julio 31, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’Italia annuncia corridoio umanitario per portare 500 migranti dalla Libia

Il ministro dell’Interno italiano Louisiana Lamorjee ha annunciato che firmerà un protocollo per portare 500 persone dalla Libia in Italia. Ha anche chiesto un “dialogo costruttivo” sull’immigrazione europea.

L’Italia firmerà un protocollo per portare 500 migranti dalla Libia in Italia. La mossa è stata annunciata dal ministro dell’Interno italiano Louisiana Lamorgi durante una conferenza a Roma dal titolo “Ruling Migration: The Best Practice for Human Corridors”.

L’accordo include l’UNHCR e sarà gestito dalla comunità romana di Sand Egidio e dai Volontari. Al convegno hanno partecipato l’Arcivescovo di Perugia-Città della Cinque e il Presidente della Cei Gualdeiro Pacetti e il Presidente della Comunità Sand Egidio Marco Impagliaso.

Lamorge dice che il problema non è solo per i paesi in visita

Nel corso della conferenza, Lamorge ha ribadito alcuni punti di vista che il governo italiano ha costantemente difeso. Ha detto che l’Europa ha bisogno di un “dialogo costruttivo” perché la questione della migrazione non può essere “trasmessa solo ai paesi in visita”.

“Dobbiamo capire le nostre ragioni”, ha detto, parlando dell’Italia e di altri paesi in visita come Malta e la Spagna. “Dobbiamo spiegare quali sono le difficoltà, secondo noi, e cosa non funziona”, ha detto.

Ricordando che il prossimo Consiglio Ue sul Primo Ministro italiano Mario Draghi si concentrerà sulle migrazioni, Lamorjee ha detto di sperare in un “principio di unità e responsabilità”.

Riguardo alle dinamiche in Italia, ha detto che “diritti e responsabilità vanno di pari passo”, quindi bisogna lavorare non solo per accogliere gli immigrati ma anche per integrarli. “Abbiamo una task force per migliorare le politiche di integrazione e condivisione”.

READ  Nella nuova serie Netflix italiana "Zero", un eroe nero fa dell'invisibilità il suo superpotere: NPR

Bassetti dice che i corridoi umanitari sono la salvezza

Il messaggio condiviso durante la conferenza è stato che i corridoi umanitari sono “salvezza”, come ha sottolineato il presidente della Cei Passetti, intervenuto durante l’evento.

“Mi piace molto parlare di corridoi umanitari perché quando arrivi sul marciapiede di casa tua è come se avessi raggiunto il tuo obiettivo, anche se sei stanco è la tua salvezza”, ha detto.

“Quando non c’è integrazione, c’è indifferenza, come dice Papa Francesco, una cultura dello scarto”, ha detto.

Impagliasso, presidente di Sand Egidio, ha affermato che i corridoi umanitari per gli immigrati “dovrebbero diventare una pratica comune” perché “soprattutto è importante creare vie legali per l’ingresso attraverso le partnership, perché molti posti di lavoro rimangono vacanti”.