junio 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’Italia vuole processare quattro agenti egiziani per uccidere uno studente italiano

I pubblici ministeri in Italia potrebbero perseguire quattro agenti di sicurezza egiziani con l’accusa di sequestro di persona, tortura e omicidio, dopo che un corpo brutale è stato trovato alla periferia del Cairo nel 2016, un giudice di Roma ha stabilito martedì.

Agenti dell’Agenzia per la sicurezza nazionale egiziana saranno indagati in relazione alla morte dello studente Giulio Regeni, poiché le forze dell’ordine a Roma non sono state in grado di parlare con loro o di trovare il loro indirizzo in Egitto.

Il giudice, Pierre Luigi Palestriary, ha stabilito che era impossibile per gli imputati essere a conoscenza dell’azione legale contro di loro se il caso fosse stato portato all’attenzione dei media italiani e internazionali, e ha ordinato l’inizio di un processo in ottobre.

“Ci sono voluti 64 mesi”, hanno detto ai giornalisti prima di lasciare il tribunale l’avvocato di Paula, Alessandra Palerini, e Claudio Regini, i genitori dello studente assassinato. “Ma oggi è un buon traguardo e un buon punto di partenza”.

“Piola e Claudio spesso affermano che tutti i diritti umani sono stati violati contro Giulio”, ha aggiunto la signora Palerini. “Almeno oggi speriamo che il diritto alla giustizia non venga violato”.

Quando i sindacati sono scomparsi al Cairo, il sig. Rischia fino a 10 anni di carcere per quell’accusa. Difensori pubblici sono stati nominati automaticamente per loro nel sistema giudiziario italiano.

Anche il maggiore sceriffo, accusato di “associazione a delinquere finalizzato a commettere un omicidio aggravato”, potrebbe essere condannato all’ergastolo. Se gli imputati vengono provati colpevoli, le autorità italiane possono decidere di estradarli dall’Egitto.

A più di cinque anni dall’omicidio, il caso sta guadagnando una maggiore copertura mediatica in Italia, e la famiglia Regene e il loro avvocato spesso parlano a conferenze davanti a gruppi di studenti e diritti umani, e cercano la verità nella loro campagna sulla televisione nazionale su l’omicidio. La scorsa settimana si sono incontrati con il premier Mario Draghi.

READ  I richiedenti asilo aiutano a produrre il famoso vino Brunello italiano

Molti politici italiani si sono impegnati ad aiutare i Regines a cercare giustizia, ma l’Egitto ha smesso di collaborare con gli investigatori nel caso negli ultimi anni e l’estradizione è improbabile.

L’indagine a Roma si è basata in gran parte sulle prove raccolte dalla polizia italiana al Cairo, o dal sig. Analisi delle riprese video della stazione della metropolitana Regini Missing e del traffico dei cellulari nella zona. Numerosi testimoni si sono offerti volontari negli ultimi mesi. La loro nazionalità e identità sono tenute segrete dalle autorità italiane.

Secondo i documenti del tribunale, un testimone ha detto che il sig. Regini, 28 anni, ha guardato l’ufficio del ministero degli Interni egiziano con segni di ammanettamento e tortura, mentre un altro ha chiesto una confessione presumibilmente fatta da un maggiore sceriffo a un collega durante una missione a Nairobi, in Kenya.

Un terzo, Mr. Un venditore che si ritiene abbia tradito Regini e lo abbia spiato per conto della National Security Agency, il sig. I documenti dicono che sapeva che Regini era stato portato negli uffici dell’agenzia. Un quarto, Mr. Regeney ha detto che le autorità credono fermamente che sia una spia e che abbia un dottorato di ricerca. All’Università di Cambridge nel Regno Unito.