julio 31, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Nuovi fossili rivelano uno dei più grandi mammiferi terrestri mai trovati: il rinoceronte gigante

Circa 25 milioni di anni fa, un rinoceronte gigante alto più di 16 piedi vagava per la Terra. È il più grande mammifero terrestre mai esistito, ma la sua storia evolutiva e la sua diffusione in tutta l’Asia hanno lasciato sconcertati gli scienziati.

I paleontologi hanno ora scoperto i fossili di una nuova sesta specie del rinoceronte gigante estinto, Paraceratherium linxiaense, che fa luce su come l’animale si sia spostato in Cina, Mongolia, Kazakistan e Pakistan. Il team di ricercatori, guidato da Ding Tao dell’Istituto di Paleontologia dei Vertebrati e Paleoantropologia, e ha pubblicato i risultati del 2015 in Nuovo studio Questa settimana sulla rivista Communications Biology.

I ricercatori hanno scoperto un fossile di cranio, mandibola e denti perfettamente conservati con il relativo atlante, la parte del corpo in cui la testa si collega alla colonna vertebrale. Un altro fossile è costituito da tre vertebre.

268150-web.jpg
Ricostruzione ecologica di rinoceronti giganti e dei loro compagni nel bacino di Linxia durante l’Oligocene.

Chen Yu


I resti hanno fornito dettagli sufficienti al team per costruire un modello 3D digitale e confrontarlo con altri rinoceronti giganti, portandoli a classificare la nuova specie, caratterizzata dal collo più lungo e flessibile.

I rari fossili, rinvenuti nella provincia di Gansu, in Cina, al confine nord-orientale dell’altopiano tibetano, risalgono al tardo Oligocene, un’era che durò da circa 34 milioni di anni fa a circa 23 milioni di anni fa.

Il rinoceronte gigante era molto più grande del rinoceronte moderno, si stima che fosse alto circa 16 piedi alle spalle e pesasse più di 40.000 libbre. Mancano anche le corna.

268149-web.jpg
Distribuzione e migrazione di Paraceratherium nell’Oligocene Eurasia. I siti delle specie del primo Oligocene sono evidenziati in giallo e il rosso indica le specie del tardo Oligocene.

IVPP


Questa scoperta evidenzia come la regione si sia trasformata dall’estinzione di queste enormi creature.

Nel loro articolo, i ricercatori hanno scritto: “È possibile che la regione del Tibet abbia ospitato alcune aree di elevazione più bassa, forse meno di 2.000 metri durante l’Oligocene, e la sottospecie del rinoceronte gigante potesse diffondersi liberamente lungo la costa orientale dell’Oceano Tetide. e forse attraverso alcune delle pianure di questa regione.” “studiando.

I ricercatori hanno scoperto che all’inizio dell’Oligocene, l’animale si è diffuso a ovest del Kazakistan, con un discendente che si è espanso nell’Asia meridionale, poi di nuovo a nord per attraversare la regione del Tibet per produrre P. linxiaense e infine a est nel bacino di Linxia.

“Le condizioni tropicali tardive dell’Oligocene hanno permesso al rinoceronte gigante di tornare a nord nell’Asia centrale, il che significa che la regione del Tibet non è ancora stata così alta come un altopiano d’alta quota”, ha detto Deng.

READ  Il nucleo oscuro della radiogalassia più vicina identificato dall'Event Horizon Telescope