noviembre 30, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Museo di Astronomia di Shanghai: il più grande museo di astronomia del mondo dovrebbe aprire in Cina

scritto da Jackie Palumbo, CNN

Il più grande museo di astronomia del mondo è stato aperto a Shanghai e la sua forma intricata e curva è progettata per riflettere la geometria dell’universo. Senza linee rette o angoli retti ovunque, la struttura è invece formata da tre archi sovrapposti che indicano le orbite degli astri.

Lo Shanghai Museum of Astronomy di 420.000 piedi quadrati, una filiale del Museo della scienza e della tecnologia di Shanghai, che aprirà venerdì, presenterà mostre, un planetario, un osservatorio e un telescopio solare di 78 piedi. È stato progettato dallo studio americano Ennead Architects, che nel 2014 ha vinto un concorso internazionale per la progettazione dell’edificio.

Il Museo di Astronomia di Shanghai è stato progettato intenzionalmente senza linee rette o angoli retti. a lui attribuito: Per gentile concessione di Ennead Architects

«Pensavamo davvero di poter sfruttare l’architettura per avere un impatto straordinario su tutta questa esperienza», ha affermato il progettista capo e partner Thomas J. Wong in una video intervista. «Questo edificio dovrebbe essere l’incarnazione di… un’architettura di ispirazione astronomica».

Abbandonando le pareti dritte a favore di linee curve, Wong e il suo team speravano di dimostrare che tutto nell’universo è costantemente in movimento e governato da un insieme di forze.

Secondo Wong, furono anche influenzati dal «problema dei tre corpi», la questione irrisolta su come calcolare il movimento di tre entità celesti, come pianeti, lune o stelle, in base alle loro relazioni gravitazionali. per ognuno. Mentre questo calcolo può essere fatto con due corpi celesti, i percorsi diventano caotici e imprevedibili con tre.

L'occhio nell'ingresso principale funge da orologio, con un cerchio di luce che indica la stagione e l'ora del giorno.

L’occhio nell’ingresso principale funge da orologio, con un cerchio di luce che indica la stagione e l’ora del giorno. a lui attribuito: Per gentile concessione di Ennead Architects

READ  I fan di Daisy non sono contenti del nuovo aggiornamento di Mario Golf: Super Rush

«Il motivo per cui pensiamo che il problema dei tre corpi sia interessante è perché è un insieme complesso di orbite», ha spiegato Wong. «(Queste sono) relazioni dinamiche, al contrario di un semplice cerchio attorno al centro. E questo faceva parte dell’intento[del design]: catturare quella complessità».

Nel progetto di Wong, il puzzle cosmico è tradotto in tre forme ad arco: l’occhio, la sfera e la cupola invertita, che denotano rispettivamente il sole, la luna e le stelle. Ciascuno include un’importante funzione di attrazione o design.

I visitatori incontrano prima l’Oculus, che si apre sopra l’ingresso principale del museo. Funziona come un orologio, producendo un cerchio di luce solare che viaggia sul pavimento durante il giorno, indicando l’ora e la stagione.

Il planetario, incastonato in una grande sfera, è stato costruito con il minor supporto visivo possibile per apparire senza peso.

Il planetario, incastonato in una grande sfera, è stato costruito con il minor supporto visivo possibile per apparire senza peso. a lui attribuito: Per gentile concessione di Ennead Architects

Segue il Planetarium Theatre, che è circondato da una sfera ed emerge dal tetto dell’edificio come la luna nascente. Il fondo della massiccia struttura sembra fluttuare senza peso, con spazio per camminare sotto.

Infine, una vasta cupola di vetro invertita in cima al tetto consente ai visitatori di vedere il cielo notturno aperto, in quello che un comunicato stampa descrive come «un vero incontro con l’universo per completare l’esperienza simulata all’interno».

«Vogliamo che le persone capiscano la natura speciale della Terra come luogo che ospita la vita, a differenza di qualsiasi altro posto che conosciamo nell’universo», ha detto Wong.

La cupola di vetro invertita offre ai visitatori l'opportunità di ammirare una vista libera del cielo aperto.

La cupola di vetro invertita offre ai visitatori l’opportunità di ammirare una vista libera del cielo aperto. a lui attribuito: Per gentile concessione di Ennead Architects

READ  iOS 14.6 scarica la batteria del tuo iPhone? Ecco come risolverlo

Con uffici sia negli Stati Uniti che in Cina, Ennead Architects è anche responsabile dell’iconico Rose Center for Earth and Space a New York presso l’American Museum of Natural History, un progetto co-progettato da uno dei co-fondatori dello studio, James Polshek . Wong ha detto che c’è un «lignaggio» tra i due edifici.

«Polishk si riferiva al Rose Center come a una ‘cattedrale cosmica'», ha detto Wong. «È molto adatto per un’esperienza qui al Museo di Astronomia di Shanghai».