septiembre 28, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Spie del Cremlino sposate, un’oscura missione a Mosca e disordini in Catalogna

Barcellona, ​​​​Spagna – Nella primavera del 2019, l’inviato del più grande leader separatista della Catalogna si è recato a Mosca in cerca di un’ancora di salvezza politica.

Il movimento per l’indipendenza in Catalogna, la regione semi-autonoma nel nord-est della Spagna, è stato in gran parte schiacciato dopo un referendum sulla secessione due anni prima. L’Unione Europea e gli Stati Uniti, che hanno sostenuto gli sforzi della Spagna per mantenere intatto il Paese, ha rifiutato Appelli separatisti per il sostegno.

Ma in Russia la porta è stata aperta.

A Mosca, l’inviato, Josep Luis Alai, consigliere anziano dell’ex presidente catalano Carles Puigdemont, ha incontrato gli attuali funzionari russi, ex ufficiali dell’intelligence e il nipote di un ufficiale dell’intelligence russa. L’obiettivo era quello di assicurarsi l’aiuto della Russia nel separare la Catalogna dal resto della Spagna, secondo un rapporto dell’intelligence europea recensito dal New York Times.

Alla domanda sui risultati del rapporto, sia il sig. Ali che il sig. Puigdemont hanno confermato i viaggi a Mosca, che non sono mai stati riportati, ma hanno insistito sul fatto che facevano parte di contatti regolari con funzionari e giornalisti stranieri. Il sig. Ali ha affermato che qualsiasi suggerimento che stesse cercando l’aiuto russo era una “favola creata da Madrid”.

Ma altri documenti riservati indicano che la Russia era la principale preoccupazione tra il signor Alli e il signor Puigdemont.

Per la Russia, il contatto con i separatisti si inserisce nella strategia del presidente Vladimir Putin di cercare di seminare disordini in Occidente sostenendo i movimenti politici di divisione. In Italia una voce segreta Le registrazioni hanno rivelato un complotto russo per finanziare segretamente la Lega di estrema destra. In Gran Bretagna, l’inchiesta del Times ha rivelato Discussioni tra figure marginali di destra Informazioni sull’apertura di conti bancari a Mosca. E in Spagna, secondo il rapporto dell’intelligence, i russi hanno anche offerto assistenza ai partiti di estrema destra.

Che il signor Ali lo sapesse o no, molti dei funzionari che ha incontrato a Mosca erano coinvolti in quella che divenne nota come la guerra ibrida del Cremlino contro l’Occidente. Questa è una strategia a più livelli che include propaganda e disinformazione, finanziamento nascosto di movimenti politici sovversivi, hacking e fuga di informazioni (come è successo nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016) e “azioni attive” come omicidi volti a minare la stabilità degli oppositori di Mosca. .

Non è chiaro quale sia l’eventuale assistenza che il Cremlino abbia fornito ai separatisti catalani. Ma i viaggi di Alai a Mosca nel 2019 sono stati rapidamente seguiti dall’emergere di un gruppo di protesta segreto, lo Tsunami democratico, che ha interrotto le operazioni all’aeroporto di Barcellona e ha interrotto un’importante autostrada che collega la Spagna al nord Europa. Un rapporto confidenziale della polizia della Guardia Civil spagnola, ottenuto dal Times, ha scoperto che il signor Alay era coinvolto nella creazione del gruppo di protesta.

La trascrizione segreta di 700 pagine di messaggi di testo mostra gli sforzi congiunti del sig. Ali e di altri membri della cerchia di Mr. Puigdemont per sviluppare relazioni con i russi che hanno legami con l’establishment dell’intelligence del paese.

“Penso molto alla Russia”, ha scritto Alli il 23 agosto dello scorso anno a Puigdemont. “E in questi giorni, è tutto molto complicato.”

Le voci sul coinvolgimento russo in Catalogna sono emerse per la prima volta poco dopo che il governo di Puigdemont ha tenuto un referendum sull’indipendenza nell’ottobre 2017. Il referendum è passato, in modo schiacciante, con gli elettori anti-secessione in gran parte boicottati; Le autorità spagnole l’hanno dichiarato illegale e hanno imprigionato i leader politici che non sono fuggiti all’estero.

READ  Il pilota di elicottero ha ottenuto un biglietto per atterrare a Dairy Queen per una torta

Le autorità spagnole hanno poi stabilito che agenti di un gruppo specializzato di intelligence militare russa avevano contatti con Unità 29155Collegato a tentativi di golpe e assassinio in Europa, era presente in Catalogna all’epoca del referendum, ma la Spagna non ha fornito alcuna prova di aver svolto un ruolo attivo.

Diversi leader indipendentisti catalani hanno accusato le autorità di Madrid di usare lo spettro dell’ingerenza russa per screditare quello che descrivono come un movimento popolare di cittadini comuni. Il referendum è stato sostenuto da una fragile coalizione di tre partiti politici si scioglie velocemente Sui disaccordi su ideologia e strategia. Anche se alcune parti hanno spinto per un accordo negoziato con Madrid, Puigdemont, un ex giornalista con una ciocca di capelli simile ai Beatles, ha evitato l’accordo.

Alla domanda sulla diffusione della Russia, l’attuale governo catalano sotto il presidente Pere Aragones ha preso le distanze da Puigdemont.

“Questi viaggi a Mosca non sono stati intrapresi per conto del governo catalano e si sono svolti all’insaputa di Pere Aragones”, ha affermato Serge Sabria, portavoce di Aragones. “Queste persone non fanno nemmeno parte del partito del presidente, che non conosce le agende degli altri partiti”.

Per compilare i contatti con la Russia, il Times si è basato su un rapporto dell’intelligence europea di 10 pagine, il cui nucleo è stato confermato da due funzionari spagnoli; I fascicoli di due indagini riservate separate condotte dai giudici di Barcellona e Madrid, che includono trascrizioni, ma non hanno prodotto alcuna accusa relativa agli incontri di Mosca; e interviste con politici e attivisti per l’indipendenza in Catalogna, nonché con funzionari della sicurezza in Spagna e all’estero.

Un rapporto dell’intelligence del giugno 2020 ha affermato che il signor Alai, insieme all’uomo d’affari russo Alexander Dmitrenko, ha cercato assistenza finanziaria e tecnica dalla Russia per creare i settori bancario, delle telecomunicazioni e dell’energia separati dalla Spagna. Il rapporto afferma che la coppia, insieme all’avvocato di Puigdemont, Gonzalo Bui, si è anche consultata con il leader di un violento sindacato criminale russo, come parte di uno sforzo per creare un canale segreto di denaro per finanziare le loro attività.

I messaggi di testo, presi dal telefono di Ali quando è stato brevemente arrestato nell’ottobre 2020, aiutano a confermare parti del rapporto dell’intelligence.

“Lavoriamo per gli americani”, ha detto una volta Ali, riferendosi a un programma forex sugli ufficiali del KGB negli Stati Uniti.

Non era uno scherzo. Due dei suoi contatti principali in Russia, secondo il rapporto dell’intelligence, erano una squadra composta da marito e moglie di ufficiali dell’intelligence la cui storia ha contribuito a ispirare la serie.

Il movimento per l’indipendenza catalana stava prendendo slancio per un decennio, ma nel 2019 era caduto nel caos.

Nove leader del movimento erano in prigione e presto sarebbero stati condannati a lunghe pene detentive per il loro ruolo nel referendum. (Tutti sono stati graziati quest’estate.) Altri sono fuggiti dalla Spagna, tra cui Puigdemont, che vive in Belgio ed è ora membro del Parlamento europeo, proprio come ha fatto lui denunciare contro “Il silenzio delle grandi istituzioni europee”.

READ  Dall'India a Twitter: rispettare le regole IT o affrontare "conseguenze indesiderate"

L’Unione Europea ha dichiarato illegale il referendum sull’indipendenza catalana. Al contrario, la posizione della Russia era più ambigua. Il presidente Vladimir Putin ha descritto la campagna separatista della Catalogna come una conseguenza dell’Europa del sostegno ai movimenti indipendentisti nell’Europa orientale dopo la caduta dell’Unione Sovietica.

“C’è stato un tempo in cui hanno accolto con favore il crollo di un’intera catena di governi in Europa, e non hanno nascosto la loro felicità per questo”, ha detto Putin. Parliamo sempre di doppi standard. Ecco.”

Nel marzo 2019, Ali si è recato a Mosca, poche settimane dopo che i leader del movimento indipendentista catalano erano stati processati. Tre mesi dopo, il signor Ali se n’era andato di nuovo.

In Russia, secondo il rapporto dell’intelligence, il signor Alay e il signor Dmitrenko hanno incontrato diversi ufficiali dell’intelligence straniera attivi, così come Oleg V. Egli sta supervisionando la lotta al terrorismo come vice ministro del ministero degli Esteri russo.

Il signor Alai ha negato di aver incontrato il signor Siromolotov e gli ufficiali, ma ha ammesso di aver incontrato Yevgeny Primakov, nipote di una famosa spia del KGB, per assicurarsi un’intervista con il signor Puigdemont sul programma di affari internazionali che ha condotto sulla TV del Cremlino. L’anno scorso, il signor Primakov è stato nominato dal signor Putin alla guida di un’agenzia culturale russa che, secondo i funzionari della sicurezza europea, funge spesso da facciata per le operazioni di intelligence.

“Buone notizie da Mosca”, il signor Alai ha successivamente inviato un messaggio di testo al signor Puigdemont, informandolo della nomina del signor Primakov. In un altro scambio, il signor Dmitrenko ha detto al signor Alai che la promozione del signor Primakov “lo mette in una posizione molto buona per far funzionare le cose tra di noi”.

Il signor Alli ha anche confermato il suo incontro con Andrei Bezrukov, un esperto ex ufficiale del Servizio di intelligence estero russo. Per più di un decennio, il signor Bezrukov e sua moglie, Yelena Vavilova, sono stati agenti sotto copertura che vivono negli Stati Uniti usando i nomi in codice Donald Heathfield e Tracy Foley.

La loro storia di spionaggio, arresto ed eventuale ritorno in Russia era in uno scambio di spionaggio che è servito come base per la serie TV The Americans. Il signor Ali sembra essere diventato vicino alla coppia. Lavorando con il signor Dmitrenko, ha trascorso circa tre mesi nell’autunno del 2020 traducendo la traduzione catalana del romanzo autobiografico della signora Vavilova “La donna che può mantenere i segreti”, secondo la sua corrispondenza crittografata.

Il signor Ali, che è anche professore universitario e autore, ha affermato di aver ricevuto un invito dal signor Bezrukov, che ora studia in un’università di Mosca, a tenere due conferenze.

Il signor Ali è stato accompagnato in ciascuno dei suoi viaggi dal signor Dmitrenko, 33 anni, un uomo d’affari russo sposato con una donna catalana. Il signor Dmitrenko non ha risposto alle richieste di commento. Ma le autorità spagnole lo hanno individuato e nel 2019 hanno respinto la sua domanda di cittadinanza a causa dei suoi contatti russi, secondo una decisione del ministero della Giustizia spagnolo rivista dal Times.

READ  L'Australia ha battuto il mondo con il suo lockdown per il Covid. Ora è profondamente diviso su come riaprire

La decisione ha affermato che il signor Dmitrenko “riceve incarichi” dall’intelligence russa e “svolge varie funzioni” per i leader della criminalità organizzata russa.

Pochi mesi dopo i viaggi del signor Ali a Mosca, in Catalogna sono scoppiate le proteste.

Un gruppo che si autodefinisce “Tsunami Democratico” ha occupato gli uffici di una delle più grandi banche spagnole, ha chiuso per due giorni un’importante autostrada tra Francia e Spagna e ha organizzato la cattura dell’aeroporto di Barcellona, ​​che ha portato alla cancellazione di oltre cento voli.

Le origini del gruppo sono rimaste poco chiare, ma uno degli archivi della polizia segreta ha affermato che il signor Ali ha partecipato a un incontro a Ginevra, dove lui e altri attivisti per l’indipendenza hanno finalizzato i piani per esporre il Partito Democratico dello Tsunami.

Tre giorni dopo che lo tsunami democratico ha occupato l’aeroporto di Barcellona, ​​due russi hanno viaggiato da Mosca a Barcellona, ​​​​la capitale catalana, secondo i dati di volo ottenuti dal Times.

Uno di loro era Sergei Somin, che è stato descritto dal rapporto dell’intelligence come un colonnello del Servizio di protezione federale russo, che sovrintende alla sicurezza di Putin e non è noto per le sue attività all’estero.

L’altro era Artyom Lukoyanov, il figlio adottivo del massimo consigliere di Putin, che era profondamente coinvolto negli sforzi della Russia per sostenere i separatisti nell’Ucraina orientale.

Secondo il rapporto dell’intelligence, il sig. Ali e il sig. Dmitrenko hanno incontrato i due uomini a Barcellona per una sessione strategica per discutere del movimento per l’indipendenza, anche se il rapporto non ha fornito ulteriori dettagli.

Il signor Alai ha negato qualsiasi collegamento con i democratici dello tsunami. Ha confermato di aver incontrato il signor Somin e il signor Lukoyanov su richiesta del signor Dmitrenko, ma solo “per salutarli educatamente”.

Anche quando le proteste svanirono, i soci di Puigdemont rimasero occupati. Il suo avvocato, il signor Boye, si è recato a Mosca nel febbraio 2020 per incontrare Vasily Khristoforov, descritto dalle forze dell’ordine occidentali come una figura russa di spicco nel crimine organizzato. L’obiettivo, secondo il rapporto, è reclutare il signor Khristoforov per aiutare a stabilire un canale di finanziamento clandestino per il movimento indipendentista.

In un’intervista, il signor Bowie ha riconosciuto il suo incontro a Mosca con il signor Khristoforov, ricercato in diversi paesi tra cui la Spagna con l’accusa di reati finanziari, ma ha affermato di aver discusso solo di questioni relative ai casi legali del signor Khristovorov.

Entro la fine del 2020, i messaggi di Mr. Ali rivelano un desiderio di mantenere felici i suoi contatti russi. Nelle conversazioni con Puigdemont e Bowie, ha affermato che dovrebbero evitare qualsiasi dichiarazione pubblica che possa far arrabbiare Mosca, in particolare sulle proteste democratiche che la Russia sta contribuendo a disperdere violentemente in Bielorussia.

Il signor Puigdemont non ha sempre ascoltato il consiglio, apparendo a Bruxelles con l’opposizione bielorussa e twittando il suo sostegno ai manifestanti, spingendo il signor Puigdemont a mandare un messaggio a Allai che “dobbiamo dire ai russi che questo era solo per fuorviare”.