septiembre 28, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’Australia ha battuto il mondo con il suo lockdown per il Covid. Ora è profondamente diviso su come riaprire

Da allora, la controversia sulla questione si è trasformata in una fionda tutt’altro che adatta alle famiglie tra gli stati su un piano nazionale per aprire le frontiere interne prima di Natale.

il problema Non tutta l’Australia è ansiosa di lasciare la grotta così in fretta.

Le aziende soffrono, le famiglie sono divise e la costante incertezza mette a dura prova la salute mentale delle persone.

Tuttavia, nelle parti del paese che sono riuscite a contenere il Covid-19, compresi gli stati dell’Australia occidentale e del Queensland, c’è poco appetito per l’apertura delle frontiere e l’ingresso del virus.

Dopo 18 mesi passati a godersi il successo nel tenere lontano il Covid, i politici australiani sono ora costretti a passare da una strategia Covid-free alla convivenza con il virus.

La domanda è come possono persuadere gli australiani a sostenere il piano nazionale quando alcuni leader di stato sono in ribellione, con un primo ministro che chiede il piano. Follia completa.

‘inevitabile’

Per un po’, insieme a La vicina Nuova ZelandaIl successo dell’Australia l’ha resa l’invidia di gran parte del mondo occidentale. Con l’aumento dei casi e dei decessi globali di Covid, l’Australia si è per lo più mantenuta libera dal Covid.

Il governo australiano ha chiuso i confini del paese nel marzo 2020, poco dopo l’inizio del primo focolaio globale, e da allora qualsiasi infezione all’interno del paese è stata debellata con pesanti restrizioni.

Fino a giugno.

Successivamente, l’Australia ha sofferto di un focolaio di una malattia altamente contagiosa delta covid-19 L’alternativa è nel New South Wales, lo stato in cui Sydney è la sua capitale.

Il governo locale inizialmente ha imposto restrizioni alla luce, ma man mano che i casi continuavano a diffondersi, non avevano altra scelta che imporre il blocco. Da allora il contagio si è diffuso a Melbourne, nello stato di Victoria, e poi nella capitale Canberra.

A partire da venerdì, più della metà dei 25 milioni di australiani sono in isolamento, compresi tutti i residenti di tre stati e territori: New South Wales, Victoria e Australian Capital Territory.

Di fronte alla crescente pressione economica, l’alto numero di casi e Violente proteste contro il lockdownMorrison ha annunciato l’inizio della fine della politica zero Covid in Australia il 22 agosto.

Vuole che gli australiani seguano l’esempio degli Stati Uniti, del Regno Unito e dell’UE, che hanno iniziato ad abbracciare la coesistenza con Covid, utilizzando i vaccini per ridurre i ricoveri ospedalieri consentendo al contempo versioni di viaggio gratuito.

Secondo il piano nazionale australiano, il paese riaprirà con restrizioni limitate quando almeno il 70% delle persone ammissibili riceverà due dosi del vaccino.

Tuttavia, il paese ha lottato per immunizzare la sua popolazione a causa della mancanza di forniture urgenti e insufficienti. A partire da venerdì, circa il 37% delle persone di età superiore ai 16 anni in Australia aveva ricevuto due dosi, rispetto a Almeno il 60% negli Stati Uniti e oltre il 78% nel Regno Unito.
Il piano australiano, una copia del quale è stato approvato da ogni stato e territorio, si basava su modelli del Doherty Institute, un ente di ricerca sulle malattie infettive. L’istituto stima che con un’adeguata copertura vaccinale e restrizioni moderate, l’Australia possa riaprire al mondo Meno di 100 morti tra sei mesi.

“Ecco com’è vivere con il Covid”, ha scritto Morrison in un articolo di opinione, “è probabile che i numeri dei casi aumenteranno quando presto inizieremo ad aprirci. Questo è inevitabile”. Distribuito ai media locali.

Centinaia di persone aspettano in fila per un vaccino contro il Covid-19 al Southwest Sydney Immunization Centre di Macquarie Fields il 19 agosto a Sydney, in Australia.

Riapri la risposta

Nella sua clinica di Perth, il GP Dono O’Donovan ha detto molto I suoi pazienti, in particolare gli anziani, sono preoccupati per un possibile focolaio di Covid-19 nell’Australia occidentale.

READ  La cattedrale di Notre Dame a Parigi riaprirà nel 2024, cinque anni dopo un catastrofico incendio

“Questo tipo di persone hanno molta paura di aprirsi… Si preoccupano di quello che accadrà, e le persone di sinistra, destra e centro stanno dicendo loro che il Covid sta per entrare qui e noi lo shockeremo tanto quanto NSW”, ha detto O’Donovan.

“C’è molta paura”.

L’Australia occidentale, l’Australia meridionale, il Queensland e la Tasmania sono riusciti a mantenere i casi di Covid-19 vicini allo zero e, di conseguenza, i loro leader sono stati meno desiderosi di abbracciare la spinta di Morrison per aprire i confini.

Il premier dell’Australia occidentale Mark McGowan ha affermato che la riapertura prematura per “importare deliberatamente il virus” sarebbe Follia completa.
“Attualmente non abbiamo restrizioni all’interno del nostro stato, una qualità della vita impressionante e un’economia straordinariamente forte che finanzia gli sforzi di soccorso in altre parti del paese”, ha scritto McGowan sul sito web. Sito di social network Facebook.

“L’Australia occidentale vuole solo decisioni che tengano conto delle circostanze di tutti gli stati e territori, non solo di Sydney”.

Il primo ministro dell'Australia occidentale Mark McGowan parla ai media alla Duma House il 29 giugno a Perth, in Australia.
Il primo ministro del Queensland Anastasia Palchuk ha riconosciuto che è probabile che Covid attraversi i confini di stato, ma lei Richiedi una modellazione più dettagliata su come aprirti Colpisce i bambini non vaccinati.
“Invece di provocare risse e attacchi, facciamo una buona conversazione istruita, e non c’è niente di sbagliato nel fare domande decenti sulla sicurezza delle famiglie”, Lei disse , Dopo essere stato accusato di creare orrore concentrandosi solo sullo scenario peggiore per le morti.
L’Australian Medical Association (AMA) sembra essere d’accordo con i riluttanti leader di stato, avvertendo in una lettera al primo ministro Morrison che il sistema sanitario australiano lo è stato. Non siamo pronti per l’epidemia di covidvaccinazioni o meno.

“I nostri ospedali non stanno emergendo da una posizione di forza. Sono lontani da questo”.Omar KhurshidAMA Presidente

READ  Il pilota di elicottero ha ottenuto un biglietto per atterrare a Dairy Queen per una torta

“Se apriamo le porte al Covid, rischiamo di vedere i nostri ospedali pubblici crollare e parte di ciò deriva da una mancanza di investimenti a lungo termine nella capacità degli ospedali pubblici da parte dei governi statali e federali”, ha dichiarato il presidente dell’AMA, il dott. Omar Khurshid. . .

“I nostri ospedali non stanno emergendo da una posizione di forza. Sono lontani da questo”.

Parlando venerdì, Morrison ha affermato che il governo sta studiando la capacità del sistema ospedaliero australiano di gestire le infezioni da Covid prima della sua riapertura e che i preparativi sono in corso da tempo.

La gente del posto cammina su un ponte il 4 agosto a Brisbane, in Australia.

bloccare lo stress

Luke Stepsys, un ristoratore di Melbourne, ha ricevuto due dosi del suo vaccino contro il Covid-19, ma quando ha finito il latte martedì sera, non ha potuto uscire di casa per prenderne altro. Ha già superato il coprifuoco delle 21 a Melbourne.

“Sono stato completamente vaccinato e stasera sono in gabbia come un animale in gabbia”, ha detto.

Dall’inizio dell’epidemia, Melbourne ha speso Più di 210 giorni È in una fase di chiusura serrata, la più lunga in qualsiasi città australiana, e la pressione sta iniziando a salire.

“Ho avuto innumerevoli giorni in cui avrei fatto qualsiasi cosa per porre fine a tutto questo”, ha detto Stepsis.

“Sei così confuso, così depresso e non hai risposte. Devo essere forte per tutti i miei dipendenti e devo essere forte per la mia famiglia, ma internamente sto bruciando vivo”.

“Devo essere forte per tutto lo staff, devo essere forte per la mia famiglia, ma internamente sto bruciando vivo”.Luca StepsisProprietario del ristorante Melbourne

Il 5 agosto, le autorità statali hanno ordinato ai vittoriani di chiudere le loro case dopo che un piccolo numero di casi ha attraversato il confine dal Nuovo Galles del Sud. I cittadini possono uscire di casa solo per motivi essenziali, come l’acquisto di generi alimentari.

Stepsys ha affermato che i suoi ristoranti sono stati in grado di pagare i loro debiti a causa di una decisione dell’ultimo minuto nel marzo 2020 di rinunciare a un grosso acquisto commerciale, lasciandolo con notevoli risparmi. Ma ha detto che l’industria dell’ospitalità nel suo insieme si è “schiacciata”.

“Ho un amico a Las Vegas che ha un ristorante e mi ha detto: ‘Amico, hai chiuso l’attività per cinque casi?'”, ha detto Stepsis. “

Appena oltre il confine, iscriviti nel NSW Oltre 1.000 nuovi casi di Covid-19 ogni giorno, che sono i numeri più alti che l’Australia ha visto dall’inizio dell’epidemia.

I leader del NSW e del Victoria hanno abbracciato il piano di Morrison di allontanarsi dalla strategia zero-Covid, promettendo entrambi più libertà per i cittadini una volta raggiunti determinati obiettivi del vaccino. Giovedì, il Nuovo Galles del Sud è diventato il primo stato australiano a raggiungere il 70% di copertura della prima dose del vaccino e ora i residenti possono fare esercizio illimitato in determinate aree.

READ  La polizia in Honduras ha arrestato cinque persone dopo che una folla di 600 ha giustiziato un italiano

L’epidemiologo di Melbourne Tony Blakely ha affermato che la strategia “zero Covid” dell’Australia era solo una misura temporanea fino a quando non verranno vaccinate un numero sufficiente di popolazioni o non verranno scoperti nuovi trattamenti per rendere sicuro vivere con Covid.

Ha detto che vivere con zero Covid a lungo termine non è sostenibile. Ma ha aggiunto che qualsiasi riapertura deve essere gestita con attenzione, osservando che il Paese deve garantire che tutte le comunità, in particolare quelle vulnerabili, siano vaccinate al 70%.

“Se aprono e la copertura vaccinale in quelle aree è solo del 40% e del 90% in altri luoghi, hai un problema reale”, ha detto.

Un membro dello staff guida le persone mentre arrivano al Qudos Bank Arena NSW Health Vaccination Center il 27 agosto a Sydney, in Australia.

“Siamo solo un’isola che ha fermato i voli”

Con litigi e controversie, non è chiaro cosa accadrà una volta raggiunti gli obiettivi di vaccinazione australiani.

Alcuni stati australiani potrebbero aprirsi al resto del mondo prima che le persone possano guidare da uno stato all’altro.

Il tesoriere Josh Frydenberg ha dichiarato: “Potresti avere una situazione ridicola in cui qualcuno nel NSW potrebbe recarsi in Canada prima di poter andare a Cairns, o qualcuno a Victoria potrebbe recarsi a Singapore o Bali prima di poter andare a Cairns. Perth”. Lunedì.

“Qualcuno a Victoria può recarsi a Singapore o Bali prima di poter andare a Perth”.Josh FrydenbergTesoriere australiano

Con un occhio all’economia a diversi mesi dalle elezioni, il governo federale vuole riaprire il Paese in modo che l’Australia possa uscire dalla sua caverna e unirsi al resto del mondo.

Mercoledì, il procuratore generale australiano Michaelia Cash sembrava minacciare un’azione legale per costringere gli stati ad aprire i loro confini. Tuttavia, Cash in seguito ha affermato che era stato frainteso, suggerendo che il governo federale voleva evitare di sembrare prepotente con gli stati nel fare le loro offerte.

A Victoria, Stepsis mette in dubbio le promesse che la vita sarà più libera una volta che il paese uscirà dal blocco. Ritiene che nel momento in cui si verifica un grave focolaio, le autorità locali premeranno nuovamente il “grilletto del blocco”.

“Penso che si siano messi in un angolo cercando di essere i migliori al mondo”, ha detto, riferendosi al precedente successo dell’Australia nel tenere lontano il Covid.

“Gli australiani si sono seduti indietro battendosi il petto: ‘Guardateci intelligenti, abbiamo sconfitto il virus. Non siamo intelligenti, siamo solo un’isola che ha voli a terra”.