junio 25, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’ambiziosa Italia affronta la talentuosa Turchia nell’alzare il sipario per Euro 2020 | notizie di calcio

ROMA – Cinque anni dopo l’ultima grande apparizione nel torneo, l’Italia è tornata al centro della scena quando venerdì ha ospitato allo Stadio Olimpico di Roma la Turchia, rivale del Gruppo A, nella partita inaugurale di Euro 2020.
La mancata qualificazione degli azzurri ai Mondiali 2018 è stata una tragedia sportiva nazionale per i quattro volte campioni del mondo.
Ma da allora il manager Roberto Mancini ha costruito una squadra attraente ed energica che entra nel torneo con l’ambizione di raggiungere la finale di Londra, cinque anni dopo essere stata sconfitta ai rigori dalla Germania nei quarti di finale di Euro 2016.
Le aspettative sono aumentate rapidamente nella penisola, il che è comprensibile: la squadra è rimasta imbattuta da 27 partite, una striscia che risale a settembre 2018, e il loro costante miglioramento è stato sottolineato dal 4-0 sulla Repubblica Ceca nell’ultima partita di riscaldamento . Gioco.
Il centrocampista chiave Marco Verratti salterà la partita per un infortunio al ginocchio, ma spera di tornare in tempo per la seconda partita dell’Italia contro la Svizzera. Al suo posto probabilmente partirà Manuel Locatelli del Sassuolo.
Avere tre partite in casa davanti a circa 16.000 spettatori sarà una spinta alle speranze dell’Italia, che sono grandi sia dentro che fuori dal ritiro.
“Questa squadra italiana ha una qualità superiore a quella del 2016, ma dobbiamo dimostrarlo”, ha detto il difensore Alessandro Florenzi.
“Se fossimo usciti nei gironi, avremmo fatto peggio di cinque anni fa. Per dimostrare che siamo più forti, dobbiamo almeno superare i quarti di finale”.
Tuttavia, gli Azzurri affrontano un compito difficile nella prima giornata contro una Turchia tenace e di talento che ha brillato nelle qualificazioni e ha un debole per le grandi partite.
La Turchia ha guadagnato quattro punti in due partite contro la Francia campione del mondo nelle qualificazioni agli Europei e da allora ha battuto l’Olanda 4-2 nelle qualificazioni ai Mondiali e ha pareggiato 3-3 amichevoli con Germania e Croazia.
Contrariamente a quanto suggerirebbero quelle partite piene di gol, la più grande forza della Turchia è una difesa che ha subito tre gol nelle qualificazioni a 10 euro, guidata dal difensore centrale Caglar Soyuncu del Leicester e Meri Demiral della Juventus.
L’allenatore Senol Gunes ha portato la Turchia a un impressionante terzo posto ai Mondiali del 2002. Qualsiasi speranza di un’impresa simile quest’estate può dipendere da questa persistenza.
Ma ci sono minacce anche dall’altra parte del campo di gioco. Il regista dell’AC Milan Hakan Calhanoglu conoscerà meglio i suoi avversari a Roma, mentre l’attaccante 35enne Burak Yilmaz ha recentemente portato il Lille al titolo di Ligue 1 insieme ai suoi compagni di squadra Zeki Celik e Yusuf Yazici.
Tuttavia, la storia è dalla parte dell’ospite. L’Italia non aveva mai perso contro la Turchia in 10 precedenti incontri in tutte le competizioni, vincendo sette e pareggiando tre.
È una striscia positiva che i tifosi locali sperano – e si aspettano – continui con l’inizio di un nuovo capitolo per la Nazionale italiana.