agosto 15, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Le forze del Tigray annunciano il loro ritiro dalla regione del Tigray in Etiopia | Notizie di conflitto

Le forze del Tigray che combattono contro il governo centrale affermano di essersi ritirate dalle regioni vicine nel nord dell’Etiopia, nel tentativo di un possibile cessate il fuoco dopo 13 mesi di guerra brutale.

Lo ha scritto lunedì Debretsion Gebremichael, capo del Fronte di liberazione del popolo del Tigray, il partito politico che controlla la maggior parte della regione settentrionale del Tigray, in una lettera alle Nazioni Unite.

La sua lettera chiedeva una no-fly zone per gli aerei ostili sul Tigray, un embargo sulle armi all’Etiopia e al suo alleato Eritrea, e un meccanismo delle Nazioni Unite per verificare il ritiro delle forze armate esterne dal Tigray.

Il conflitto è scoppiato nel novembre 2020 tra il governo federale e il Fronte di liberazione del popolo del Tigray, che aveva dominato la politica etiope per quasi 30 anni prima che il primo ministro Abiy salisse al potere nel 2018.

Abiy, il premio Nobel per la pace 2019, ha promesso una rapida vittoria. Le sue forze catturarono la capitale del Tigray, Mekele, alla fine di novembre, ma a giugno le forze del Tigray lanciarono un contrattacco che li vide riconquistare gran parte della loro area e i combattimenti si espansero nelle vicine regioni di Amhara e Afar. Alla fine di novembre, l’esercito etiope ha iniziato un’offensiva che ha spinto indietro di centinaia di chilometri le forze del Tigray in avanzata.

Getachew Reda, un portavoce del Fronte di liberazione popolare del Tigray, ha affermato che le forze del Tigray si stanno ritirando da Amhara e Afar.

Abbiamo deciso di ritirarci da queste zone nel Tigray. «Vogliamo aprire la porta agli aiuti umanitari», ha detto Getachew.

READ  Il Congo dice che deve combattere un nemico comune con l'Uganda mentre i soldati attraversano il confine

Non siamo interessati a rilevare il Governatorato di Afar. Ha continuato: «Non siamo interessati a fare un accordo difficile ad Addis Abeba», aggiungendo: «Ci interessa solo garantire che il blocco che è stato crudelmente imposto alla nostra gente sia rotto».

Getachew ha affermato che la decisione di ritirarsi nel Tigray è stata presa poche settimane fa e in seguito ha twittato: «Abbiamo appena finito di ritirare le nostre forze dalle regioni #Amhara e #Afar».

Ma una portavoce di Abe Beilin Seom ha detto che l’annuncio era un insabbiamento per le battute d’arresto militari.

«Il TPLF ha subito grandi perdite nelle ultime settimane e quindi chiede un ‘ritiro strategico’ per compensare la sconfitta», ha detto all’AFP.

«Ci sono ancora sacche nella regione di Amhara dove stanno ancora, oltre ad altri fronti, cercando di aprire il conflitto».

La guerra nel secondo paese più popoloso dell’Africa ha destabilizzato una regione già fragile, spinto decine di migliaia di rifugiati in Sudan, ritirato soldati etiopi dalla Somalia devastata dalla guerra e utilizzato l’esercito della vicina Eritrea.

Decine di migliaia di persone sono state uccise, circa 400.000 stanno affrontando la carestia nel Tigray e 9,4 milioni di persone hanno bisogno di aiuti alimentari in tutta l’Etiopia settentrionale a causa del conflitto.

Debretsyon, il capo del Fronte di Liberazione del Tigray, ha affermato di sperare che il ritiro dei tigrini da Afar e Amhara costringa la comunità internazionale a garantire che gli aiuti alimentari possano entrare nel Tigray.

Le Nazioni Unite hanno precedentemente accusato il governo di imporre un blocco di fatto, un’accusa che il governo ha negato.

READ  Mi chiamo Cleo: bambina di 4 anni scomparsa ritrovata al sicuro in Australia

“Speriamo che sia da [us] «Ritirandosi, la comunità internazionale farà qualcosa per la situazione in Tigray poiché non può più usarla come scusa per le nostre forze per invadere Amhara e Afar», ha detto Getachew all’agenzia di stampa Reuters.

Altre proposte nella lettera includono il rilascio di prigionieri politici – migliaia di tigrini sono stati trattenuti dal governo – e l’uso di investigatori internazionali per perseguire i responsabili di crimini di guerra.

La scorsa settimana le Nazioni Unite hanno deciso di condurre un’indagine indipendente sugli abusi dei diritti in Etiopia, una mossa fortemente osteggiata dal governo etiope.

I mediatori internazionali, tra cui l’Unione Africana e gli Stati Uniti, hanno ripetutamente cercato di negoziare un cessate il fuoco tra le due parti per consentire aiuti nel Tigray, ma entrambe le parti hanno rifiutato fino a quando non saranno soddisfatte determinate condizioni.

Lunedì, gli Stati Uniti hanno dichiarato di sperare che il ritiro dei Tigrini nella loro roccaforte settentrionale «aprirà la porta a una diplomazia più ampia».

«Se vediamo il ritorno delle forze del Tigray nel Tigray, è qualcosa che apprezzeremmo», ha detto il portavoce del Dipartimento di Stato americano Ned Price. «È qualcosa che stiamo chiedendo e speriamo che apra le porte a una diplomazia più ampia».

La città etiope di Lalibela ha un significato spirituale per milioni di cristiani ortodossi etiopi [Tiksa Negeri/Reuters]

Tiklay Gebremichael, uno scrittore etiope che ha documentato i combattimenti, ha detto ad Al Jazeera che le forze del Tigrayan erano «bloccate tra l’incudine e il martello».

“La comunità internazionale sta esercitando un’enorme pressione su di loro affinché si ritirino in modo che il governo etiope possa essere persuaso a fornire assistenza perché il governo etiope ha stipulato la fornitura di aiuti alle forze del Tigray in ritirata dalle regioni di Afar e Amhara, anche se devono andare lì per inseguire i loro nemici che altrimenti avrebbero conquistato il Tigray”.

READ  Scontri tra palestinesi e ufficiali dell'AP nel terzo giorno di proteste contro l'uccisione di un attivista

Taklai ha detto che data la possibilità di un’altra invasione, era improbabile che le forze del Tigray si sarebbero disarmate nonostante si fossero ritirate nel Tigray.

Sanno che il disarmo significherà che il governo etiope ed eritreo invaderà il Tigray il giorno successivo e visiterà il tipo di devastazione che hanno subito quando le forze etiopi ed eritree erano nel Tigray l’anno scorso. Quindi non credo che il disarmo sia sul tavolo per i Tigrini, perché se lo facessero, sarebbe un fallimento nel loro dovere di proteggere i Tigrini contro le forze che hanno chiarito che invaderanno se c’è l’opportunità di fare così. fare quello.»