agosto 3, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Oro “invisibile” – Gli scienziati hanno scoperto che “l’oro sciocco” non è affatto sciocco

La ricerca della Curtin University ha scoperto che piccole quantità di oro possono essere intrappolate all’interno della pirite, nota come “oro degli sciocchi”, rendendola più preziosa di quanto suggerisce il nome.

Questo studio è stato pubblicato sulla rivista geologia In collaborazione con l’Università dell’Australia occidentale e la China University of Geosciences, fornisce un’analisi approfondita per comprendere meglio la posizione minerale dell’oro intrappolato nella pirite, che potrebbe portare a metodi di estrazione dell’oro rispettosi dell’ambiente.

Questo nuovo tipo di oro “invisibile” non è stato identificato in precedenza e può essere osservato solo utilizzando uno strumento scientifico chiamato sonda atomica, ha affermato il ricercatore capo Dr. Dennis Fogeros della Curtin School of Earth and Planetary Sciences.

“Il tasso di scoperta di nuovi giacimenti d’oro sta diminuendo in tutto il mondo man mano che la qualità del minerale si deteriora, parallelamente all’aumento del valore dei metalli preziosi”, ha affermato il dott. Fogeros.

“In precedenza i minatori d’oro erano in grado di trovare l’oro nella pirite sia come nanoparticelle che come lega pirite-oro, ma quello che abbiamo scoperto è che l’oro può anche essere ospitato in difetti di cristallo di dimensioni nanometriche, che rappresentano un nuovo tipo di oro “invisibile”. “

“Più il cristallo è distorto, più oro è intrappolato nei difetti. L’oro è in nano-difetti chiamati dislocazioni – centomila volte più piccoli della larghezza di un capello umano – quindi è necessaria una tecnica speciale chiamata tomografia a sonda atomica per monitorarlo.”

Il dottor Fougeraues ha affermato che il team ha anche esplorato modi per estrarre l’oro e possibili modi per ottenere oro intrappolato con un minor impatto ambientale negativo.

READ  Aggiornamento riassortimento PS5: come acquistare PlayStation 5 da PlayStation Direct, Walmart e altri importanti rivenditori

“In generale, l’oro viene estratto utilizzando tecniche di ossidazione a pressione (simili alla cottura), ma questo processo richiede molta energia. Volevamo esaminare un metodo di estrazione più rispettoso dell’ambiente”, ha affermato il dott. Fugerauze.

“Abbiamo studiato un processo di estrazione chiamato lisciviazione selettiva, utilizzando un liquido per dissolvere selettivamente l’oro dalla pirite. Le dislocazioni non solo intrappolano l’oro, ma agiscono anche come percorsi liquidi che consentono all’oro di essere “filtrato” senza influenzare l’intera pirite”.

Riferimento: “Un nuovo tipo di oro invisibile nella pirite ospitato in disordini legati alla deformazione” di Denis Fogeros; Stefano M. Mark Elmore Lin Yang Paul Guagliardo David W. William Da Ricard e Nicholas Thames, 24 giugno 2021, disponibile qui. geologia.
doi: 10.1130/G49028.1

Lo studio è sostenuto dall’Australian Research Council e dal Science and Industry Endowment Fund. appartiene a d. Fogeros all’Institute for Geosciences Research (TIGeR), il principale istituto di ricerca di scienze della terra di Curtin.