enero 26, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Perché questi pesci messicani stanno cavalcando l’onda?

Negli stagni pieni di zolfo nello stato messicano di Tabasco, vive un minuscolo pesce argentato, lo zolfo molly. Lancia un sasso e potresti vederne un gruppo ballare: la superficie dell’acqua esploderà in onde pallide e pulsanti, diffondendosi attraverso l’azzurro spaventoso come il latte nel caffè. Ogni pochi secondi, migliaia di pesci ripetono un rapido movimento di immersione per generare l’onda, a volte per un massimo di due minuti.

perché? hanno chiesto i biologi. A cosa può servire questo flash?

I molli sono preda di una serie di predatori alati, tra cui garzette, martin pescatori e kiskade. Quando gli uccelli si tuffano per attaccare, i molari lampeggiano e ruotano. Scienziati in Germania, impossibilitati a visitare il pesce a causa della pandemia di coronavirus, hanno analizzato ore di video ripresi in due anni di attacchi di uccelli, sia reali che simulati da un ricercatore, e credono di aver decodificato il messaggio inviato dal pesce.

Sembrano prendere di mira i predatori appollaiati sulla spiaggia, hmm Report in Current Biology mercoledì. Testo del messaggio: Ci vediamo. Stiamo guardando. Non tentare affari divertenti.

Non tutti gli attacchi di uccelli provocano un lampo inquietante, ha affermato David Berbach, biologo del Leibniz Institute for Freshwater Ecology and Inland Fisheries e autore del nuovo documento. Ad esempio, i martin pescatori sparano nell’acqua e fanno lampeggiare i molly quasi ogni volta. Ma i kiskadee sono sottili: immergono semplicemente i loro becchi. Raramente suscita una risposta.

Questa osservazione ha dato ai ricercatori un modo per testare la loro ipotesi che il battito delle palpebre potrebbe portare a un cambiamento nel comportamento dei predatori. Hanno installato trespoli lungo il flusso di zolfo e telecamere per filmare la caccia ai kiskadees. Dopo che un uccello si libra sull’acqua, un ricercatore che trasporta una fionda ha suscitato il comportamento ondeggiante del pesce, imitando qualcosa che i kiskadees vedevano abitualmente quando i martin pescatori cacciavano al loro fianco. Ora possono confrontare la pesca indisturbata con la pesca turbolenta.

READ  Davanti a Mercurio! La navicella si avventerà sul pianeta in un'emozionante manovra di assistenza gravitazionale

Quando i pesci si increspavano e ruzzolavano, i kiskadee si sedevano sui posatoi vicini. Nel corso di oltre 200 sessioni di caccia, i ricercatori hanno visto che gli uccelli hanno aspettato il doppio prima di ricominciare a passare rispetto a quanto tempo l’acqua è rimasta indisturbata. Quando attaccarono di nuovo, riuscirono meno a catturare un pesce che nell’acqua stagnante.

Senza l’intervento dei ricercatori, gli uccelli hanno catturato un pesce più della metà delle volte. Con la fionda in funzione, era meno di un quarto del tempo. Quando i ricercatori hanno guardato il pescatore, hanno visto che più il pesce sbatteva le palpebre, più a lungo gli uccelli aspettavano, come se stessero aspettando anche loro.

La risposta indica che il comportamento di lampeggiare non solo rende difficile per i predatori concentrarsi su un pesce, ma anche che gli uccelli si rendono conto che è probabile che i loro sforzi vadano persi una volta che le onde iniziano.

Questa è un’osservazione interessante, perché se i pesci stessero solo cercando di scappare dai predatori, potrebbero immergersi più a fondo e rimanere sul fondo più a lungo. Sebbene l’ambiente a basso contenuto di ossigeno del bacino di zolfo significhi che non possono rimanere sott’acqua a tempo indeterminato, ha affermato il dott. Bierbach, sono perfettamente in grado di sopravvivere molto più a lungo sul fondo.

«Possono rimanere fino a due o tre minuti sott’acqua», ha detto. «Ma non lo fanno. Tornano rapidamente in superficie e ripetono l’immersione in modo molto sincrono e molto ritmico».

Il comportamento simultaneo, come quello di stormi di lucciole che lampeggiano all’unisono o stormi di uccelli che si muovono insieme seguendo uno schema accuratamente distanziato nel cielo, ha affascinato a lungo gli scienziati e chiunque altro abbia la fortuna di vederli. Ma finora, si è rivelato difficile determinare esattamente quali benefici ne traggono le creature e perché potrebbero essersi evolute.

READ  Un astronauta cattura un raro lampo etereo da una stazione spaziale

Lo zolfo di molibdeno sembra essere uno dei rari casi in cui si può fare a meno dei benefici del comportamento sincrono.

Il dottor Bierbach ha affermato che gli uccelli imparano a «evitare che questi banchi di pesci si spostino in seguito perché la possibilità di ottenere un pesce è inferiore se si verifica l’ondeggiamento e i pesci non vengono mangiati, il che è una situazione vantaggiosa per tutti». «È così che può evolvere un segnale, se entrambe le parti, il mittente e il destinatario, ne beneficiano».

C’è ancora molto da imparare negli stagni sulfurei di Tabasco.

«In questo momento, stiamo solo guardando dall’alto quello che sta succedendo», ha detto il dottor Bierbach. «E ora vogliamo andare sott’acqua, con le fotocamere subacquee».

I ricercatori sperano di scoprire come i primi pesci che si tuffano siano in grado di inviare segnali agli altri e se la loro immersione varia con il tipo di disturbo.

«Dobbiamo andare sott’acqua per vederlo», ha detto.