agosto 1, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Reverenda Pamela Conrad: Incontra lo scienziato Mars Rover che è anche un prete

Di notte, e in momenti strani durante il giorno, Conrad brilla come ricercatore presso la Carnegie Institution for Science di Washington, DC. Membro del team operativo tattico di . La Perseverante Missione Mars RoverÈ co-investigatrice in due gruppi di strumenti scientifici, che acquisisce e analizza dati, e collaborazione nella pianificazione del team, con Colleghi del Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, in California, e di altre istituzioni scientifiche in tutto il paese.

Di giorno, il 68enne è un sacerdote episcopale, che guida una congregazione presso la chiesa episcopale di St. Alban, a Glen Burnie, nel Maryland.

È stato a lungo saggio che la scienza e le discipline umanistiche, per non parlare della scienza e della religione, siano due campi che non sono reciprocamente intelligibili e guardano a problemi completamente diversi. Questa idea ha vacillato negli ultimi anni, quando le discipline accademiche hanno lasciato il posto ad approcci interdisciplinari.

Conrad formatosi come geologo, tra le altre discipline, aveva idee diverse.

“Non c’è scontro tra scienza e religione”, ha detto. “Entrambi stanno guardando le meraviglie del mondo e il nostro posto in esso”.

di rocce e persone

Attraversare queste linee disciplinari non è stato facile, almeno non per i pionieri, che hanno dovuto superare molte resistenze istituzionali.

“Il sistema accademico costringe gli studenti a essere scienziati o umanisti. E non si rende conto che lo stesso spirito e alcune delle stesse tecnologie sono alla base sia dell’arte che della scienza”, il grafico e scienziato informatico John Maeda, ex professore al MIT Media Lab , mi disse una volta.

“Il nostro obiettivo dovrebbe essere quello di produrre persone rinascimentali con un approccio interdisciplinare ai problemi, persone da Vinci che sono interessate a tutto e possono fare tutto”.

“Ho studiato tutto”, ha detto Konrad. Una rapida occhiata alle sue credenziali rivela la persona di cui parlava Maeda.

Si è laureata alla George Washington University nella capitale americana, ha iniziato come musicista e lungo la strada ha scoperto la geologia e ne è rimasta colpita. Ha seguito molti corsi di scienze nel suo primo anno e mezzo Prima ha terminato la sua laurea in musica nel 1974, poi ha aggiunto il suo master in composizione musicale – Stava considerando una carriera come cantante d’opera – nel 1987. È tornata alla scienza per completare il suo dottorato di ricerca in geologia nel 1998.

Centinaia di misteriosi lampi radio veloci sono stati rilevati nello spazio

La base di questo grado “ultimo” era l’interesse per il modo in cui si forma la vita in situazioni poco promettenti, come le prese d’aria termiche nelle profondità del fondo oceanico. Grazie a uno di quei momenti nel posto giusto, al momento giusto, racconta, le è capitato di incontrare il famoso regista James Cameron, che ha preso i proventi di film come “Titanic” e ha costruito una nave da ricerca sommersa. Grazie alle riprese in acque profonde che Cameron ha filmato per IMAX 3D, le riprese che in seguito ha messo al lavoro nel film di fantascienza “Avatar”, Conrad è stato in grado di studiare le prese d’aria termiche in modo più dettagliato di quanto qualsiasi ricercatore abbia mai visto.

READ  Campi estivi colpiti dall'epidemia di coronavirus: le scuole sono le prossime?

Un anno dopo aver conseguito il dottorato, la NASA, che stava cercando scienziati per lavorare sugli aspetti geologici di Curiosity, l’ha assunta come Un appaltatore del Jet Propulsion Laboratory, gestito dal California Institute of Technology.

“Stiamo cercando di capire se i processi che hanno permesso alla vita di svilupparsi e prosperare sulla Terra si sono verificati su Marte. E se ciò è accaduto, vogliamo sapere se la vita è esistita e, in caso contrario, perché no?” L’ho detto di recente a un intervistatore della rivista Alumni. È una domanda a cui continua a rispondere attivamente oggi come quando è stata assunta per la prima volta nel 1999.

I primi esperimenti che ho aiutato a progettare non sono stati scelti: come ha mostrato, c’è un’intensa competizione di massa tra i ricercatori della NASA per ottenere le loro attrezzature su quello che, dopo tutto, è un veicolo molto piccolo. Tuttavia, ha persistito. Conrad si è trasferita dalla sua posizione al JPL nel 2010 e ha ricoperto una posizione di ricerca a tempo pieno nel servizio civile. Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, Maryland fino al 2017. In qualità di Deputy Principal Investigator for Sample Analysis presso Mars, ha lavorato su Curiosità in roaming Compito e altri progetti mentre perfezioni le domande che esplorerai in seguito.

Rivolgiti all’anima – e torna su Marte

Esplora il Conrad Dinosaur Provincial Park ad Alberta, in Canada.

Non è stato fino a dopo nella sua vita che Conrad si dedicò allo studio della religione. Dopo aver vissuto un’Epifania in una giornata ventosa durante un viaggio d’affari in Antartide, si è unita alla Chiesa Episcopale in gioventù, quindi è entrata nell’Episcopal Theological Seminary a Cambridge, nel Massachusetts.

READ  I fisici del MIT hanno scoperto che il grafene a tre strati con "angolo magico" potrebbe essere un superconduttore raro e resistente ai magneti.

Ha completato il suo MA in Divinity nel 2017, proprio quando la scuola si è affiliata allo Union Theological Seminary di New York City. Poco dopo, prese il comando della sua parrocchia nel Maryland.

Il rover Perseverance va in viaggio sulla strada per Marte

Quando la NASA ha riscaldato la missione Mars Perseverance Rover nello stesso periodo, uno dei suoi esperimenti è stato scelto per l’inclusione. Quel dispositivo è un insieme di strumenti chiamati SHERLOC (Scanning Habitable Environments with Raman & Luminescence for Organics & Luminescence for Organics & Chemicals), che, ha detto, “non erano abbastanza maturi” per trovare un posto nelle missioni precedenti.

È pensato per cacciare la vita microbica, con strumenti tra cui un sismometro in grado di identificare i minerali e le molecole organiche presenti su Marte, come l’idrogeno e il carbonio, gli elementi costitutivi della vita sulla Terra. Include anche due fotocamere ad alta risoluzione.

Il sacerdote ha visitato lo scienziato Mono Lake, in California.

“Tutto ha riunito una grande squadra di persone, e io sono solo una persona in quella squadra”, ha detto.

Tuttavia, la ricerca della vita su Marte non è più la sua priorità assoluta.

“Voglio che sia molto chiaro”, ha detto Conrad. “Il mio primo lavoro, e la mia prima responsabilità, ora è un pastore di una chiesa. Quello che vedi domenica è solo una parte di esso. Ho dei doveri verso i miei parrocchiani e i loro bisogni, e alla fine, le persone devono venire prima, le persone sono più gentili delle rocce.”

Tuttavia, ha ottenuto molte ore nel suo ruolo ora part-time Per quanto riguarda le questioni marziane, ha lavorato dal suo ufficio a casa dalla pandemia di Covid-19. Il programma è veloce e, sicuramente, comporta due lavori Può essere più che un po’ stressante.

La NASA progetta nuove tute spaziali per la prossima missione lunare nel 2024

Sei stanca o no, ci sono lezioni che vorresti trasmettere lavorando come sacerdotessa. Conrad insisteva soprattutto sulla santità di tutto.

READ  "Penso che le persone sottovalutino quanto sia brutto." Dr. Ashish Jha

“Capire questo è solo uno degli strumenti di cui le persone hanno bisogno per condurre una vita dignitosa, vivere in una comunità e trattarsi bene. Suppongo che la mia altra lezione sia la virtù di camminare con gentilezza, di vivere una vita più calma e riflessiva”.

Aggiunge che la pandemia ha fornito l’occasione perfetta per riflettere su questo e per approfondire la sua missione tenendo a mente queste lezioni.

Avanti verso le stelle

Se Konrad ha dei rimpianti, si concentrano sui suoi primi anni di vita – per quanto tempo La navicella spaziale John Glenn Mercury è decollata nel cielo nel 1962Aveva nove anni e più di ogni altra cosa desiderava essere un’astronauta. Alle donne è stato negato questo percorso per decenni e hanno dovuto accontentarsi del percorso distinto e diverso che ha seguito. Sebbene costellata di onore ed eccitazione intellettuale, ha mantenuto i suoi legami.

La sua realizzazione si è ampliata aggiungendo un ruolo biblico al suo ruolo scientifico: la questione se la vita potesse esistere su altri pianeti è stata ricostituita in qualcosa di più simile a: “Se Dio può creare la vita qui, può Dio creare – e Dio ha creato -” Altrove? La risposta a questa domanda, ha detto Konrad, è semplice: “Certo”.

Una guida per principianti alle stelle (CNN sottolineato)

Ha aggiunto che è probabile che questa vita sia germinale e semplice, non gli alieni nella nostra immaginazione. Ma sarà la vita, ed è questa ricerca che tiene Conrad eccitato e impegnato senza sosta.

Ma ti avventurerai nello spazio? Non escluderlo.

Gregory McNamee Scrive di libri, scienza, cibo, geografia e molti altri argomenti dalla sua casa in Arizona.