junio 25, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Le azioni asiatiche sono caute in vista di un test per l’inflazione negli Stati Uniti e Bitcoin scivola

Un uomo raffigurato su un tabellone dei prezzi delle azioni a Tokyo, Giappone, il 26 febbraio 2021. Reuters / Kim Kyung Hoon

Le azioni asiatiche hanno avuto un inizio cauto lunedì poiché gli investitori attendevano con impazienza una lettura importante sull’inflazione statunitense questa settimana per una guida sulla politica monetaria, mentre Bitcoin ha subito un duro colpo dopo che la Cina ha represso il mining e il commercio di criptovaluta.

L’indice MSCI Asia Pacific è il più ampio al di fuori del Giappone (.MIAPJ0000PUS) Difficilmente un cambiamento nel commercio lento. Indice Nikkei giapponese (.N225) Aggiunto 0,1% e Corea del Sud (.KS11) Era piatto.

I futures sul Nasdaq sono scesi dello 0,2% e quelli sull’S & P 500 sono stati leggermente più piatti.

Dopo che i sondaggi sui settori dei servizi globali pubblicati venerdì hanno mostrato una crescita impressionante, questa settimana tutti gli occhi saranno puntati sui consumi personali degli Stati Uniti e sui dati sull’inflazione.

Una lettura più alta dei dati sull’inflazione core potrebbe suonare allarmante e potrebbe ravvivare i discorsi di cali anticipati da parte della Federal Reserve statunitense.

Il diario presenta una folla di portavoce della Fed questa settimana, incluso l’influente governatore della Fed Lyle Brainard, ei mercati saranno ansiosi di vedere se si attengono al testo sulla pazienza con la politica.

L’indagine mensile sui gestori di fondi condotta da Bank of America ha mostrato che il 69% degli intervistati si aspettava un record superiore alla crescita economica globale e all’inflazione.

Di conseguenza, i gestori hanno spinto verso le materie prime e gli indici ciclici in ritardo, poiché i centri in sovrappeso erano vicini ai loro massimi di 15 anni, mentre il singolo scambio più affollato era Bitcoin.

READ  Il CEO di Colonial Pipeline ci spiega perché ha pagato agli hacker un riscatto di 4,4 milioni di dollari

“Con queste visioni ottimistiche sulla crescita e l’inflazione, il rischio per gli investitori è che la crescita stia rallentando e l’inflazione sia temporanea”, hanno detto in una nota gli analisti di Bank of America.

“Inoltre, la tecnologia, che negli ultimi tempi è stata considerata un po ‘affollata, è ora di nuovo sottopeso ed è probabile che trarrà vantaggio se i timori sull’inflazione diminuiranno”.

L’intenso scambio di Bitcoin ha lasciato aperto a una svendita mentre gli investitori si sono riversati in massa verso le uscite, vedendolo scendere del 50% dal suo massimo storico. La criptovaluta è scesa del 13% solo domenica e recentemente è stata scambiata dell’8% a $ 34.601.

È stato parzialmente colpito dalle severe misure della Cina sull’estrazione e il commercio della più grande criptovaluta come parte degli sforzi in corso per prevenire speculazioni e rischi finanziari. Leggi di più

Le principali valute sono rimaste stabili in confronto, con l’euro che si è stabilizzato a $ 1,2179 dopo aver ripetutamente fallito nel superare la resistenza del grafico intorno a $ 1,2244 la scorsa settimana.

Il dollaro stava rallentando sullo yen a 108,94, mantenendosi tra il supporto a 108,56 e la resistenza intorno a 109,33. Contro un paniere di valute, il dollaro si è attestato a 90,073 dopo aver toccato il livello più basso da gennaio a 89,646 venerdì.

La debolezza del dollaro è stata accompagnata dalle preoccupazioni per l’inflazione e l’estrema volatilità delle criptovalute per riportare l’oro alla ribalta. Il metallo è stato l’ultimo a $ 1.881 l’oncia, dopo aver toccato il suo massimo da gennaio.

“La recente combinazione di un forte IPC degli Stati Uniti, occupazione debole e politici della Fed pronti a lasciare che l’inflazione attraversi il divario occupazionale, l’oro potrebbe rimanere rialzista per un periodo più lungo”, ha detto Michael Hsueh, una delle materie prime e dei cambi con sede a Deutsche Bank stratega.

READ  McDonald's Siege: gli attivisti per gli animali e il clima stanno prendendo di mira i centri di distribuzione in tutta l'Inghilterra

“La ripresa dell’oro è stata collegata a un forte aumento in alcune parti del complesso delle materie prime, che quest’anno è sempre più rappresentato da indicatori di agricoltura, minerali e trasporti, e un aumento di 8 anni delle aspettative di inflazione negli Stati Uniti”.

Lunedì i prezzi del petrolio sono aumentati dopo aver subito una perdita la scorsa settimana, mentre gli investitori si preparano a un ritorno delle forniture di greggio iraniano.

Il greggio Brent è salito di 6 cent a 66,50 dollari al barile, mentre il greggio statunitense ha aggiunto 11 cent a 63,69 dollari al barile.

I nostri criteri: Thomson Reuters Trust Principles.