septiembre 20, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’allenatore dei Detroit Lions Dan Campbell sente il calore dopo il taglio di Don Muhlbach

Allen Park, Michigan – I segni X e O nel calcio sono facili per l’allenatore del primo anno dei Detroit Lions Dan Campbell, ma in quanto ex giocatore, a volte può tenere il cuore sulla manica.

Uno di quei momenti è arrivato martedì quando ha dovuto dare la dura notizia che i Lions avrebbero rilasciato il veterano Long Snapper Don Mohlbach Al suo quarantesimo compleanno.

Campbell ha ascoltato le critiche che sono seguite all’accordo, ma sapeva anche che era accompagnata dal lavoro, nonostante cercasse di mantenere un approccio gentile, specialmente quando si trattava con i media.

“Senza dubbio”, ha detto Campbell. “Non c’è modo di colorarlo”. Questo è il modo migliore per dirlo, e lo odio. Non c’era modo che potessi aggirarlo, davvero. Sì, si potrebbe dire così, ma alla fine è tutto merito mio. Colpa mia.

Mohlbach è stato un ex compagno di squadra di Campbell durante il suo mandato come giocatore con i Lions dal 2006 al 2008. Due volte professionista, Mohlbach ha trascorso 17 stagioni con la franchigia ed è stato tre volte capitano della squadra.

17 anni con la squadra sono i secondi nella storia dei Lions dopo il 21enne Jason Hanson.

“È brutto”, ha detto Campbell.

Nel prendere questo tipo di decisioni che implicano sentimenti di tagli alla rosa, Campbell afferma di aver basato la sua esperienza da Miami, dove è stato allenatore ad interim nel 2015. I Dolphins erano 1-3 prima che Campbell prendesse il comando, ma li ha aiutati ad andare 5-7 a fine anno, inclusa una vittoria sui New England Patriots alla fine della stagione.

READ  Il mega uomo dei Denver Nuggets Nikola Jokic vince il suo primo premio NBA Most Valuable Player, hanno detto le fonti.

“Guarda, sono stato fortunato ad avere — sono stato fuori per 12 settimane a Miami. Quindi ho davvero avuto un assaggio durante il periodo più difficile dell’anno, che è la stagione”, ha detto Campbell, descrivendo il mio passioni educative. “In un certo senso sapevo un po’ di cosa stavo andando. Ora, quello di cui non mi sono mai dovuto preoccupare era necessariamente quello che stava succedendo e cosa doveva succedere un paio di giorni fa quando devi iniziare a lasciare andare i giocatori che hanno dato il loro cuore e la loro anima a tutto.

“Questo è difficile. Per me, a volte posso prendere le cose sul personale, se sono onesto con te… So quando vedi questi ragazzi che stanno letteralmente dando il massimo e devi lasciarli andare o devi fare queste decisioni, è difficile. È difficile. Davvero difficile perché le apprezzo, ma è così”.