agosto 14, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Gli scienziati hanno scoperto il più grande animale che viveva sulla Terra, un predatore marino

https://sputniknews.com/20211227/scientists-discover-largest-animal-that-ever-lived-on-earth–its-sea-predator-1091822831.html

READ  Il picco "preoccupante" dell'influenza e l'aumento dei casi di Covid-19 nello yuan cinese preoccupano gli esperti con l'avvicinarsi delle vacanze

Bob Dylan

L’indirizzo è sbagliato. Non sorprende che sia un sito russo. L’animale più grande che vive sulla Terra è oggi la balenottera azzurra. Un fatto ben noto… SMH

1

14 Troll

In principio Dio creò i cieli e la terra e tutto ciò che contiene. E Gesù Cristo disse: Dio li creò maschio e femmina in principio. Quindi l’uomo e la donna erano lì all’inizio di tutto ciò che vediamo nei reperti fossili.

3

Sputnik International

[email protected]

+74956456601

MIA «Rosiya Segodnya»

2021

Notizia

it_ar

Sputnik International

[email protected]

+74956456601

MIA «Rosiya Segodnya»

https://cdnn1.img.sputniknews.com/img/07e5/0c/1b/1091823309_4:0:2733:2047_1920x0_80_0_0_abe437936ed3a720f92083702bd0b79c.jpg

Sputnik International

[email protected]

+74956456601

MIA «Rosiya Segodnya»

Dinosauri, tecnologia, dinosauri, paleontologia, balene, mare, oceano

Nella nostra moderna era e sistema geologico, Neogene, i cetacei sono gli animali più grandi conosciuti sulla Terra, ma nuove scoperte dei paleontologi potrebbero capovolgere l’immagine della più grande creatura mai vissuta.

Una gigantesca creatura marina della prima età dei dinosauri ha mostrato che la specie di ittiosauro si è evoluta in proporzioni gigantesche molto rapidamente, molto più velocemente dei re oceanici di oggi, secondo una nuova ricerca pubblicata sulla rivista Science. Ho mostrato.

Secondo l’ultimo studio, tali ittiosauri, un gruppo di rettili marini a forma di pesce che abitavano i mari dell’era dei dinosauri in grande diversità e quantità, si sono evoluti in dimensioni gigantesche in un lasso di tempo di soli 2,5 milioni di anni.

Nel prospettiva evolutiva Secondo la ricerca, le balene hanno impiegato quasi il 90% dei loro 55 milioni di anni di evoluzione per raggiungere le enormi dimensioni che gli ittiosauri si sono evoluti nel primo 1% della loro evoluzione di 150 milioni di anni.

«Mezzo ittiosauro con un cranio di due metri dalla fauna di Fossil Hill come una nuova specie di simpospondilo. Al momento, questo è il più grande tetrapode conosciuto all’epoca, a terra o in mare, ed è il primo di una serie di giganti oceanici», afferma l’introduzione allo studio.

READ  La sonda Curiosity della NASA rileva strane nuvole colorate sulla superficie di Marte
Secondo Lars Schmitz, professore associato di biologia presso lo Scripps College di Claremont, in California, che ha detto della scoperta, Scienza dal vivo, I ricercatori hanno scoperto che «gli ittiosauri hanno evoluto il gigantismo molto più velocemente delle balene, in un momento in cui il mondo si stava riprendendo da una devastante estinzione. [at the end of the Permian period]. «

«È un bellissimo raggio di speranza e un segno di resilienza della vita: se le condizioni ambientali sono giuste, l’evoluzione può avvenire molto rapidamente e la vita può riprendersi», ha detto.

Fossili preistorici di ittiosauro sono stati scoperti dai ricercatori nelle montagne di Augusta, nel nord-est del Nevada, nel 1998.

«C’erano solo poche vertebre che sporgevano dalla roccia, ma l’animale era chiaramente grande», ha aggiunto Schmitz.

Il team di ricerca è stato in grado di scavare completamente i preziosi fossili solo entro il 2015, e ciò che è rimasto del gigante marino includeva un teschio, una spalla e un’appendice simile a una pinna, che sono stati tutti accuratamente trasportati al Museo di Storia Naturale della Contea di Los Angeles, dove sono stati elaborati e studiati.

Alla nuova specie è stato dato il nome Cymbospondylus youngorum dai ricercatori.

Durante il periodo Triassico, questo rettile marino dalla grande mascella visse 247 milioni di anni fa e, secondo i ricercatori, il suo aspetto è molto strano dal nostro punto di vista, molto simile a un drago marino.

È perfetto Jim Youngorom Secondo i ricercatori, misurava oltre 17 metri (55 piedi), con un cranio lungo quasi due metri (6,5 piedi).

Secondo lo studio, C. youngorum, che pesava 41 tonnellate, avrebbe potuto trovarsi nell’Oceano Pantalassico, il cosiddetto superoceano al largo della costa occidentale del Nord America. Si presume che questa specie abbia mangiato ittiosauri più piccoli, pesci e forse calamari, in base alle sue dimensioni e alla forma dei denti.

READ  Link hackaday: 24 ottobre 2021

C. youngorum prevalse nell’oceano solo 5 milioni di anni dopo la «Grande Morte», un enorme evento di estinzione che distrusse quasi il 90% delle specie mondiali 252 milioni di anni fa alla fine del Permiano.

Ciò rende le dimensioni dell’ittiosauro ancora più sorprendenti, dato che la vita sulla Terra ha impiegato circa 9 milioni di anni per riprendersi dall’estinzione, secondo un altro Ricerca pubblicata sulla rivista Nature Geoscience.

Dopo l’estinzione, c’è stata una fioritura di diversificazione dei molluschi marini noti come ammonoidi entro 1-3 milioni di anni dall’evento. E sembra ai ricercatori che l’avventura degli ittiosauri nel gigantismo sia stata, in parte, dovuta al soffocamento durante il primo boom del Triassico di ammoniti, così come ai conodonti simili ad anguille senza mascelle che hanno riempito il vuoto ecologico dopo l’estinzione di massa.

Al contrario, le balene più comuni sono diventate grandi mangiando prodotti primari ad alto rendimento, come il plancton, ma questi erano assenti nelle diete dell’era dei dinosauri, afferma la ricerca.

Nonostante il fatto che balene e ittiosauri abbiano preso strade e lunghezze diverse per raggiungere il gigantismo, ci sono ancora alcune somiglianze tra i due gruppi di animali.

I ricercatori hanno scoperto un legame tra le grandi dimensioni e la caccia ai rapaci, simile al modo in cui i capodogli si tuffano per uccidere i calamari giganti, nonché un legame tra le grandi dimensioni e la perdita dei denti, simile a come le balene giganti che si nutrono di filtri sono sdentate.