octubre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Maria Ressa e Dmitriy Muratov vincono il Nobel per la pace

Ressa è l’amministratore delegato di Rappler, una testata giornalistica critica del regime del presidente filippino Rodrigo Duterte, mentre Muratov è a capo del quotidiano russo indipendente Novaya Gazeta. Entrambi hanno affrontato minacce legali e fisiche durante la loro carriera, poiché il loro governo ha soppresso i diritti dei giornalisti.

“Il giornalismo libero, indipendente e basato sui fatti protegge dall’abuso di potere, dalle bugie e dalla propaganda di guerra”, ha detto Berit Reiss-Andersen, presidente del Comitato norvegese per il Nobel, nell’annunciare il premio venerdì a Oslo.

Ha detto che la coppia è “rappresentante di tutti i giornalisti che difendono questo ideale in un mondo in cui la democrazia e la libertà di stampa affrontano condizioni sempre più avverse”. Reiss Andersen ha aggiunto che la decisione del comitato mira a “sottolineare l’importanza di proteggere e difendere questi diritti fondamentali”.

Risa, l’ex capo dell’ufficio della CNN e persona dell’anno di TIME, è stata coinvolta in battaglie legali negli ultimi anni e afferma di essere stata presa di mira a causa dei servizi critici del suo sito di notizie su Duterte.

“Dobbiamo allertare tutti in una democrazia”, Ha detto alla CNN nel 2019 nella sua lotta per la libertà di espressione. “Queste libertà si stanno erodendo sotto i nostri occhi… se non hai i fatti, non hai la verità.”
Risa è la prima donna a ricevere il premio Nobel quest’anno. Premi in Medicinalee Fisicae chimica e letteratura È stato distribuito all’inizio di questa settimana.

La commissione ha affermato che sei dipendenti del quotidiano indipendente Novaya Gazeta sono stati uccisi da quando Muratov ha co-fondato l’outlet nel 1993. È caporedattore del giornale dal 1995.

READ  Gli esperti lanciano l'allarme sul tono festoso dei media statunitensi in occasione del 100° anniversario della fondazione del Partito Comunista Cinese

“Il giornalismo del giornale basato sui fatti e sull’integrità professionale lo ha reso un’importante fonte di informazioni sugli aspetti censurati della società russa che sono raramente menzionati da altri media”, ha affermato il comitato.

Ha aggiunto che Muratov “ha difeso costantemente il diritto dei giornalisti di scrivere ciò che volevano su ciò che volevano, purché aderissero agli standard professionali ed etici del giornalismo”.

La libertà di stampa è limitata in tutto il mondo

La decisione del Comitato norvegese per il Nobel di riconoscere i giornalisti arriva in un momento in cui i paesi di tutto il mondo si stanno ritirando dai diritti dei giornalisti.

L’organismo di controllo dei media Reporters Without Borders, che si considera un contendente per il premio, ha affermato nel suo ultimo indice sulla libertà di stampa che il giornalismo è “totalmente bloccato o gravemente ostacolato in 73 paesi e limitato in altri 59 paesi”.

L’anno scorso, l’organizzazione ha dichiarato alla CNN che la libertà di stampa era consentita in Cina, nel mondo Scopri l’epidemia del virus Corona Molto prima e al virus potrebbe non essere stato permesso di trasformarsi in una pandemia globale.

“La libertà di parola e di informazione aiutano a garantire che il pubblico sia informato”, ha detto Reiss Andersen durante l’evento di venerdì. “Questi diritti sono prerequisiti cruciali per la democrazia e la protezione da guerre e conflitti”.

Dalla Bielorussia a Hong Kong, i giornalisti sopportano il peso dell'aumento globale della repressione.

La soppressione della libertà di stampa è molto sentita sia in Rappler che in Novaya Gazeta. In risposta alla sua vittoria, Muratov ha affermato che il premio è una testimonianza della dedizione del giornale alla libertà di espressione e dei suoi colleghi che sono morti combattendo per essa, secondo quanto riportato dai media statali russi TASS.

READ  La Cina invia 38 aerei da guerra nei cieli vicino a Taiwan

“Ho lavorato, ero impegnato. Mi hanno chiamato dal Comitato Nobel, ma non ho risposto al telefono. Non ho nemmeno avuto il tempo di leggere l’intero testo”, ha detto Tass. “Ti dirò questo: questo non è il mio diritto. Questa è Novaya Gazeta. Questi sono coloro che sono morti difendendo il diritto del popolo alla libertà di espressione”.

Anna Politkovskaya, una volta una voce di spicco in Russia che parlava della guerra cecena per la Novaya Gazeta, è stata assassinata giovedì 15 anni fa.

“Sono sotto shock”, ha detto Risa durante una trasmissione in diretta di Rappler venerdì. Giovedì, il giorno prima di vincere il premio, Risa ha parlato alla CNN delle elezioni filippine del prossimo anno. “Ho coperto questo paese dal 1986 e non sono mai stato al telegiornale, ma l’unico motivo per cui sono diventato notizia è perché mi rifiuto di essere rotto, mi rifiuto di smettere di fare il mio lavoro come dovrei”, lei disse. .

Maria Ressa durante una conferenza stampa a Manila nel 2018.

Ressa ha aggiunto che mentre era alla CNN, “aveva abbastanza rete per essere in grado di contrastare” le minacce alla libertà di parola. “Non sto combattendo l’amministrazione Duterte, sto combattendo per i miei diritti. Sono ancora perfetta”, ha detto.

Joel Simon, direttore esecutivo del Comitato per la protezione dei giornalisti, si è congratulato con i due uomini per la loro vittoria, definendo Risa e Muratov “giornalisti coraggiosi e simboli della lotta per la libertà di stampa”.

È la 102esima volta che viene assegnato il Premio Nobel per la pace. I precedenti vincitori includono Nelson Mandela, Martin Luther King, Jr., il dissidente polacco Lech Walesa, l’ultimo leader dell’Unione Sovietica, Mikhail Gorbachev e quattro presidenti degli Stati Uniti. L’anno scorso le Nazioni Unite Il World Food Program ha ricevuto il premio.
Il premio ha suscitato a volte polemiche. Nel 2019, il premio è stato assegnato al primo ministro etiope Abiy Ahmed, che da allora è diventato un paria internazionale per il suo ruolo nel presiedere una lunga guerra civile nel Tigray che, a detta di molti, Porta i segni distintivi del genocidio E ha il potenziale per destabilizzare il più ampio Corno d’Africa.

A Reiss Andersen è stato chiesto di commentare se Ahmed è stato all’altezza delle aspettative del comitato durante la conferenza stampa di venerdì, ma ha evitato la domanda.

READ  Con la legislatura dell'Alaska e il suo governatore fermi, il piano di bilancio 2021 sarà rinviato