diciembre 6, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’Iran afferma che gli Stati Uniti devono garantire che non si ritirino nuovamente dall’accordo nucleare

Gli Stati Uniti garantiscono che non se ne andranno unilateralmente Accordo nucleare iraniano L’ambasciatore iraniano presso le Nazioni Unite, Majid Takht Ravanchi, ha affermato ancora una volta che è fondamentale per una conclusione positiva dei colloqui a Vienna sui termini del ritorno di Washington all’accordo.

I suoi commenti sono l’indicazione ufficiale più chiara delle differenze tra gli Stati Uniti e gli Stati Uniti Iran Su come creare una tale garanzia è ancora un serio ostacolo. Donald Trump ha ritirato gli Stati Uniti dall’accordo nucleare nel 2018, appena tre anni dopo la firma del suo predecessore Barack Obama.

Takht Ravanchi ha affermato che, a meno che non vengano fornite alcune garanzie di stabilità statunitensi, gli investitori europei e altri non si fideranno dell’economia iraniana.

I diplomatici statunitensi hanno affermato che una tale garanzia giuridicamente vincolante non potrebbe essere negoziata se solo perché un’amministrazione statunitense non potrebbe vincolare un’altra o il Congresso. Hanno detto che Washington non poteva essere lasciata dipendente dall’approvazione delle Nazioni Unite per ritirarsi dall’accordo se credeva che Teheran stesse violando i suoi termini, perché ciò renderebbe la politica degli Stati Uniti vulnerabile a un veto russo nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Finora i colloqui di Vienna sono durati tre mesi, sei round e tre mesi. La maggior parte dei dettagli è stata concordata, ma nessuna data è stata fissata per il settimo round mentre l’Iran si prepara all’insediamento del suo nuovo presidente della linea dura, Ebrahim Raisi, e Potrebbe nominare un nuovo ministro degli Esteri più antiamericano Il titolare della carica è Muhammad Javad Zarif.

Ora è possibile che i colloqui non riprendano fino a quando l’Iran non sarà convinto di avere le garanzie che sta cercando o che acconsenta alle sue richieste. Ali Bagheri Kani, un intransigente, dovrebbe gestire la transizione al ministero degli Esteri.

READ  Il ciclone tropicale Yas ha colpito l'India orientale questa settimana

Parlando a una riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, l’inviato francese presso le Nazioni Unite, Nicolas de Riviere, ha affermato che l’Iran si è avvicinato più che mai alla soglia nucleare durante i tre mesi di colloqui e che Le trattative non possono essere trascinate all’infinito.

«I criteri e i vantaggi del ritorno all’accordo non saranno gli stessi dopo un certo periodo di tempo», ha affermato.

Ha indicato la «ricerca e sviluppo iraniani per la produzione di uranio metallico». – Arricchire l’uranio prima del 20% dall’inizio dell’anno e poi del 60% senza che ci sia un bisogno civile in Iran per questi tassi di arricchimento. Accumulo di centrifughe avanzate in impianti di arricchimento, ecc. Di conseguenza, oggi l’Iran non era molto vicino alla capacità di Utbah».

L’UE sta coordinando i colloqui di Vienna e il suo ambasciatore presso le Nazioni Unite, Olof Skoog, ha dichiarato al Consiglio di sicurezza che l’UE è incoraggiata dal fatto che gli Stati Uniti abbiano «espresso la propria disponibilità» a revocare le sanzioni legate all’accordo nucleare, cosa che il segretario delle Nazioni Unite -Il generale ha chiesto. , Antonio Guterres.

Ma Skoog ha detto: «È chiaro che il tempo non è dalla nostra parte e ciò che potrebbe essere possibile anche oggi potrebbe essere impossibile nel prossimo futuro. Abbiamo davanti a noi una finestra diplomatica limitata che non dovremmo perdere».

In un’altra complicazione, il relatore speciale delle Nazioni Unite sui diritti umani in Iran ha affermato di aver sostenuto un’indagine sul coinvolgimento di Raisi nell’uccisione di massa di prigionieri iraniani nel 1988.

Javed Rehman ha detto a Reuters lunedì che il suo ufficio è pronto a condividere le testimonianze e le prove raccolte sulle esecuzioni iraniane con il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite o qualsiasi altro organismo investigativo.

«Penso che sia giunto il momento ed è molto importante ora che il signor Raisi è il presidente che iniziamo a indagare su ciò che è successo nel 1988 e sul ruolo degli individui», ha detto.

Scrivendo sul GuardianL’avvocato per i diritti umani Jeffrey Robertson QC ha dichiarato: «Le famiglie delle vittime, così come il mondo, hanno il diritto di sapere esattamente cosa ha fatto il mio capo durante questo orribile episodio. L’immunità diplomatica non può essere una scusa per raddoppiare gli sforzi per assicurare i responsabili alla giustizia. «

A Robertson è stato chiesto nel 2010 di condurre un’indagine indipendente sulla morte di prigionieri considerati terroristi e traditori da Teheran.