septiembre 21, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Lo stato australiano di Victoria registra il più grande aumento di casi di coronavirus in una settimana

Un mercato Queen Victoria vuoto è visto il primo giorno di una chiusura di sette giorni mentre lo stato di Victoria cerca di frenare la diffusione della malattia del coronavirus (COVID-19) a Melbourne, Australia, 28 maggio 2021. REUTERS/Sandra Sanders

Lo stato australiano di Victoria lunedì ha riportato il suo più grande aumento di nuovi casi COVID-19 acquisiti localmente in quasi una settimana mentre le autorità si affrettano a rintracciare la fonte della variante altamente contagiosa del Delta trovata tra le infezioni.

Le autorità hanno segnalato 11 nuovi casi, in aumento rispetto ai soli due del giorno prima, ma hanno notato che tutti erano collegati agli attuali raduni, poiché i residenti della capitale dello stato Melbourne aspettano di vedere se l’improvviso ed esteso blocco finirà come previsto giovedì sera.

“Non c’è niente dentro o fuori dal tavolo”, ha detto il capo della sanità dello stato di Victoria Brett Sutton ai giornalisti a Melbourne quando gli è stato chiesto se alcune aree della città potrebbero rimanere chiuse mentre altre iniziano ad allentare le restrizioni.

Melbourne è entrata nel suo undicesimo giorno di rigoroso blocco lunedì dopo che i funzionari venerdì hanno trovato la variante del virus delta, che secondo loro potrebbe diffondersi più facilmente di molti altri ceppi, per la prima volta tra le infezioni.

La fonte dell’infezione della variante delta non è stata ancora identificata e finora non vi è stata alcuna corrispondenza genetica con altri casi in Australia.

I nuovi numeri dei casi portano il numero totale di casi acquisiti localmente nell’ultimo focolaio nel Victoria, il secondo stato più popoloso del paese, a 83.

READ  Un astrofisico ricava nuove soluzioni matematiche a un vecchio problema di astronomia

I dati di lunedì includono due casi che sono stati annunciati domenica e sono stati registrati dopo la scadenza della mezzanotte.

I funzionari hanno affermato che tutti i casi acquisiti localmente lunedì sono collegati a cluster esistenti, con otto dei quali erano in stretto contatto che si stavano isolando durante l’infezione.

La variante delta, che l’Organizzazione mondiale della sanità ha classificato tra le quattro varianti di COVID-19 preoccupanti a causa dell’evidenza che si sta diffondendo più facilmente, è probabile che abbia causato l’ultima devastante epidemia in India.

L’Australia ha ampiamente frenato le precedenti epidemie con chiusure improvvise, restrizioni ai confini regionali e rigide regole di allontanamento sociale mantenendo i numeri di COVID-19 relativamente bassi con poco più di 30.150 casi e 910 decessi.

Circa il 20% della popolazione adulta in Australia ha ricevuto una dose iniziale del vaccino, con oltre 5 milioni di iniezioni somministrate finora.

Victoria ha subito un rigoroso blocco per quasi tre mesi l’anno scorso per sedare una seconda ondata di COVID-19 che ha ucciso più di 800 persone, circa il 90% di tutti i decessi per coronavirus in Australia dall’inizio della pandemia.

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.