octubre 26, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Controversa conferenza delle Nazioni Unite su riparazioni e razzismo criticata da Pompeo come “contaminata da antisemitismo”

Mentre i leader mondiali si incontrano questa settimana Assemblea Generale delle Nazioni Unite Stato unito , Australiae Canada e Germania Tra almeno 19 paesi che hanno boicottato un evento storico a causa delle accuse di antisemitismo e contro Israele pregiudizio, tendenza.

l’evento, Conosciuto come Durban IVIl tema è “Risarcimenti, giustizia razziale e uguaglianza per le persone di origine africana”.

L’evento commemorerà e adotterà un manifesto 20 anni dopo il primo incontro in Durban, Sud Africa. Sebbene lo scopo originale dell’evento fosse combattere il razzismo, i critici affermano che è stato dirottato da un programma anti-israeliano che lo ha trasformato in un festival dell’odio antisemita che ha portato gli Stati Uniti e Israele a ritirarsi dalla conferenza. I critici vogliono cancellare Durban e le Nazioni Unite per avviare una nuova conferenza contro il razzismo.

L’ex ministro degli Esteri Mike Pompeo e altri, tra cui l’ambasciatore israeliano alle Nazioni Unite e un politico sudafricano, hanno parlato domenica a una controconferenza organizzata dal Toro College, Human Rights Voices e una telecamera sotto lo striscione:Hanno combattuto il razzismo, non gli ebrei: Le Nazioni Unite e l’inganno di Durban.

“E’ un peccato che nel 2021 le Nazioni Unite abbiano riunito i leader mondiali per celebrare l’orgia dell’antisemitismo e la prevista distruzione di uno stato membro delle Nazioni Unite, lo stato ebraico”, ha affermato l’Organizzazione contro il Congresso Anne Bayefsky, Direttore del Counter- Organizzazione del Congresso Anne Bayefsky. Il Touro Institute for Human Rights and the Holocaust, ha detto a Fox News.

Mike Pompeo, Segretario di Stato degli Stati Uniti, parla durante una conferenza stampa presso il Dipartimento di Stato a Washington, DC, Stati Uniti, giovedì 5 marzo 2020. Pompeo ha definito gli attacchi talebani in corso in Afghanistan un impedimento “inaccettabile” al processo di pace che è iniziato quando gli Stati Uniti hanno firmato l’accordo con il gruppo armato alla fine della scorsa settimana. Fotografo: Alex Wroblewski/Bloomberg via Getty Images
(immagini Getty)

Pompeo su GEN. La chiamata di Milley alla Cina: la narrativa sulle ultime settimane di Trump è un “errore fondamentale”

“Tutti i paesi veramente impegnati nella lotta al razzismo dovrebbero rifiutarsi di partecipare al Carnevale di Durban 4th e 20th Anniversary”, ha affermato Bayevsky, che è anche presidente di Voices of Human Rights. “Gli inganni di Durban, le chiacchiere e i doppi standard – in particolare la discriminazione – devono essere smascherati e respinti”.

Stephane Dujarric, portavoce del Segretario generale delle Nazioni Unite, ha dichiarato a Fox News che Antonio Guterres parteciperà all’evento la prossima settimana. “Per il Segretario generale è chiaro che il razzismo e la discriminazione razziale continuano a permeare le istituzioni, le strutture sociali e la vita quotidiana di ogni società. Devono essere condannati senza esitazioni o riserve ovunque e ogni volta che si verificano”.

READ  Il fondatore di Foxconn chiede a BioNTech di riservare altri 30 milioni di vaccini per Taiwan

“Il processo di Durban è cruciale per combattere questo flagello. Tuttavia, chiunque utilizzi questo processo – o qualsiasi altra piattaforma – per retorica antisemita, anti-musulmana, retorica odiosa e affermazioni infondate, sta solo distorcendo la nostra lotta di base contro il razzismo”. Lei disse.

Pompeo, un collaboratore di Fox News, ha messo in dubbio l’obiettivo dichiarato del documento e la conferenza che lo celebra, che secondo lui avrebbe dovuto riguardare la lotta al razzismo e all’ingiustizia, ma ha detto che nulla potrebbe essere più lontano dalla verità. “La Dichiarazione di Durban è piena di antisemitismo e l’obiettivo di coloro che la celebrano non è l’uguaglianza razziale, ma l’indebolimento e l’eventuale distruzione dello Stato di Israele”.

Pompeo ha osservato che la Dichiarazione originale di Durban elencava Israele solo come autore di razzismo ignorando personaggi come Cina, Cuba e altri regimi autoritari. “La Conferenza di Durban nel 2001 ha rianimato l’insulto razzista del sionismo, ha affermato scandalosamente che Israele era uno stato di apartheid, ha distorto l’Olocausto e ha fatto molti paragoni con il nazismo”. Pompeo ha parlato della diversità di Israele e dei diritti religiosi di cui godono tutti nel Paese. “Israele non è uno stato di apartheid e qualsiasi conferenza che cerchi di promuovere un’affermazione così infondata deve essere riconosciuta come una bufala”.

Pompeo si è detto sollevato nel vedere che molti paesi hanno scelto di non partecipare alla prossima conferenza, ma ha detto: “Ci sta dicendo chi è. Gli Stati Uniti non devono mai sostenere la calunnia infondata contro Israele e non dobbiamo mai permettere che la nostra credibilità aumenti. l’antisemitismo che permea la Dichiarazione di Durban”.

Osservatore nucleare delle Nazioni Unite: l’Iran fa pressioni sull’arricchimento dell’uranio

Pompeo ha affermato che gli Stati Uniti dovrebbero continuare ad approfondire il proprio impegno per l’uguaglianza razziale e adottare non la Dichiarazione di Durban, ma la Dichiarazione universale dei diritti umani adottata dalle Nazioni Unite nel 1948.

Pompeo ha sottolineato che l’amministrazione Trump votato contro Finanziamento di un evento per commemorare la controversa Dichiarazione e Programma d’Azione di Durban del 2001 (DDPA). Sia l’amministrazione democratica che quella repubblicana si sono opposte a lungo alla Dichiarazione di Durban sin dalla sua adozione nel 2001, citando preoccupazioni che fosse anti-israeliana e antisemita.

Una risoluzione approvata in estate dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite che ha dato il via alla riunione della prossima settimana afferma che si tratta di un “appello globale per un’azione concreta verso l’eliminazione del razzismo, della discriminazione razziale, della xenofobia e della relativa intolleranza e per l’attuazione e il follow-up globale”. della Dichiarazione di Durban e del Programma d’azione”.

READ  Il colpo di stato in Guinea scuote i mercati del minerale di ferro e della bauxite e alimenta l'incertezza economica

“Vent’anni dopo, non c’è più niente nella Dichiarazione di Durban per celebrarla o approvarla”, ha detto all’Assemblea Generale l’anno scorso Kelly Craft, allora ambasciatore degli Stati Uniti presso l’organizzazione mondiale. “Incoraggia le restrizioni alla libertà di espressione. Esiste per discriminare e discriminare e va contro il lodevole obiettivo di combattere il razzismo e la discriminazione razziale”.

Alla controconferenza di domenica è intervenuto anche il deputato sudafricano e leader dell’ACP, il reverendo Kenneth Micho, che ha messo in guardia dall’usare la parola “apartheid” contro Israele. “Coloro che accusano Israele di essere uno stato di apartheid o sono onestamente ingannati o sono vittime della propaganda e delle bugie di coloro che odiano Israele per qualsiasi motivo e che sognano di annientare lo Stato di Israele, l’unico stato democratico del Medio Oriente”.

Ha detto che coloro che si oppongono a Israele sulla base dell’accusa di apartheid “sottovalutano il dolore che milioni di sudafricani neri hanno sofferto durante l’apartheid. Chiunque dica che Israele è uno stato di apartheid sta sottovalutando e sottovalutando il dolore che abbiamo sofferto. Come popolo, ” ha detto. Neri sotto l’apartheid in Sud Africa”.

Gli israeliani partecipano a una manifestazione per chiedere il rilascio di soldati e civili israeliani detenuti da Hamas a Gaza, di fronte all'ufficio del Primo Ministro a Gerusalemme, mercoledì 19 maggio 2021 (AP Photo/Sebastian Scheiner)

Gli israeliani partecipano a una manifestazione per chiedere il rilascio di soldati e civili israeliani detenuti da Hamas a Gaza, di fronte all’ufficio del Primo Ministro a Gerusalemme, mercoledì 19 maggio 2021 (AP Photo/Sebastian Scheiner)
(Foto AP/Sebastian Scheiner)

La preoccupazione di Biden per la riunione delle Nazioni Unite potrebbe diventare “SUPERSPREADER” di COVID-19

“E’ dovere di tutte le brave persone di tutte le fedi esprimere rabbia e chiedere che la verità sia ascoltata”, ha detto l’attore premio Oscar Jon Voight. Quanto alla conferenza delle Nazioni Unite, si è detto “indignato da coloro che inventano scuse per questa barbarie, che fanno propaganda per la vittima palestinese, che rifiutano di riconoscere che questo antisemitismo è in grado di distruggere la nazione ebraica”.

L’ambasciatore israeliano alle Nazioni Unite Gilad Erdan ha citato Guterres parlando della crescita e dei pericoli dell’antisemitismo nel 2018, ironicamente: “Tuttavia, questa settimana le Nazioni Unite commemoreranno la Conferenza mondiale contro il razzismo del 2001, la Conferenza di Durban, dove antirazzismo abbracciato Gli ebrei hanno la copertura dell’antirazzismo, rendendo così l’antisemitismo non solo moralmente legittimo ma anche moralmente necessario”.

Ora non importa se Israele viene menzionato esplicitamente alla conferenza di Durban di questa settimana, ha detto Erdan, definendolo “marcio fino al midollo, e tutti gli eventi che seguono sono i frutti di un albero velenoso”. La Festa dell’Odio Sublime, per quanto nobili o importanti possano essere le sue finalità originarie, dovrebbe essere celebrata solo come un tragico e irripetibile errore».

READ  Tokyo 2020: Cori 'Coco' Gauff salterà le Olimpiadi dopo essere risultato positivo al Covid-19

Come altri alla controconferenza, Erdan ha chiarito che la lotta al razzismo è vitale e ha osservato: “Questo non significa che dovremmo in alcun modo diminuire il nostro impegno nella lotta al razzismo. In effetti, il popolo ebraico di Israele dovrebbe essere al prima linea di questa battaglia. Niente Potrebbe essere più naturale che i discendenti della schiavitù e i discendenti di migliaia di anni di oppressione antisemita si uniscano per combattere la discriminazione e la disumanizzazione.

Erdan si aspettava che più paesi avrebbero boicottato la conferenza. “La nostra richiesta che gli stati si rifiutino di partecipare al processo di Durban non è in alcun modo incompatibile con quella che dovrebbe essere la nostra altrettanto forte richiesta di parlare contro il razzismo ovunque appaia”.

L’agenzia di stampa ufficiale palestinese, Wafa, la scorsa settimana Citato dal Ministero degli Affari Esteri e degli Emigrati come “fortemente contrari” agli attacchi alla conferenza di Durban.

CLICCA QUI PER L’APP FOX NEWS

La dichiarazione ha osservato che “il popolo palestinese, che continua la sua nobile lotta contro il regime di apartheid israeliano, si considera una componente essenziale degli sforzi per combattere tutte le forme di razzismo e discriminazione sistematici. A questo proposito, la Palestina respinge i tentativi moralmente corrotti e politicamente malvagi disimpegnarsi. La lotta palestinese per la liberazione di questo problema globale”.

Ann Herzberg, consulente legale della ONG Research Watch con sede a Gerusalemme, ha detto a Fox News che le Nazioni Unite dovrebbero affrontare il razzismo abolendo Durban.

“Anche se questa è una buona cosa, molti paesi si sono rifiutati di celebrare il 20° anniversario della conferenza antisemita di Durban del 2001, ma non è abbastanza”, ha detto Herzberg. “La Dichiarazione e il Programma d’azione della Conferenza antisemita continua a guidare tutte le attività delle Nazioni Unite relative alla lotta al razzismo ed è fortemente promossa da diplomatici e funzionari delle Nazioni Unite. Ma il documento razzista non può essere la base per combattere il razzismo. La Dichiarazione di Durban deve essere abrogato una volta per tutte e sostituito con un meccanismo che promuova i diritti umani globali.