septiembre 21, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Gli scienziati hanno scoperto un vulcano attivo sulla superficie di Marte

Allo stesso tempo La NASA sta esplorando attivamente il cratere di Marte JiezeroIn un nuovo studio, i vulcani potrebbero rimanere attivi sul pianeta rosso. Si ritiene che l’ultima attività vulcanica si sia verificata su Marte da tre a quattro miliardi di anni fa, con alcuni tremori ed eruzioni isolati che si sono verificati tre milioni di anni fa. Ora è stato pubblicato un nuovo studio in Icaro Gli scienziati affermano di aver scoperto nuove prove dell’attività vulcanica avvenuta su Forth Rock circa 50.000 anni fa, indicando che il pianeta è ancora tecnicamente attivo.

La ricerca presso l’Istituto di scienze planetarie ha utilizzato i dati ottenuti dalle orbite del pianeta. Una delle immagini ottenute dalla sonda mostra una crepa nella superficie del pianeta lunga circa otto miglia. Secondo lo studio, questa fessura – situata nella regione dell’Elysium Planitia di Mar vicino all’equatore – mostra prove di un’eruzione piroclastica, poiché il magma erutta ed erutta sulla superficie a causa dell’espansione dei gas intrappolati al di sotto di essa.

“Questo potrebbe essere il più piccolo deposito vulcanico documentato su Marte finora”, ha detto l’autore principale dello studio David Horvath in una dichiarazione ottenuta. CNN. “Se dovessimo comprimere la storia geologica di Marte in un solo giorno, sarebbe successo all’ultimo minuto”.

“Questa caratteristica copre i flussi piroclastici circostanti e assomiglia a depositi di cenere e rocce relativamente freschi, che rappresentano un modello di eruzione diverso dalle caratteristiche piroclastiche precedentemente identificate. Questa eruzione vulcanica potrebbe aver rilasciato cenere fino a 6 miglia nell’atmosfera marziana. Questi tipi di sedimenti potrebbero essere più comuni ma sono stati erosi o sepolti “.

READ  Un elicottero della NASA su Marte vola in un viaggio "estenuante" dopo il malfunzionamento Marte

Lo studio non fornisce una data esatta per quando si verificherà la rispettiva eruzione.

Separata dallo studio del vulcano è la Perseverance Mission della NASA, una missione che ripulisce attivamente il cratere Jezero Crater sul pianeta nella speranza di trovare segni di vita microbica.

“Questo atterraggio è uno di quei momenti cruciali per la NASA, gli Stati Uniti e l’esplorazione spaziale a livello globale – quando sappiamo di essere al culmine della scoperta e abbiamo affilato le nostre matite, per così dire, per riscrivere i libri di testo”, ha detto Steve Jurczyk in un comunicato stampa una volta che la NASA è atterrata con successo sul pianeta. “The Mission to Persevere nel marzo 2020 incarna lo spirito di perseveranza della nostra nazione anche nelle situazioni più difficili, ispirando e sviluppando la scienza e l’esplorazione. La missione stessa incarna l’ideale umano della perseveranza verso il futuro e ci aiuterà a prepararci per l’esplorazione umana di il pianeta rosso negli anni ’30 “.

Foto di copertina di Universal History Archive / Universal Images Group tramite Getty Images