octubre 17, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’Australia firma accordi per Facebook e Google con un nuovo sistema di licenze

Una rappresentazione in plastica 3D del logo di Facebook appare in questa illustrazione a Zenica, Bosnia ed Erzegovina, il 13 maggio 2015. REUTERS / Dado Ruvic

Emittente ed editore australiano Nine Entertainment Co Holdings Ltd. (NEC.AX) Ha detto di aver firmato accordi pluriennali di fornitura di contenuti con Google (GOOGL.O) E Facebook Inc. (FB.O)E sfruttando nuove e rigorose leggi sulle licenze per aumentare i profitti.

La mossa significa che tutte le prime tre società di media australiane hanno ora accordi con i giganti della tecnologia statunitense che fino a quest’anno si sono opposti con veemenza alle leggi che li costringono a negoziare le tariffe che pagano per i collegamenti che portano a clic sulle loro piattaforme.

Il proprietario dell’Australian Financial Review, Sydney Morning Herald e il quotidiano gratuito Nine hanno affermato che forniranno articoli e clip a Google News Showcase per cinque anni e un prodotto simile su Facebook per tre anni.

Questi accordi aiuteranno a supportare il giornalismo di livello mondiale in cui prospera la nostra attività “, ha detto in una e-mail il CEO di Nine Mike Sneesby, aggiungendo che aiuterebbero anche l’azienda a continuare a crescere per consolidare la sua forza a lungo termine. termine.

Un portavoce di Google ha rifiutato di commentare mentre Facebook non era immediatamente disponibile per commentare.

Concorrenti Seven West Media Limited (SWM.AX) E Robert Murdoch News Corp. (NWSA.O), Che domina il mercato dei media tradizionali in Australia, insieme a nove, ha firmato accordi simili negli ultimi mesi. Leggi di più

Come altri, Nine non ha rivelato i dettagli finanziari degli accordi.

Ma ha detto che si aspettava che contribuissero ad aumentare i suoi guadagni ante imposte presso la sua unità editoriale fino a 40 milioni di dollari australiani ($ 31 milioni) nell’anno conclusosi a giugno 2022, rendendola la prima azienda a dare un valore in dollari al nuovo accordi.

READ  I futures su azioni vanno al rialzo prima della decisione della Fed

L’utile prima delle imposte dell’unità è stato di 68,1 milioni di dollari australiani nei sei mesi terminati a dicembre.

Su una nota del cliente, l’analista di Morningstar Brian Han ha definito i Nove accordi “accordi drammatici ad alto margine che stanno finalmente trasformando un’immagine di segmentazione sfortunata e strutturalmente sfidata in una divisione che ora può monetizzare meglio (anche se ancora in diminuzione) le sue risorse giornalistiche”.

Nove azioni sono aumentate dal 5% all’1% nel tardo pomeriggio di negoziazione, poiché il mercato si è generalmente stabilizzato.

Dopo un’aspra controversia con il governo sulle leggi che ha portato Facebook a bloccare brevemente tutti i contenuti di terze parti sulla sua piattaforma in Australia, le società chiamate “Big Tech” si sono iscritte per pagare i contenuti di dozzine di società regionali e specializzate più piccole. Fornitori.

Il mese scorso, l’amministratore delegato dell’Australian Broadcasting Corp ha dichiarato in un’audizione parlamentare che l’emittente statale era tra le società di media che hanno firmato lettere di intenti per accordi con Facebook e Google, ma non avevano ancora finalizzato gli accordi.

(1 dollaro = 1,2917 dollari australiani)

I nostri criteri: Thomson Reuters Trust Principles.