunologia e Malattie Infettive presso l’Università di Edimburgo. “Il follow-up a lungo termine di questo gruppo ci aiuterà a capire quale periodo di vaccinazione sarà ottimale in futuro, una volta che la crisi immediata sarà finita”.

READ  Il CDC approva le vaccinazioni contro il Covid per le donne in gravidanza

Fare clic qui per una copertura completa del Coronavirus

Migliaia di bar e ristoranti nel Regno Unito hanno aperto il lunedì per il servizio interno per la prima volta dall’inizio di gennaio.

Anche teatri, luoghi di intrattenimento e musei hanno riaperto come parte dell’ultimo passo per allentare le restrizioni a livello nazionale, facendo sperare che l’economia britannica possa presto iniziare a riprendersi dagli effetti devastanti della pandemia.

Il Governo Anche comodi consigli per uno stretto contatto personale, il che significa che le persone possono abbracciare amici e familiari con cui non vivono.

I funzionari della sanità pubblica esortano le persone a continuare a monitorare le distanze sociali.

La rapida diffusione di una variante è stata rilevata per la prima volta in India L’ottimismo si è attenuato tra i ricordi di come l’oscillazione britannica ha travolto il paese a dicembre, portando al terzo blocco nazionale dell’Inghilterra.

Gli scienziati affermano che la nuova variante, conosciuta ufficialmente come B.1.617.2 e trovata per la prima volta in India, è più trasmissibile del ceppo principale nel Regno Unito, anche se non è chiaro quanto.

Il ministro della Sanità Matt Hancock ha detto che la variante indiana è stata trovata in almeno 86 località. La più grande concentrazione è stata a Bolton e Blackburn, nel nord-ovest dell’Inghilterra, dove i funzionari sanitari, con il supporto dei militari, stanno conducendo test per aumentare i vaccini e aumentare le vaccinazioni.

L’Associated Press ha contribuito a questo rapporto.