julio 31, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

SpaceX lancia la seconda missione dedicata alla condivisione dei voli

SpaceX ha lanciato 88 satelliti sul Falcon dal 9 al 30 giugno nella seconda missione di condivisione del volo dedicata al piccolo satellite della compagnia.

Il Falcon 9 è decollato dallo Space Launch Complex 40 presso la Cape Canaveral Space Force Station alle 15:31 ET, più della metà di una finestra di lancio di quasi un’ora a causa del tempo. Il tentativo di lancio è stato annullato il giorno prima Quando un elicottero privato è entrato in uno spazio aereo limitato pochi minuti prima del decollo.

Il dispiegamento del carico utile di 88 satelliti è iniziato circa 58 minuti dopo il decollo, una volta che lo stadio superiore ha eseguito una seconda accensione del motore per metterlo in un’orbita sincrona solare a un’altitudine di circa 550 chilometri. I satelliti, da una varietà di clienti governativi e commerciali, sono stati lanciati nel corso di mezz’ora.

La missione, soprannominata Transporter-2 di SpaceX, è stata la seconda missione dedicata a condividere i voli Smallsat della compagnia, Dopo la missione Transporter-1 a gennaio. Il volo precedente trasportava 143 satelliti, ma SpaceX ha affermato che la massa totale del carico utile di TRANSPORTER-2 era maggiore di quella di TRANSPORTER-1. La società non ha rivelato numeri di massa specifici del carico utile per nessuna delle due missioni.

SpaceX ha creato lo Small Flight Sharing Program quasi due anni fa, offrendo lanci a basso costo su missioni Falcon 9 dedicate come il Transporter-2 e durante il lancio di satelliti Starlink. Ha suscitato grande interesse sia da parte di aziende che di agenzie governative.

Il manifesto del carico utile del Transporter-2 includeva i satelliti SAR (Radar ad apertura sintetica) di tre società concorrenti: Capella, Iceye e Umbra. HawkEye 360 ​​e Kleos, due società che distribuiscono costellazioni per eseguire il tracciamento a radiofrequenza, ciascuna aveva satelliti in questa missione, così come PlanetIQ e Spire, che raccolgono dati sull’invisibilità radio GPS da utilizzare nelle previsioni del tempo.

READ  Oscillazione lunare, il cambiamento climatico visto come causa di inondazioni costiere nel 2030

Altri clienti commerciali includono Astrocast e Swarm, che stanno entrambi sviluppando cluster IoT, e Satellitelogic, che ha un accordo di lancio multiplo con SpaceX per lanciare i satelliti di imaging. SpaceX ha pilotato tre dei suoi satelliti Starlink al momento del lancio, che si uniranno a 10 satelliti Starlink lanciati in orbita polare a bordo di TRANSPORTER-1.

Il L’Agenzia per lo sviluppo spaziale del Pentagono (SDA) ha quattro satelliti su TRANSPORTER-2. Due satelliti Mandrake-2, originariamente programmati per il lancio su Transporter-1 prima che venissero danneggiati durante l’elaborazione preoperativa, sono dotati di collegamenti incrociati ottici e verranno utilizzati in futuro per testare le tecnologie per un satellite militare in orbita terrestre bassa. Due dei cubi costruiti da General Atomics testeranno le comunicazioni ottiche tra satelliti e droni. SDA ha un quinto payload sul satellite Loft Orbital YAM-3.

La NASA ha pilotato due piccoli satelliti su TRANSPORTER-2, incluso un esploratore per una costellazione di cubi chiamata Tropici, per osservazioni temporali della struttura delle precipitazioni e dell’intensità della tempesta con una costellazione di piccoli satelliti. TROPICS Pathfinder è identico ai sei satelliti TROPICS che Astra lancerà sul piccolo veicolo di lancio Rocket 3 nel 2022 e consentirà il test completo del design del satellite prima che la costellazione venga schierata.

Diversi clienti hanno lavorato con fornitori di servizi di lancio come D-Orbit, Exolaunch e Spaceflight. Ciò includeva due rimorchiatori Sherpa di Spaceflight in questo lancio, uno con propulsione elettrica di Apollo Fusion.

Rilascio del ritmo e riutilizzabilità

Transporter-2 è stata la ventesima missione Falcon 9 dell’anno di SpaceX, a soli sei mesi dalla fine. In soli due anni SpaceX ha effettuato più lanci orbitali: 21 nel 2018 e 26 nel 2020. E l’azienda è sulla buona strada per battere il record stabilito lo scorso anno, anche con un previsto rallentamento dei lanci a luglio e agosto.

READ  Una stella che crolla produce una delle esplosioni più spettacolari di sempre

Il fattore principale nell’elevata cadenza di rilascio è la riutilizzabilità. Il booster Falcon 9 utilizzato sul Transporter 2 stava effettuando il suo ottavo volo, concludendosi atterrando nella prima zona di atterraggio a Cape Canaveral. Il suo primo lancio è avvenuto esattamente un anno fa, quando è stato lanciato il satellite GPS 3, ed è stato utilizzato anche per lanciare le missioni Turksat 5A e cinque Starlink prima del Transporter-2. Altri booster Falcon 9 hanno volato fino a 10 volte.

Mentre SpaceX aveva precedentemente fissato un obiettivo di 10 voli per booster, i funzionari dell’azienda hanno suggerito negli ultimi mesi che questi booster potrebbero volare più di 10 volte. “Ora abbiamo booster che hanno volato 10 volte, alcuni dei quali sono programmati per volare 20 o forse 30 volte”, ha detto il fondatore e CEO di SpaceX Elon Musk nella sua apparizione del 29 giugno al Mobile World Congress.

“Con il Falcon 9, penso che abbiamo raggiunto l’efficienza più riutilizzabile di qualsiasi altro razzo fino ad oggi”, ha detto, ma ha aggiunto che SpaceX porterà la riutilizzabilità “ad un altro livello” con la sua nave Starship. Questo velivolo, che Musk ora dice che avrà il suo primo lancio orbitale nei “prossimi mesi”, dovrebbe essere riciclato senza grandi lavori di ristrutturazione, come un aereo passeggeri.

“Il Santo Graal dei missili sono missili che possono essere rapidamente riutilizzati”, ha detto.