septiembre 21, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Le azioni asiatiche sono crollate e il bitcoin è crollato mentre persistevano le preoccupazioni sull’inflazione

Mercoledì le azioni asiatiche sono crollate e le criptovalute hanno esteso le loro perdite poiché i dubbi sull’inflazione hanno spinto gli investitori a ridurre l’esposizione ad attività più rischiose per il momento.

Ha anche influenzato le valute digitali imponendo un nuovo divieto cinese alle istituzioni finanziarie che forniscono servizi relativi alle transazioni di criptovaluta.

L’indice MSCI Asia Pacific è il più ampio al di fuori del Giappone (.MIAPJ0000PUS) È sceso dello 0,3% nonostante i blocchi di Hong Kong e della Corea del Sud per le festività.

Cina continentale CSI300 (.CSI300) Il Nikkei è in ribasso dello 0,6%. (.N225) Ha perso l’1,1%.

Le azioni di Wall Street sono crollate alla fine della sessione per chiudere in ribasso martedì, incapaci di sostenere i guadagni realizzati dopo i profitti eccezionali di Walmart. (WMT.N) E Home Depot (HD.N).

Indice S&P 500 (.SPX) Ha perso lo 0,85%, poiché le azioni delle telecomunicazioni hanno guidato il calo, mentre l’indice Nasdaq Composite ha guidato il ribasso (diciannovesimo) È diminuito dello 0,56%.

“Poiché gli investitori sono ora impegnati con l’inflazione, è possibile che siano riluttanti a prendere decisioni importanti fino a quando non vedono un quadro più chiaro”, ha affermato Hirokazu Kabia, chief global strategist di Daiwa Securities.

“Le preoccupazioni sull’inflazione manterranno i mercati instabili per il momento, anche se non mi aspetto che i prezzi delle azioni crollino alla luce della riapertura economica”.

La Fed è rimasta fedele alla narrativa che il recente picco dell’inflazione sarà fugace, e quindi dovrebbe mantenere le sue facili impostazioni di politica monetaria.

Si prevede che il verbale della riunione della Fed di aprile, che sarà pubblicato mercoledì alla fine, ripeta questo messaggio.

READ  SpaceX deve conformarsi alla citazione in giudizio del Dipartimento di Giustizia

“L’inflazione rimane il problema più grande, se è reale e se la Fed potrebbe aver bisogno di cambiare la sua politica a causa di essa”, ha detto Kazuchiji Kaida, responsabile delle vendite forex presso la filiale di Tokyo di State Street Bank. “In questo momento, i mercati stanno riponendo la loro fiducia, in un certo senso, nella narrativa della Fed”.

Tuttavia, l’inaspettato aumento dell’inflazione al consumo e i segnali di carenza di manodopera negli Stati Uniti hanno spinto gli investitori ad abbandonare le attività che sono aumentate notevolmente nell’ultimo anno.

Le criptovalute sono uno di questi casi estremi.

Bitcoin è sceso fino al 5,3% per raggiungere il suo livello più basso dall’inizio di febbraio a $ 40.973, dopo aver perso più di un terzo del suo valore dal picco di $ 64.895 registrato più di un mese fa.

Ether, la seconda più grande criptovaluta, è stata scambiata a $ 3.199, in calo di oltre il 25% dal suo picco record lo scorso mercoledì.

Sebbene le criptovalute siano state ferite dal nuovo divieto cinese sulle loro transazioni, non sono state le sole ad affrontare la pressione. Leggi di più

Anche alcune delle materie prime che hanno beneficiato del commercio deflazionistico hanno perso terreno, poiché i futures sul legname USA hanno perso quasi il 25% nelle ultime tre sessioni.

Anche i prezzi del petrolio sono diminuiti dopo che i media hanno riferito che Stati Uniti e Iran hanno compiuto progressi nel rilanciare un accordo che limita lo sviluppo di armi nucleari per il paese OPEC, uno sviluppo che potrebbe portare a un aumento delle forniture dall’Iran.

I future sul greggio USA sono scesi dello 0,9% a 64,9 $ al barile, mentre i futures sul greggio Brent hanno perso lo 0,9% a 68,12 $ al barile.

READ  Le fintech affrontano il problema delle frodi sui prestiti agevolati da Covid

Ciò ha contribuito ad alleviare un po ‘le preoccupazioni inflazionistiche nel mercato obbligazionario.

Il tasso di inflazione statunitense a dieci anni sui mercati obbligazionari statunitensi, basato sul divario di rendimento tra le obbligazioni protette dall’inflazione e quelle convenzionali, è sceso al 2,55% da un massimo di otto anni del 2,58% all’inizio di questo mese.

Il rendimento dei titoli del Tesoro USA a 10 anni, o rendimento nominale, è leggermente cambiato all’1,664%.

Sul mercato valutario, il dollaro è rimasto sotto pressione poiché i rendimenti statunitensi sono rimasti invariati.

L’euro ha raggiunto il suo livello più alto in quasi tre mesi a $ 1,2234, ed è stato scambiato l’ultima volta a $ 1,2223, mentre anche la sterlina britannica ha raggiunto il suo livello più alto alla fine di febbraio ed è stata scambiata a $ 1,4191.

Il dollaro si è attestato a 108,92 yen dopo quattro sessioni consecutive di ribasso.

I metalli preziosi erano solidi, con l’oro che ha raggiunto il suo livello più alto dalla fine di gennaio a 1.870 dollari l’oncia.

I nostri criteri: Thomson Reuters Trust Principles.